Il Parco Ciclistico dell’Etna continua a crescere Presto altre due salite: i percorsi in anteprima

«Magari li chiameremo Imperatore e Imperatrice»: l’ex ciclista professionista Paolo Alberati, mente e cuore alla base dell’idea del Parco Ciclistico dell’Etna, sorride pensando alle denominazioni da affibbiare a chi riuscirà a compiere la nuova impresa. I ciclisti che finora si sono tolti lo sfizio di scalare i sei versanti già esistenti diventano infatti Re e Regina del Vulcano: a breve però la sfida diventerà ancora più ardua. Ai percorsi già presenti, infatti, si aggiungeranno altre due salite: quella che da Adrano porta al Monte Intraleo e la Biancavilla-rifugio Sapienza.

Il versante adranita ha una storia particolare, dato che l’idea originaria era quello di inserirlo subito tra le sei salite scalabili. La selezione, poi, aveva finito per premiare il percorso Ragalna-Piano Vetore: questo grazie al passaggio del Giro d’Italia 2018, col conseguente miglioramento delle strade. «La scelta era legata anche al fatto che, nell’ascesa da Adrano, uno dei curvoni si era trasformato in una vera e propria discarica abusiva. Adesso però il famoso tornante è stato destinato a un’isola ecologica e il tracciato, nella parte alta, ha subito migliorie importanti». I tempi per l’inserimento nel Parco Ciclistico sono dunque maturi: si parte dalla circonvallazione di Adrano, per inerpicarsi fino all’area attrezzata di Monte Intraleo (circa 1400 metri sul livello del mare, totale 14 chilometri).

La Biancavilla-Rifugio Sapienza, invece, si prepara a essere la tappa più lunga, con i suoi quasi 24 chilometri di percorso tutti in salita. Saranno i paesaggi a rendere ancora più caratteristica la scalata di questo versante: «I ciclisti pedaleranno inizialmente tra le limonaie – precisa Alberati –  passando poi per vigneti e meleti a quota mille, fino ad essere circondati dalla classica sciara vulcanica». I tempi dell’apertura dei due percorsi non sono ancora certi: ciò che è sicuro, però, è che tutto sarà fatto con la dovuta calma. «L’idea è quella di aggiungere un versante tra settembre e ottobre, lanciando il secondo per l’anno prossimo. La scelta – ricorda l’intervistato – è legata anche alla volontà di non bruciare l’impresa che in questo momento tanti appassionati su due ruote stanno compiendo. Sono in tantissimi, infatti, a scalare i sei versanti del Parco Ciclistico per poi ottenere il brevetto».

I numeri, in tal senso, sono emblematici. «Dal primo agosto 57 persone hanno chiesto il diploma, dopo avere percorso le sei salite: nel 2020 più o meno dieci-quindici ogni settimana». Una partecipazione sorprendente per lo stesso Alberati che, però, è riuscito a dare una spiegazione a questo boom: «È una questione di cuore. Molta gente si è approcciata a questa sfida ponendo alla base l’orgoglio. Qui ciò che conta non è essere veloci, ma tenaci. Chi decide di scalare i sei versanti non ha fretta e non si preoccupa: partono all’alba e arrivano col buio». La volontà di misurarsi col gigante Etna, dunque, è più che altro una sfida con sé stessi, nel tentativo di ridiscutere i propri limiti. Si va dal signore di Mantova che inforca la bicicletta dopo aver sconfitto un tumore al cervello, alla madre che in seguito a una delicata operazione subita dai figli decide di affrontare il vulcano, con i bambini al seguito: la magia dello sport, in fondo, è tutta racchiusa qui.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]