Il Palermo ha giocato alla pari contro una big Nel match con il Bari il punto è più che meritato

Ci sono pareggi e pareggi. Il punto conquistato dal Palermo nella gara interna con il Bari nell’ultimo appuntamento del 2020 è diverso da quello rimediato domenica scorsa sul campo della Vibonese. In Calabria i rosanero hanno ottenuto un pari con un retrogusto amaro riconducibile alla consapevolezza di avere sprecato un’occasione. Quello conquistato al Barbera con i pugliesi (1-1 il risultato finale) è invece un buon punto, che la squadra ha strappato meritatamente al culmine di una prestazione positiva contro una corazzata del campionato costruita da una dirigenza ambiziosa per recitare un ruolo da protagonista.

Prendendo in prestito come spesso accade in questi casi la terminologia della boxe potremmo anche dire che i rosa, scesi in campo con la casacca (bianca e blu) celebrativa del 120esimo anniversario della fondazione del club, ai punti avrebbero meritato anche qualcosa in più del pareggio per il numero di occasioni create soprattutto nel primo tempo. Ma nonostante il rammarico per la mancata vittoria, gli uomini di Boscaglia hanno comunque dei motivi per cui sorridere ed essere soddisfatti. Il gol realizzato all’88’ da Lucca (entrato al 73’ al posto di Rauti) con un bolide su una punizione da fuori area finito sotto il sette della porta difesa da Frattali premia gli sforzi compiuti dai padroni di casa che, sotto di un gol al tramonto del primo tempo alla luce dell’acuto dell’esterno offensivo D’Ursi abile a superare Pelagotti sfruttando una palla vagante in area di rigore sugli sviluppi di un rimpallo, hanno lottato senza mai risparmiarsi facendo il possibile prima di tutto per vincere la partita e poi, nel momento in cui la strada è diventata in salita, per portare a casa un risultato positivo, utile soprattutto per il morale.

C’è tanta roba nel bagaglio che il gruppo porterà con sé nei prossimi giorni di vacanza in concomitanza con le festività natalizie: c’è la consapevolezza di potere interpretare schemi diversi dal modulo base (e lo dimostra il fatto che ha funzionato l’iniziale 4-1-4-1 disegnato da Boscaglia con Palazzi schermo davanti alla difesa in una posizione leggermente più arretrata in mediana rispetto a Odjer – vittima nel finale, secondo la sua versione, di un episodio a sfondo razzista che avrebbe avuto come protagonista l’attaccante Antenucci – e Luperini con Kanouté e Rauti a presidiare le corsie esterne a supporto di Saraniti) e che il gap di tredici punti dal Bari sancito dalla classifica in realtà è bugiardo. Il Palermo ha dimostrato che, se ha la testa giusta e se è in giornata, nella partita secca può giocarsela alla pari con chiunque. Il problema, tuttavia, è il solito e riguarda il fatto che nel quadro all’interno del quale fotografiamo le partite della compagine di Boscaglia alcune macchie, più o meno grandi, sporcano molto spesso quei colori che la squadra a volte riesce ad esaltare anche in maniera brillante.

Se ad esempio avessero mostrato maggiore cinismo sotto porta – il riferimento, in questo caso, è alle occasioni sprecate da Rauti e Luperini rispettivamente nel primo e nel secondo tempo con due colpi di testa ad un passo dal portiere – i rosanero avrebbero potuto cambiare l’inerzia del match. Una sfida nella quale il Bari, squadra esperta e sorniona, senza incantare sul piano di una manovra impostata più che altro per sfruttare le ripartenze facendo leva sull’estro degli esterni d’attacco Marras e D’Ursi, sembrava quasi aspettare da un momento all’altro l’errore del Palermo. Come se i biancorossi, privi dello squalificato Montalto e degli indisponibili Citro e Minelli, avessero sentore della latente vulnerabilità di un avversario (anche sfortunato come dimostrano gli infortuni rimediati nel corso della gara dai difensori centrali Marconi e Lancini) accompagnato ancora da lacune, sia strutturali sia quelle legate alla qualità di alcuni singoli, che ad intermittenza si manifestano vanificando nel contesto della partita il buono che la stessa squadra sa produrre.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]