Il look rock di Carmen Consoli

«La vita è una domenica al mare. Un’alba nuova da guardare».

Mi emozionano queste parole, che canta la mia amica Carmen Consoli nel nuovo singolo Una domenica al mare. La Cantantessa. La conosco da così tanti anni, che non ricordo più bene come è iniziata la nostra amicizia. Ricordo però di quella volta – una delle prime, se non la prima addirittura – in cui le tagliai i capelli corti in uno dei nostri saloni di Torino. Un taglio audace, come era, come è lei. Ma pur sempre un corto con la sua femminilità, raffinato, con un allure siculo-francese pieno di onde e morbidezza.

Mi piaceva molto come le stava quel taglio, con cui Carmen ha interpretato quell’orgoglio riccio tipico mediterraneo in cui molte donne si ritrovavano, lasciato con naturalezza a una sana selvaggitudine ben celebrata. Ricordo che, finito il taglio, Carmen raccolse i suoi capelli in una busta, li pesò e decise di portarli con sé per tutta la tournée. Come talismano, forse. O come simbolo della forza che non aveva perduto tagliando i capelli, perché lei la sua forza ce l’ha ovunque dentro, e non solo nei capelli come invece accadeva a Sansone.

Ricordo bene anche il pomeriggio trascorso in casa sua, lo scorso giugno. A Catania, la nostra Catania. Con me c’era la mia fidata collaboratrice, Graziella Politi. Eravamo lì, a casa di Carmen, per studiare il cambio look della cantantessa insieme alla sua stylist Susanna Ausoni, in vista del lancio del suo nuovo album, “Volevo fare la rockstar”, programmato per il 24 settembre.

Adesso l’album è uscito, da pochi giorni. Ma immaginate che magia è stata per me ascoltarlo in super anteprima con lei, in quel primo pomeriggio di giugno, a casa sua. Canzone dopo canzone, una a una. Un momento fondamentale per il mio lavoro di hairdesigner, perché i capelli comunicano da dove vieni e dove vuoi andare, materializzano la coscienza, la tensione verso qualcosa di preciso. In un’artista ancora di più. E nel caso di Carmen, che è una cantante, anche l’impatto visivo dice molto del suo mondo musicale e del sentimento chiaro che, in quel momento, vuole comunicare attraverso al sua musica.

Quando studio per voi un cambio look, mi piace sempre conoscere il vostro mondo interiore, la vostra luce, il vostro bagaglio personale, anche guardando i vostri gesti e il modo in cui vi muovete nello spazio. Allo stesso modo, per studiare il nuovo look della nostra Cantantessa, avevo bisogno di capire cosa c’era dietro alla nuova musica che aveva composto e che da lì a breve avrebbe regalato al mondo, quale sentimento, quale direzione. E quello che ho sentito è stato la voglia in lei di mostrare quella sua anima rock che trasuda attraverso note introspettive, senza urlarla, piuttosto tinteggiandola in pochi dettagli, anche dell’immagine. Di un’immagine che, poi però, in qualche modo prescinde e trascende.

Ne è passato di tempo da quel corto così sinuoso e femminile, che per me ha rappresentato il personal best di Carmen nel suo tocco red carpet al Festival di Sanremo 2010, quando interpretò alla sua maniera – quindi in modo sublime – Grazie dei fiori di Nilla Pizzi con un’immagine carica di identità. In questo tempo trascorso in mezzo Carmen Consoli è andata in un’altra direzione, cambiando spesso look ma con un trasformismo sempre misurato, che passa dal cortissimo al lungo, al medio e al medio-lungo.

Fino ad arrivare adesso al french shag dal guizzo anni 70′ e 80′ che abbiamo scelto insieme, dopo quel pomeriggio di musica e cuore che ha dato «un po’ di ossigeno a pensieri e parole», come canta lei in Una domenica al mare. Un taglio tutt’altro che romantico, piuttosto tonico e determinato, per tornare sul palco con un’immagine piena di energia e forza, che ho ottenuto per Carmen scalando i capelli e verticalizzando la silhouette, e creando una frangia che si prende la scena e porta l’attenzione sulla sua bellissima bocca.

È un taglio medio, appena sotto le spalle, che si allunga appena dietro. Chic, leggero e irregolare, sfilato ma non troppo, versatile, dal fascino immediato parisienne, gentile e allo stesso tempo energetico. Completato da due ciocche evidenziatrici ai lati, tagliate con una linea quasi grafica all’altezza del mento, e da quella frangia piena ma soffice, che accarezza lo sguardo e si apre dinamica, seguendo la gestualità di una donna che si muove sul palco con la chitarra in mano.

Quanto al colore, ho scelto per Carmen un tono molto scuro, un bruno cioccolato profondo che ho chiamato bruno Carmen e che esalta la sua pelle molto chiara, lasciandole addosso una bella vibrazione. Quella di una donna che “voleva fare la rockstar” ed è diventata molto di più: la Cantantessa. Con il suo stile elettro-acustico particolarissimo, inconfondibile.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]