Il governo nazionale punta ancora su Mister Prezzi, il dirigente della Regione in aspettativa

«Il mio lavoro qui è finito» recita un noto meme che circola sui social in cui l’eroe protagonista lascia le scene pur senza avere risolto granché. Un meme che potrebbe essere utilizzato, in maniera scherzosa, s’intende, per raccontare l’ultima parentesi di Benedetto Mineo alla Regione Siciliana, nonostante, è bene dirlo, ha avuto tutte le ragioni per preferire Roma e Palermo, visto anche il pacchetto di poteri studiati apposta per lui dal nuovo ministero per le Imprese e il Made in Italy.

Bagherese, 63 anni appena compiuti, Benedetto Mineo è un esperto in materia finanziaria: laurea con lode in Economia e commercio, master in Diritto amministrativo, perfezionamento post laurea in Scienze giuridiche e amministrative. Un tecnico, dunque, che da sempre dà del tu alla politica, figlio di un dirigente regionale della Democrazia cristiana, anche se non tenta la via elettorale. Alla Regione ci entra nel 1996 da dirigente del Tesoro, per poi diventare nel 2001 capo di gabinetto vicario del neo eletto presidente Totò Cuffaro. L’esperienza in Regione continua fino a quando nel 2009 entra nel mondo delle riscossioni, con l’incarico di presidente del consiglio di sorveglianza di Riscossione Sicilia. Da qui l’impennata nella sua carriera: arriva in Equitalia, dove diventa prima dirigente, poi come amministratore delegato di Equitalia Sud e in fine come amministratore delegato di Equitalia Spa. Nel 2018 l’allora governo gialloverde lo pone alla guida dell’agenzia delle Dogane, un’esperienza che durerà poco più di un anno.

È il 2020 infatti quando, in piena pandemia, arriva la chiamata di Nello Musumeci, in cerca di una figura in grado di guidare una task force di supertecnici in grado di studiare le contromosse per combattere le crisi economica e finanziaria durante l’emergenza Covid. Poco dopo a Mineo viene dato l’onere di occuparsi in pianta stabile degli annosi problemi che affliggono i conti della Regione con la nomina a dirigente generale del dipartimento Finanze e Credito. Ruolo che ricopre tutt’ora. Anzi, che ricoprirebbe, visto che da giugno 2021 si trova in aspettativa. Un’aspettativa prorogata appena mercoledì, perché quando Roma chiama è difficile dire di no. Nel giugno del 2021, infatti, Mineo diventa Segretario generale del ministero dello Sviluppo Economico, mentre a marzo dell’anno dopo gli viene assegnato il compito di dare nuova vita a un ruolo istituito dal governo Prodi nel 2007, ma caduto subito nel dimenticatoio, quello di Mister Prezzi (anche sul sito del governo lo chiamano così), il garante per la sorveglianza dei prezzi. Ruolo quanto mai ingrato visto che ben presto Mineo non solo dovrà fronteggiare gli aumenti sconsiderati durante l’emergenza sanitaria, ma anche il caso spinoso delle ripercussioni della guerra in Ucraina. E senza poteri sanzionatori, ma solo di segnalazione.

Superpoteri che arrivano con il governo di Giorgia Meloni, mentre fuori impazza la bufera del caro carburante, con la presidente impegnata a gestire le schermaglie ora dei cittadini, ora dei gestori delle stazioni di servizio, che non ci stanno a passare per cattivi in una narrazione piuttosto confusa. Così, l’11 gennaio arriva la nomina a segretario generale del ministero delle Imprese e del Made in Italy, dicastero a cui fa capo l’ufficio del garante, che in passato dipendeva dal Mise. E con la nomina anche i nuovi poteri e le nuove grandi responsabilità. Con buona pace della Regione che non ha potuto fare altro che concedere «aspettativa senza soluzione di continuità». E senza retribuzione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Il mio lavoro qui è finito» recita un noto meme che circola sui social in cui l’eroe protagonista lascia le scene pur senza avere risolto granché. Un meme che potrebbe essere utilizzato, in maniera scherzosa, s’intende, per raccontare l’ultima parentesi di Benedetto Mineo alla Regione Siciliana, nonostante, è bene dirlo, ha avuto tutte le ragioni […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]