Il consigliere aggiunto Thissera supera l’esame Un pensiero alla Francia: «La libertà è di tutti»

«Che hanno chiesto?». «Un po’ di articoli della Costituzione. Io avevo studiato, ma non era tanto difficile». Uno scambio di battute all’ordine del giorno se pronunciato tra due studenti nei corridoi di un dipartimento universitario. E invece a sentirsi rivolgere la fatidica domanda è stato Amal Thissera, consigliere aggiunto del Comune di Catania, eletto a novembre in rappresentanza dei cittadini di nazionalità extracomunitaria residenti a Catania. Commerciante, 31 anni, nato in Sri Lanka e da 16 anni residente a Catania, oggi ha sostenuto l’esame sulla costituzione italiana e sullo statuto siciliano. Un test che nei mesi scorsi ha suscitato polemiche e che oggi avrebbe imbarazzato lo stesso segretario generale del Comune, a capo della commissione esaminatrice. Insieme al consigliere aggiunto, a presentarsi all’orale volontariamente sono stati i due colleghi ordinari Agatino Lanzafame e Niccolò Notarbartolo. «Mi ha fatto piacere – commenta Thissera – Qualche minuto prima dell’esame abbiamo anche ripassato».

La necessità per Thissera di sostenere un esame è contenuta nell’articolo nove del regolamento comunale che disciplina l’elezione della figura del rappresentante dei cittadini extracomunitari in città. Un paragrafo che è stato frutto, a suo tempo, di un compromesso tra le varie anime del consiglio comunale. Nello specifico, a volere il test fu il gruppo Musumeci per Catania. «È una norma discriminatoria e incomprensibile, una bruttura figlia di un’ideologia distorta», commentava pochi giorni dopo l’elezione di Thissera il consigliere Pd Notarbartolo. «Trovo condivisibile che chiunque, italiano o straniero, viva nel nostro paese, specialmente se svolge funzioni istituzionali, non possa non conoscere la Costituzione e i principi fondamentali ai quali si ispira il nostro ordinamento. Ma proprio questi principi, ed in particolar modo il principio di uguaglianza, ci impongono di non discriminare le persone sulla base della loro nazionalità», gli faceva eco Lanzafame di Patto per Catania. E così oggi i due, come promesso, si sono presentati al test.

«Io non dico di essere contrario all’esame, ma non trovo giusto che un consigliere normale non lo faccia e che sia un regolamento apposito per gli extracomunitari», commenta Thissera. Che adesso attende il giuramento, «per poi vedere cosa potrò fare per i cittadini stranieri di Catania». La sua prima speranza è proprio la modifica del regolamento con cui è stato eletto. Non solo per il test sulla costituzione e sullo statuto, «che forse sarebbe meglio fare prima, ai candidati e non a chi viene eletto», spiega. A impensierire di più il consigliere aggiunto sono i tempi del mandato: «Due anni sono troppo pochi per poter fare qualcosa – commenta -, anche per i soldi spesi dal Comune per queste elezioni».

Ma nella mattinata del consigliere aggiunto c’è stato spazio anche per altri pensieri, lontani da Catania. In una foto scattata pochi minuti prima dell’esame, i tre – Thissera, Lanzafame e Notarbartolo, insieme a Emmanuel Sammartino dell’ufficio immigrazione della Cgil – posano sorridenti tenendo in mano il testo del primo comma dell’articolo 21 della Costituzione, dedicato alla libertà di pensiero. Un omaggio, all’indomani dell’uccisione di 12 persone – giornalisti, vignettisti e poliziotti – nella sede del settimanale satirico francese Charlie Hebdo per mano di tre uomini che, secondo i racconti dei testimoni, avrebbero affermato di fare parte di Al Qaeda. «Perché io sono contro i terroristi e la guerra. In Sri Lanka abbia l’esperienza di trent’anni di guerra civile e io sono contrario – conclude Amal Thissera – Ognuno deve avere la sua libertà e quello che stanno facendo… Ognuno deve lasciare l’altra gente libera».


Dalla stessa categoria

I più letti

Eletto a novembre per rappresentare i cittadini extracomunitari residenti a Catania, Amal Thissera ha dovuto sostenere oggi il test di costituzione italiana e statuto siciliano. Insieme a lui, volontari, i consiglieri Lanzafame e Notarbartolo. In una foto, i tre posano con il testo dell'articolo 21 della Costituzione, in ricordo dei 12 morti nella sede del settimanale satirico francese Charlie Hebdo

Eletto a novembre per rappresentare i cittadini extracomunitari residenti a Catania, Amal Thissera ha dovuto sostenere oggi il test di costituzione italiana e statuto siciliano. Insieme a lui, volontari, i consiglieri Lanzafame e Notarbartolo. In una foto, i tre posano con il testo dell'articolo 21 della Costituzione, in ricordo dei 12 morti nella sede del settimanale satirico francese Charlie Hebdo

Eletto a novembre per rappresentare i cittadini extracomunitari residenti a Catania, Amal Thissera ha dovuto sostenere oggi il test di costituzione italiana e statuto siciliano. Insieme a lui, volontari, i consiglieri Lanzafame e Notarbartolo. In una foto, i tre posano con il testo dell'articolo 21 della Costituzione, in ricordo dei 12 morti nella sede del settimanale satirico francese Charlie Hebdo

Eletto a novembre per rappresentare i cittadini extracomunitari residenti a Catania, Amal Thissera ha dovuto sostenere oggi il test di costituzione italiana e statuto siciliano. Insieme a lui, volontari, i consiglieri Lanzafame e Notarbartolo. In una foto, i tre posano con il testo dell'articolo 21 della Costituzione, in ricordo dei 12 morti nella sede del settimanale satirico francese Charlie Hebdo

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]