Il codice dietro ai blocchi dei tir «Una rivolta contro le cose che cambiano»

Non è manco colpa loro. Forse è che se sei siciliano lo capisci, altrimenti niente. Chi era che diceva la Sicilia come metafora? Sciascia? Ecco, appunto, neanche. La Sicilia come sciarada. I forconi li puoi leggere solo se hai una vaga idea del codice, come quella sezione della settimana enigmistica con le parole crociate crittografate: due, tre lettere, per potere cominciare, hai bisogno di sapere a che numero corrispondono, sennò come fai? I forconi sono una rivolta. Ma sono una rivolta verso le poche, pochissime cose che funzionano (cominciano a funzionare) e non verso quelle che non vanno. I forconi si ribellano proprio perché qualcosa, lentamente, sta cambiando.

1) I partiti di governo sono in crisi. Tutti. A qualunque livello, nazionale come regionale. C’è un vuoto di potere. E qua chi comanda lo dobbiamo sapere prima degli altri. L’abbiamo sempre saputo prima degli altri. Lo abbiamo deciso noi per gli altri. E ora che non lo sappiamo protestiamo perché lo vogliamo sapere. Che è ‘sta confusione?

2) La legge antiriciclaggio, lanciata da Prodi, e poi la tracciabilità dei pagamenti, creano un po’ di difficoltà a chi prima faceva comodamente (=crisi del lavoro nero, delle bustarelle etc).

3) Il governatore Lombardo, cataniocentrico, spoglia a Cristo e veste a Maria, scontentando Palermo (ho detto: Palermo, la città egemone da sempre).

Ed ecco qua i forconi. I forconi sono la creatura concepita da partiti storicamente di governo, che ora si tramutano in partiti di lotta. Lotta per chi? Per loro. Gli serve ossigeno, per sopravvivere. Gli servono soldi. Perché? Per la crisi. Che in Italia (e massimamente in Sicilia) non è crisi economica, ma è crisi politica. Perché? Perché la nostra crisi è la crisi del debito pubblico. E questo debito pubblico da dove viene? “Viene dagli stipendi e dai privilegi della casta”. Minchiate. “Viene dalle pensioni, dall’articolo 18 e dal welfare lussuoso che siamo concessi”. Minchiatone. Viene solo dalla politica clientelare. Il debito pubblico c’è perché da sempre le risorse vengono spese a coppola di minchia per creare carrozzoni che creano clientele. Avrebbero potuto tenersi tutti i vitalizi e le pensioni oscene del mondo, se solo non avessero creato enti inesistenti e posti di non lavoro, utili solo a garantirsi un elettorato fedele nei secoli dei secoli.

– Che fai, voti davvero quello lì?

– Certo.

– Ma è un mafioso!

-Cu mia ha statu n’amicu.

Commesse, appalti, enti regionali, uffici pubblici, province, poltrone, poltroncine, seggioloni e seggioline, seggi, “seggie” e “seggie a sdraio” in consigli d’amministrazione di società partecipate, miste, shakerate, ermafrodite, fatte apposta, su misura, costituite in fretta e furia dal notaio dieci minuti prima di fare approvare il bando alla regione, e sistemare con quel posto pippo, enzo e turuzzo che me l’hanno chiesto per portarmi x voti e x guantiere di cannoli quando viene Natale. Ecco come si sono spesi i soldi. In prebende che garantissero elezioni e rielezioni. In elemosina agli affamati e in regali ai potenti. Da qua viene il debito pubblico in Italia, e in Sicilia (in Sicilia, poi…). A questa nazione in generale, e a quest’isola in particolare, chiudigli i rubinetti (e non perché glieli vuoi chiudere, sia chiaro – che poi magari qualcuno si illude – ma solo perché è proprio finita l’acqua), togligli la possibilità di usare i soldi pubblici per creare clientele e vedrai che parte la rivolta. Berlusconi è stato una specie di accanimento terapeutico: dove soldi non ce n’erano più, ce li metteva lui, di tasca sua, e si pagava il consenso da solo. Ma ora dov’è? La rivolta è seria, vera, popolare e autentica. Perché qua funziona così, ha sempre funzionato così: il popolo in coda dal politico. Dal politico che può, non da quello che non può. E ora che anche il politico che può non può più niente, che si fa? Si protesta tutti insieme. Il sistema vecchio sta saltando, e non si intravede ancora quale sia quello nuovo, troppo lontano all’orizzonte. Ecco perché alla protesta si saldano a meraviglia gli autonomismi mezzi mafiosi: perché siamo nel panico, e magari, se ci lasciate fare da soli, facciamo a modo nostro, come siamo abituati a fare, che per funzionare, funzionava. I forconi hanno mille ragioni e non ne hanno nessuna. I forconi siamo noi, questa regione che parla “c’u trasi e nesci”, con quelle formule che possono significare questo come quello, che ti consentono di dire due cose opposte con la stessa identica frase, dichiararti dentro e chiamarti fuori, a seconda di come si mette. Alla loro testa, che loro lo sappiano o meno (e lo sanno, lo sanno), ci sono quelli bravi a fare questo giochino. Gli altri non servono. Fanno solo confusione. Diteci chi comanda. Diteci subito a chi dobbiamo chiedere. Diteci dove dobbiamo andare. Perché altrimenti blocchiamo tutte le autostrade. E non si va proprio da nessuna parte. Che a noi piace puntare sapendo già chi vince.

O’ Reilly su Aciribiceci

[Foto di MrClementi]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Il sistema vecchio sta saltando, e non si intravede ancora quale sia quello nuovo, troppo lontano all’orizzonte. Ecco perché alla protesta si saldano a meraviglia gli autonomismi mezzi mafiosi: perché siamo nel panico, e magari, se ci lasciate fare da soli, facciamo a modo nostro, come siamo abituati a fare». In che modo? Col clientelismo e la prevaricazione. Riprendiamo dal blog Aciribiceci un'analisi fortemente critica del movimento dei Forconi che bloccato per giorni la Sicilia e ora si è propagato in tutta Italia

«Il sistema vecchio sta saltando, e non si intravede ancora quale sia quello nuovo, troppo lontano all’orizzonte. Ecco perché alla protesta si saldano a meraviglia gli autonomismi mezzi mafiosi: perché siamo nel panico, e magari, se ci lasciate fare da soli, facciamo a modo nostro, come siamo abituati a fare». In che modo? Col clientelismo e la prevaricazione. Riprendiamo dal blog Aciribiceci un'analisi fortemente critica del movimento dei Forconi che bloccato per giorni la Sicilia e ora si è propagato in tutta Italia

«Il sistema vecchio sta saltando, e non si intravede ancora quale sia quello nuovo, troppo lontano all’orizzonte. Ecco perché alla protesta si saldano a meraviglia gli autonomismi mezzi mafiosi: perché siamo nel panico, e magari, se ci lasciate fare da soli, facciamo a modo nostro, come siamo abituati a fare». In che modo? Col clientelismo e la prevaricazione. Riprendiamo dal blog Aciribiceci un'analisi fortemente critica del movimento dei Forconi che bloccato per giorni la Sicilia e ora si è propagato in tutta Italia

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]