Il bene confiscato abitato da chi stava per comprarlo Associazioni: «Non chiediamo sgombero della famiglia»

«Ci sono beni confiscati alla mafia trasformati in ruderi irrecuperabili, altri in cui è giusto denunciare le occupazioni abusive da parte delle stesse persone che hanno subito la confisca, ci sono immobili vuoti in cui portare avanti progetti per restituirli alla collettività e, poi, c’è il caso di Pedara: una situazione nuova che non ci aspettavamo di trovare». Matteo Iannitti de I Siciliani Giovani qualche giorno fa è entrato nella casa di via Marconi 107. Quell’appartamento, un tempo della ditta Rizzo Costruzioni Srl – dell’imprenditore Carmelo Rizzo, legato al clan Laudani e morto ammazzato nel 1997 – oggi è abitato da una donna e da suo figlio legittimati da un compromesso di vendita precedente rispetto al provvedimento di confisca

«Noi ci siamo rifiutati di fare il sopralluogo – racconta a MeridioNews Dario Pruiti di Arci Sicilia – e io ho anche chiesto alla coadiutrice del bene incaricata dall’Agenzia nazionale (Maria La Raffa, ndr) che la nostra decisione venisse verbalizzata. Noi non entriamo in una casa abitata da una famiglia che, per altro, asserisce di averne diritto». Sarà compito della procura adesso stabilire la legittimità. «Noi non siamo ufficiali giudiziari e non chiediamo che quell’immobile venga sgomberato – continua Pruiti – Quello che ci sembra assurdo è che l’Agenzia abbia inserito anche questo appartamento tra i beni confiscati da mettere a bando per l’assegnazione a enti, associazioni o cooperative». Un’azione che, per gli attivisti, farebbe emergere «da una parte, l’inefficienza del sistema dei coadiutori custodi dei beni che spesso non sanno nemmeno dove si trovano o in che condizioni versano e, dall’altra – afferma – il fallimento dell’effettività della legge Rognoni-La Torre». 

Una norma che ha dato la possibilità di trasformare un bene simbolo del potere criminale in patrimonio comune. «Anche rispondere all’emergenza abitativa – continuano dalle associazioni – potrebbe essere un modo per restituire alla collettività le proprietà tolte ai mafiosi». In questo caso, si tratta di un nucleo familiare che si è trovato al centro di un corto circuito burocratico. «Il nostro obiettivo – spiega Iannitti – è provare a facilitare l’iter di regolarizzazione all’interno di quell’abitazione della famiglia, che potenzialmente è una vittima secondaria, per fare in modo che non siano più ritenuti occupanti abusivi». Insomma, in certi casi, l’umanità viene prima del codice penale. Tra l’altro, gli attivisti non conoscono il nome di madre e figlio ma, quel che è certo, è che nessuno dei due ha legami con i clan mafiosi o responsabilità nell’iter del sequestro e della confisca. «C’è una differenza sostanziale tra le persone che occupano i beni tolti alla mafia per necessità – argomenta – e i mafiosi che, anche dopo la confisca, continuano a rimanerci con arroganza». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]