Il 2 giugno il Plemmirio diventa riserva per un giorno Visite, arrampicate e collegamenti via mare con Ortigia

Il Plemmirio diventa riserva, almeno per un giorno. Escursioni, visite guidate, speleologia, arrampicate sportive, snorkeling e birdwatching sono alcune delle attività organizzate per il 2 giugno da Sos Siracusa, il coordinamento di cittadini e associazioni per la salvaguardia del territorio e dell’ambiente siracusano.

«L’idea è nata innanzitutto per sollecitare l’istituzione della riserva terrestre che è ferma al luglio del 2015 – spiega Fabio Morreale, presidente di Natura sicula e componente di Sos Siracusa -. L’iter burocratico infatti, è stato fatto fino al penultimo scalino, adesso manca solo la firma sul decreto istitutivo da parte dell’assessore regionale al Territorio. Inoltre, vogliamo dimostrare che l’istituzione della riserva non sarà un modo per blindare il territorio e bloccare lo sviluppo economico della città, ma anzi per proteggere e valorizzare il patrimonio creando nuove forme di economia dinamica e sviluppo sostenibile perché non è solo il cemento che crea posti di lavoro».

Attrezzare per un giorno la nascente riserva naturale orientata Capo Murro di Porco e Penisola della Maddalena come fosse già operativa «per far passare il messaggio che non bisogna aspettare che la riserva sia istituita – precisa Fabio Guarnaccia di Sos Siracusa – perché il luogo può essere fruito sin da subito se raggiungibile facilmente». È per questo che, per la giornata di prova del 2 giugno, sono stati organizzati dei servizi di collegamento fra il centro storico di Ortigia e il Plemmirio sia via mare che via terra: traghetti fra la Darsena e Punta del Pero, bus navetta con fermate a Punta del Pero, Punta della Mola, Punta Tavernara e Capo Murro di Porco e noleggio di bici dotate di tablet con descrizione e spiegazioni dei luoghi della futura riserva.

Per l’occasione, come per ogni riserva che si rispetti, saranno posizionate delle casette di legno da utilizzare come infopoint al capolinea dei traghetti e dei bus e in corrispondenza dei tre varchi principali e segnaletiche verticali lungo i sentieri per indicare direzioni, distanze e tempo di percorrenza. «Vogliamo evitare che passi il concetto che era meglio dare in gestione questo luogo a chi voleva realizzarci un hotel di lusso – affermato Guarnaccia – per questo abbiamo chiesto agli operatori di settore di non dare i servizi in maniera totalmente gratuita, per dimostrare che può esserci un ritorno economico anche in questo modo».

Dopo anni di lungaggini burocratiche e battaglie per la difesa del territorio «finalmente – dice Carlo Gradenigo di Sos Siracusa – per la prima volta, con questa iniziativa, possiamo essere davvero propositivi in maniera organica e dare una visione d’insieme di tutta la futura riserva, senza doverci concentrare solo a tutelare la parte più esposta a rischi di edificabilità e inaccessibilità». Il programma è ancora in fase di perfezionamento, ma «quale modo migliore – dicono dal coordinamento di associazioni ambientaliste – per festeggiare la Repubblica che tutela il paesaggio e il patrimonio storico?».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]