Iblis, la sentenza: 270 anni di carcere Condannati Fausto Fagone e Santapaola jr

270 anni è il numero del diavolo. Almeno nella sua versione catanese. È questo il risultato della sentenza di primo grado del processo ordinario Iblis, dal nome di Lucifero in arabo, sulle collusioni tra politica, mafia e imprenditoria nel Catanese. Quasi due anni e mezzo di procedimento, nato dagli arresti di novembre 2010, e che si è subito sfilacciato in diversi filoni paralleli. Uno dei quali si è concluso con la condanna in primo grado a sei anni e otto mesi per concorso esterno in associazione mafiosa all’ex governatore regionale Raffaele Lombardo. E oggi si scrive la parola fine anche sul principale dei tronconi di Iblis, concluso questa mattina nell’aula giudiziaria del carcere di Bicocca con la condanna dei 22 imputati. Quasi 80 anni in meno di quelli chiesti dai pubblici ministeri.

I giudici hanno deciso di procedere con la sentenza e stralciare la posizione di Giovanni D’Urso, dopo l’istanza di ricusazione della stessa corte avanzata dall’imputato, su cui dovrà decidere per la seconda volta la corte d’appello. L’ex sindaco di Palagonia e deputato regionale Pid Fausto Fagone è stato invece condannato a 12 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, ma non per concussione. Alla fine della lettura della sentenza, l’ex politico è tra i primi ad abbandonare l’aula senza commenti, limitandosi ad incassare il colpo. Più confuso appare il suo avvocato, Carmelo Peluso, che non si aspettava una condanna così pesante.

Per Vincenzo Santapaola la corte ha stabilito una pena di 18 anni. Tra le più alte, dopo quella del rappresentante provinciale di Cosa nostra etnea Vincenzo Aiello (22 anni) e del boss di Ramacca Rosario Di Dio (20 anni). Cambia invece il reato a carico dell’imprenditore Francesco Pesce e dell’ex assessore di Ramacca Giuseppe Tomasello: da associazione mafiosa a concorso esterno, con una pena rispettivamente di 12 e 13 anni.

Per il resto, il collegio sembra aver condiviso in pieno la linea della procura etnea, rispettando nella sostanza le richieste di condanna dei pm. Quasi tutte ritoccate leggermente al ribasso, tranne in pochi casi. La lettura del dispositivo viene ascoltata in silenzio. Fuori alcuni familiari danno sfogo a lacrime altrettanto silenziose. Consolati sempre dalle stesse frasi: «Non è ancora detto», «Forza, è solo il primo grado, ce ne sono altri due».

Ecco tutte le condanne.

Vincenzo Aiello: 22 anni (chiesti 25 anni e 6 mesi e 14.400 euro di multa)
Giuseppe Brancato: 4 anni e sei mesi (chiesti 4 anni)
Giovanni Buscemi: 12 anni (per lui i pm hanno chiesto 16 anni)
Angelo Carbonaro: 12 anni (chiesti 12 anni)
Rosario Cocuzza: 4 anni e sei mesi (chiesti 4 anni)
Rosario Di Dio: 20 anni (chiesti 26 anni e 8 mesi)
Mario Ercolano: 12 anni (chiesti 14 anni e settemila euro di multa)
Fausto Fagone: 12 anni (chiesti 17 anni)
Natale Ivan Filloramo: 16 anni (chiesti 21 anni e 4 mesi)
Carmelo Finocchiaro: 17 anni (chiesti 22 anni e diecimila euro di multa)
Santo Massimino: 12 anni (chiesti 12 anni di reclusione)
Carmelo Mogavero: 5 anni (chiesti 3 anni e 8 mesi)
Sandro Monaco: 12 anni (chiesti 12 anni di reclusione)
Massimo Oliva: 12 anni (chiesti 16 anni)
Pasquale Oliva: 18 anni (chiesti 28 anni di reclusione)
Francesco Pesce: 12 anni (chiesti 15 anni)
Giuseppe Rindone: 12 anni (chiesti 16 anni)
Vincenzo Santapaola: 18 anni (chiesti 21 anni e 4 mesi di reclusione)
Mario Scinardo: 12 anni (chiesti 15 anni)
Tommaso Somma: 12 anni (chiesti 15 anni)
Giuseppe Tomasello: 13 anni (chiesti 19 anni e tremila euro di multa)


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Si conclude così il primo grado del filone principale di una delle maggiori indagini degli ultimi anni, l'unica sui presunti intrecci tra mafia, politica e imprenditoria nel Catanese. Confermate quasi tutte le accuse per i 22 imputati, i giudici stabiliscono quasi 80 anni in meno di quelli chiesti dai pm ma mantenendo lo stesso impianto. Leggi tutte le condanne

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]