I dubbi degli ambientalisti dopo il sequestro del depuratore «Le grandi industrie continuano a conferire là i loro reflui»

«L’avvelenamento è ancora in corso». È il presidente dell’associazione Natura sicula Fabio Morreale a lanciare l’allarme sulle industrie del petrolchimico siracusano che starebbero continuando a sversare i fanghi nel depuratore della Ias di PrioloSequestrato a metà giugno nell’ambito di un’inchiesta per disastro ambientale colposo dell’aria e del mare nella zona del quadrilatero industriale del Siracusano, da quando è stato inaugurato nel gennaio del 1983, per l’accusa, non ha mai funzionato. Mentre avrebbe dovuto trattare i rifiuti civili dei comuni di Melilli e Priolo e della frazione di Belvedere di Siracusa oltre a quelli delle grandi industrie petrolchimiche (Priolo Servizi, Isab, Sasol, Versalis, Esso e Sonatrach). «Aziende che non hanno alternative allo smaltimento – analizza Morreale – e che con il provvedimento della magistratura avrebbero dovuto essere chiuse. Invece continuano a funzionare e a conferire lì i reflui industriali». Più di un ipotetico sospetto quello del presidente di Natura sicula che parla di conferme avute anche da fonti piuttosto autorevoli. 

Dopo il sequestro, il depuratore è stato affidato a un amministratore giudiziario a cui spetta il compito di bloccare subito i reflui industriali prima di mettere a punto gli accorgimenti necessari per il corretto funzionamento dell’impianto. Sin da subito, però, era emersa la criticità sul dove e come le aziende del petrolchimico – rimaste tutte in attività – avrebbero dovuto scaricare i reflui industriali. «Quello che è emerso dall’inchiesta No fly – continua Morreale – era già stato evidenziato con denunceindagini che avevano portato anche al sequestro di alcuni impianti. Tutti respiriamo e i cattivi odori si sentivano, specie nelle notti d’estate. E lo stato delle acque era sotto gli occhi di tutti con il ritrovamento anche di pesci con strane malformazioni». L’inchiesta adesso ha confermato «concentrazioni inquinanti esorbitanti» che, almeno potenzialmente, hanno interessato 15.410 persone: residenti, lavoratori e anche i bagnanti del territorio di Priolo. 

Eppure, qualche giorno dopo la notizia dell’inchiesta con 26 indagati – tra persone fisiche e società – è stato il sindaco di Pippo Gianni a pubblicare sul suo profilo Facebook un breve video dai toni rassicuranti. «Leggo notizie allarmanti in merito al fatto che le acque dei lidi di Priolo possano essere inquinate. Ma confermo che sono pulite e perfette – afferma il primo cittadino – Ce lo dicono il ministero dell’Ambiente, l’Arpa e l’Asp. In più ho già predisposto ulteriori esami». Nello stesso contenuto social, Gianni fa anche qualche puntualizzazione di carattere geografico: «Devo fare presente che l’Ias si trova dalla parte opposta ai lidi e le acque che vengono sversate a mare vanno in direzione opposta – sostiene – anche grazie alle correnti che da Siracusa vanno verso Augusta. Ritengo che non ci siano problemi, questa è la verità e spero che le persone non si lascino trascinare da polemiche inutili». L’ente comunale di Priolo Gargallo è l’unico ad avere fatto ricorso per il dissequestro dell’impianto di depurazione e delle quote azionarie detenute nella società Ias che gestisce il depuratore consortile. Una richiesta che i giudici del tribunale del riesame hanno rigettato dopo poche ore di camera di consiglio. «Di fronte a quanto emerso dall’inchiesta – analizza Morreale – è stata blanda la reazione dei cittadini, assuefatti e influenzati come sempre dal ricatto occupazionale.
Ci auguriamo che la magistratura faccia serenamente e fino in fondo il proprio lavoro – conclude il presidente di
Natura Sicula – difendendoci
una volta per tutte da un
avvelenamento dell’aria, dell’acqua, del suolo e del sottosuolo che ormai
continua indisturbato da
settanta anni». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]