«Hey Mafioso», così McDonald’s promuove il panino Un siciliano reclama: «Disgustoso, non mi vedrete più»

«Hey Mafioso, try our new Bacon della Casa now! Bella Italia (Ciao Mafioso, prova ora il nostro nuovo panino della casa! Bella Italia, ndr)». Quando Dario, trentenne di Giarre emigrato per lavoro, ha visto illuminarsi il suo cellulare con l’ultima notifica dell’app di McDonald’s ha stentato a credere ai suoi occhi. La più nota e importante catena di fast food del mondo lo invitava a provare il suo nuovo panino che dovrebbe ispirarsi alla cucina del Bel Paese facendo leva sull’associazione Italia uguale mafia. «Da siciliano all’estero mi sono davvero incazzato», spiega a MeridioNews.

Così Dario, che da quattro anni vive fuori dall’Italia e adesso lavora a Vienna nel settore dell’export, non si è limitato all’indignazione, ma ha scritto una lettera in inglese a McDonald’s per manifestare quanto sia stupido e offensivo insistere su questo tipo di marketing. «Da assiduo cliente del vostro fast food – è l’attacco della missiva – vi prometto che non mi vedrete più nei vostri ristoranti, né me né i miei amici e la mia famiglia. La notifica che mi avete inviato stamattina è la più offensiva e discriminatoria pubblicità che io abbia mai visto in vita mia».

Nella lettera si sottolinea come il messaggio sia offensivo non solo perché gioca sullo stereotipo, ma anche perché «non considera quante persone hanno sofferto o sono morte a causa di Cosa Nostra, Camorra, ‘Ndrangheta e Sacra Corona Unita». Dario ricorda i nomi di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Peppino Impastato, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Piersanti Mattarella, Serafino Famà e molti altri «a cui avete mancato di rispetto con questa pubblicità». 

«Come osate – continua il giovane siciliano – associare tutti gli italiani a un branco di criminali? Sapete che molti giovani italiani hanno lasciato le loro case, le loro famiglie e i loro amici per trovare un lavoro onesto e una vita migliore? Pensate che chiamare a caso un ragazzo italiano mafioso vi faccia vendere più hamburger?». La lettera si chiude con l’invito a «rimuovere il prima possibile questo disgustoso annuncio». Ma, a distanza di tre giorni dall’invio, non è pervenuta nessuna risposta. 

Non è certo la prima volta che all’estero Dario sente discorsi simili, «ma – precisa – solitamente è la  classica discussione da ascensore, in cui l’idiota di turno si sente divertente. Però con me su questo si scherza poco», precisa il trentenne che prima di emigrare si è speso come attivista in battaglie per la legalità sul suo territorio. 

Con questa uscita, McDonald’s entra nel lungo elenco di attività che all’estero continuano ad associare la mafia e tutto l’immaginario che gli ruota attorno alla vendita di prodotti italiani. Recentemente Coldiretti ha provato a censirli, accertando che il mafia sounding a tavola – dal caffè Mafiozzo alla catena di ristoranti spagnola La Mafia se sienta a la mesa – continua a rappresentare un business milionario.

Sul caso sollevato da MeridioNews intervengono alcuni parlamentari nazionali del Movimento 5 stelle: «McDonald’s chieda scusa a tutti gli italiani. Non è accettabile che lo sgradevole stereotipo Italia=mafia venga veicolato ancora nel 2019 con tale leggerezza», affermano i palermitani Roberta Alaimo, Steni Di Piazza, Valentina D’Orso, Giorgio Trizzino e Adriano Varrica. «Auspichiamo che McDonald rimedi al suo grave errore, magari con una campagna di sensibilizzazione sul tema della lotta alla mafia».

All’indomani di questo articolo l’ufficio stampa di McDonald’s ha risposto sia alla redazione di MeridioNews che a Dario. Ecco come.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]