Governo nazionale impugna Finanziaria di Musumeci Fumata nera per gli ex Pip e le concessioni demaniali

Ci avevano sperato a lungo e negli ultimi giorni i malumori serpeggiavano già tra gli ex pip, precari di un bacino che percepisce un sussidio da parte della Regione, ma che, di fatto, non sono dipendenti regionali. Lo spiraglio si era aperto dal momento in cui nella Finanziaria regionale era stata approvata una norma che regolamentava la loro assunzione all’interno della Resais, una partecipata regionale. Da subito, i dubbi di costituzionalità sulla norma erano stati molti, ma i 2700 precari continuavano a sperare che non venisse impugnata. 

A nulla sono serviti il sodalizio tra Nello Musumeci e Matteo Salvini e la partenza alla volta di Pontida per «instaurare una migliore interlocuzione istituzionale», come dicevano in molti dalle parti della maggioranza. Questa sera il Consiglio dei ministri, su proposta della ministra per gli Affari regionali e le autonomie Erika Stefani, ha deciso di impugnare la Finanziaria. A partire proprio dalla norma sugli ex pip. «Varie norme  – si legge nel comunicato di Palazzo Chigi – eccedono dalle competenze statutarie e violano principi costituzionali. Infatti: alcune norme in materia di assunzioni e di collocamento in quiescenza del personale regionale invadono la competenza legislativa esclusiva statale, nonché dei principi costituzionali di uguaglianza, buon andamento e imparzialità della pubblica amministrazione». 

E ancora, «le norme sulle autorizzazioni per gli impianti eolici e fotovoltaici e sulle modalità di svolgimento e i criteri di partecipazione alle gare per l’affidamento della gestione del servizio di distribuzione del gas naturale, nonché sulle concessioni per i beni demaniali marittimi, contrastano rispettivamente con il principio di libertà di iniziativa economica, nonché con il principio di tutela della concorrenza». Ma oltre le violazioni costituzionali, ecco la stilettata finale sull’assenza di copertura finanziaria contenute nella legge di stabilità regionale: si tratta degli articoli in materia di edilizia e di previdenza, che secondo il Consiglio dei Ministri risultano appunto «prive della necessaria copertura finanziaria».

Ok invece al bilancio regionale. «La legge di stabilità impugnata – commenta su twitter l’assessore all’Economia Gaetano Armao – per aspetti limitati che saranno chiariti. Abbiamo provocato il contenzioso sui 600 milioni di euro delle accise che lo Stato deve alla Sicilia. Adesso la Corte Costituzionale deve pronunciarsi». Immediato l’affondo dei Cinquestelle, che chiedono le dimissioni di Armao: «Ed eccolo qua – dicono Valentina Zafarana e Giancarlo Cancelleri – il capolavoro firmato Musumeci-Armao. Se questi sono gli esperti della politica, gli stessi cioè che in un recente passato hanno creato i disastri che ben conosciamo, allora la Sicilia è condannata, nero su bianco. Parola di Consiglio dei Ministri». 

«Qualche ora fa – spiegano i due deputati pentastellati – abbiamo letto basiti le dichiarazioni di Armao sul fatto che il Consiglio avrebbe impugnato le manovre volute dai deputati. Abbiamo detto mille volte, in Aula e in commissione, che molte di quelle norme erano palesemente incostituzionali e, invece, gli esperti della politica hanno preferito andare per la loro strada. L’unica cosa da fare adesso per Musumeci è mettere alla porta Armao».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]