Gommoni usa e getta: nuovo business dei trafficanti  Dalla Cina alla Libia, indagano le procure siciliane

Niente più barconi di legno o pescherecci stracolmi. Il nuovo business del traffico di esseri umani, che dalla Libia passa per il canale di Sicilia, viaggia su gommoni usa e getta prodotti in Cina. Si tratta di natanti in plastica, solitamente monocolore, che hanno una scarsa stabilità e una consistenza paragonabile a quella di una camera d’aria. Nelle ultime settimane sono comparsi in diversi reportage fotografici e televisivi ma a notarli sono stati anche gli addetti ai lavori e gli investigatori. Secondo alcune fonti giudiziarie contattate da MeridioNews, le procure di Catania e Palermo avrebbero aperto un fascicolo per cercare di risalire ai canali di vendita attraverso i quali i trafficanti africani si riforniscono di questi mezzi. 

L’utilizzo dei gommoni usa e getta – solitamente lunghi 12 metri, ma in commercio ci sono anche esemplari di nove metri – consente alle organizzazioni criminali che operano nell’area di Tripoli di trasportare quasi sempre oltre cento ospiti per viaggio. L’espediente però non è sinonimo di sicurezza, tutt’altro: sarebbero 22 i migranti morti cadendo da uno di questi mezzi mentre erano in fase di attivazione i soccorsi della nave Acquarius lo scorso 18 aprile. Il gommone era salpato il giorno prima dalle coste libiche con 136 passeggeri. Alla vista della nave, secondo le testimonianze raccolte dalla polizia di Agrigento, i passeggeri si sarebbero spostati causando il cedimento dell’imbarcazione.

 

Il crescente utilizzo dei gommoni – sebbene senza specificare la loro qualità – viene confermato a MeridioNews anche dai dati forniti da Antonello De Renzis Sonnino. Capitano della Marina italiana e portavoce dell’operazione Sophia, il piano operativo voluto dall’Unione europea nel 2015 per cercare di neutralizzare gli affari dei trafficanti di esseri umani nel mare Mediterraneo: «A oggi abbiamo intercettato 112 imbarcazioni di cui 87 gommoni, 23 barche di legno e 2 pescherecci». Per capire le esatte caratteristiche di queste barche l’unica possibilità sarebbe il recupero in mare dopo il trasbordo dei migranti. «Il mandato della nostra missione prevede la neutralizzazione per evitarne il riutilizzo da parte dei trafficanti – spiega Sonnino -. Tuttavia, quando è possibile, li preleviamo e li consegniamo all’autorità giudiziaria».

Unità navali segnalano utilizzo di gommoni di scarsissima qualità

I primi esemplari di questi gommoni sono stati avvistati lungo il tratto di mare tra l’isola di Lesbo e le coste turche, ma adesso il business pare essersi spostato lungo la rotta che porta in Sicilia. La conferma arriva anche dall’ammiraglio Nunzio Martello della Guardia Costiera italiana. «Ci stanno arrivando indicazioni dalle unità navali sull’utilizzo di gommoni di scarsissima qualità – ha spiegato durante un’intervista a Radio Radicale -. In alcuni casi il fondo viene rinforzato con delle tavole di legno direttamente in Libia per percorrere poche miglia ed essere soccorsi in mare. Con l’arrivo del bel tempo ci sarà sicuramente un aumento di partenze». Uno dei passaggi chiave della vicenda pare essere, almeno sul fronte investigativo, quello della tracciabilità di queste imbarcazioni. Chi rifornisce i trafficanti di gommoni usa e getta? E perché hanno preso il posto delle imbarcazioni di legno?

Gli usa e getta vengono prodotti in Cina e raggiungono la Libia passando per Turchia e Malta

Più facile rispondere alla seconda domanda. Con la maggiore presenza di navi e pattugliatori a largo della Libia, per i trafficanti sarebbe più complicato recuperare le barche dopo il salvataggio per poi riutilizzarle per altri viaggi. Ecco perché avrebbero virato sull’alternativa dei mezzi gonfiabili, usa e getta. Fabbricati in Cina, riuscirebbero a raggiungere la Libia passando per la Turchia e Malta. Nell’isola a sud della Sicilia è stato intercettato di recente un container contenente 20 gommoni sgonfi e diretti nella città africana di Misurata. Un carico che dopo i controlli doganali ha raggiunto comunque la sua destinazione perché non vi sarebbe stato nessun supporto legale per disporne il blocco. Nelle prossime settimane, secondo alcune fonti giudiziarie, potrebbero esserci ulteriori aggiornamenti su questa storia. Il business legato al traffico di migranti intanto è in continuo aumento, come ha spiegato il direttore dell’ufficio europeo di polizia Rob Wainwright: «Nel 2015 il guadagno per le reti criminali è stato tra i tre e i sei miliardi di euro con una ramificazione di cellule che si occupa anche della cosiddetta fase due del viaggio, una volta che i migranti sono arrivati in Europa».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]