Gli occhi del colosso Disney di nuovo puntati su Termini   «Parco divertimenti? Speriamo di realizzare un sogno»

Una dichiarazione dell’Assessore Regionale all’Economia, Gaetano Armao, riaccende i riflettori su Termini Imerese e la sua storia legata allo stabilimento Fiat e riporta i notiziari sulle tracce di una vicenda passata e nebulosa, che vedeva i vertici Disney Media interessati a investire in Sicilia per la creazione di un parco divertimenti a tema.

Armao, durante un forum con l’agenzia di stampa siciliana Italpress, ha infatti detto di non aver dimenticato il dialogo, solo intrapreso, nel 2013 con il numero due Disney di allora, Jay Visconti. E secondo le parole dell’Assessore, la sede per realizzare il progetto dovrebbe essere proprio Termini Imerese: «A inizio maggio incontrerò i vertici della Walt Disney. Stiamo tentando di riaprire il dialogo interrotto qualche anno fa sulla costruzione a Termini Imerese di un parco divertimenti. Diremo loro che la Sicilia è disponibile e aperta agli investimenti».

Cinque anni fa l’ipotesi era simile: una cifra da investire che si aggirava intorno ai 750 milioni di euro e l’individuazione del territorio su cui costruire il grande parco, Termini appunto. Non ci fu seguito né opzione di concretezza perché il progetto difatti non nacque mai, disperdendosi in confusionarie intenzioni che vedevano protagonisti l’allora potentissima segretaria generale dell’ex presidente Crocetta Patrizia Monterosso, e Massimo Cataldo, coordinatore delle attività di internazionalizzazione del Comune di Palermo. Quest’ultimo ebbe il compito di organizzare un incontro conoscitivo tra la Regione e Jay Visconti; l’incontro avvenne ma quanto discusso rimase oscuro.

Poi la politica delle piazze ha fatto il resto: la vicenda è diventata subito un pretesto da campagna elettorale tra l’allora sindaco di Termini Imerese, Salvatore Burrafato, che su quell’incontro disse solo di non voler fomentare speranze infondate, e Luigi Sunseri, allora candidato a sindaco per il M5s, che denunciò di non avere mai saputo di tali fatti.

Oggi si potrebbe raccontare un’altra storia: le dichiarazioni di Armao sono rimbalzate immediatamente tra le mura del municipio termitano, dove il sindaco Francesco Giunta si dice entusiasta: «Non possiamo che essere felicissimi per la notizia. Come noto, il precedente governo regionale, nel 2013, non si comprende per quale motivo, si era fatto sfuggire questa straordinaria occasione di sviluppo e benessere per Termini Imerese e l’intera regione. Non dobbiamo dimenticare che il clima particolarmente temperato della Sicilia consentirebbe l’apertura del parco praticamente per l’intero anno, compresi i mesi invernali. Ringrazio il governo regionale guidato dal Presidente Musumeci ed in particolare il vice presidente Gaetano Armao che recentemente, nel corso di un colloquio informale, aveva espresso la volontà di riprendere il dialogo interrotto con la Disney. È stato di parola. Non possiamo far altro che augurarci di realizzare il sogno».

Dal canto suo, il colosso Disney ha annunciato lo scorso febbraio il suo piano di espansione per Disneyland Paris come uno dei progetti più ambiziosi, a sottolineare l’impegno dell’azienda nel successo a lungo termine del resort come marchio Disney in Europa. Gran parte del lavoro sulla Sicilia dunque, qualora il sogno diventasse realtà, spetterà soprattutto ai siciliani.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]