Gelo danneggia colture, da Piana a paesi pedemontani Associazioni di categoria chiedono interventi straordinari

Le forti nevicate degli ultimi giorni, con temperature ampiamente sotto le medie stagionali, stanno causando gravi danni alle colture anche nel catanese. Una situazione che riguarda migliaia di ettari di coltivazioni in tutta la provincia etnea: da quelle a pieno campo alle arboree, ovvero gli agrumi. La conta dei danni però è ancora in corso: «Stiamo raccogliendo da giorni i moduli specifici dai vari agricoltori che hanno mandato segnalazioni, che poi verranno inviate alla Regione siciliana. Ma purtroppo, anche per averle viste di persona, sappiamo già che molte colture saranno irrecuperabili», spiega a MeridioNews il direttore di Confagricoltura Catania Francesco Toscano. Una situazione che giustifica, secondo l’associazione di categoria, «la richiesta di aiuti e interventi straordinari già prima che sia finita la conta dei danni». Particolarmente gravi, secondo quanto riferito dal presidente di Confagricoltra Giovanni Selvaggi, «le situazioni di alcuni vivai a Randazzo, le cui coperture sono crollate sotto il peso della neve. Mentre anche in contrada Sferro (frazione del Comune di Paternò, ndr), e in tutta la Piana di Catania i danni sono ingenti», continua Selvaggi. 

«Abbiamo già segnalato i danni delle basse temperature nelle colture a pieno campo della zona di Ramacca e Mineo, in particolare ai carciofeti e ai cavolfiori bruciati dal freddo. Non abbiamo ancora il dato definitivo, ma una percentuale di ortaggi distrutti del 100 per cento non ci stupirebbe», spiega a MeridioNews Giovani Pappalardo, presidente di Coldiretti Catania. Per Pappalardo l’unica flebile speranza per non buttare tutto il lavoro svolto da parte dei coltivatori è quella «di destinare all’industria quanto rimasto. Le perdite sono comunque enormi, perché i prezzi sono inferiori, e di molto, rispetto a quelli della vendita al dettaglio». La quantificazione dei danni resta comunque «molto difficile, per via della quantità di segnalazioni in arrivo». «Purtroppo – prosegue Toscano -, stiamo vedendo sempre più spesso eventi una volta rari come il gelo e le piogge intense, e in generale gli sbalzi di temperatura. Tutte cose che da un punto di vista agronomico si trasformino in eventi catastrofici». Un allarme che vale non solo «per le colture più esposte come i cereali e gli ortaggi, ma anche per gli agrumi nella piana di Catania, e per il settore florovivaistico in particolare nel giarrese e in tutta la fascia ionica. L’agricoltura è soggetta al clima e noi stiamo perdendo quello tipico nostro», afferma il direttore di Confagrcoltura Catania.

Al momento, secondo i rappresentanti delle due associazioni di categoria, l’unico intervento realmente efficace «è la sottoscrizione di una polizza assicurativa. Ma ci vorrebbe un maggiore investimento dal pubblico per incentivarle», spiega Toscano di Confagricoltura. «Le polizze assicurative – prosegue Pappalardo di Coldiretti – coprono anche questo tipo di danni causati dal gelo. Ma la Sicilia ha la percentuale più bassa di sottoscrizioni di questo genere, dovute forse anche a motivi culturali. Certamente però il primo fattore è il costo elevato, coperte solo al 40 per cento da Agea, l’agenzia nazionale per fondi all’agricoltura. Noi chiediamo alla Regione di intervenire per un ulteriore 30 per cento, come altre regioni d’Italia già fanno. Questo porterebbe a un aumento significativo di sottoscrizioni».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]