Gela, la giunta grillina incontra l’Eni senza sindacati Ex assessore: «Problema cancellato eliminando me»

Cambia la giunta, ma l’Eni continua a risultare significativa per le sorti della città di Gela. Martedì prossimo, 15 settembre, per la nuova amministrazione ci sarà un importante tavolo di incontro al ministero dello Sviluppo economico. Un appuntamento sul quale il sindaco Domenico Messinese punta molto. Obiettivo: portare una bozza di accordo di programma che vada oltre il protocollo d’intesa firmato il 6 novembre scorso per attenuare la dipendenza economica dal cane a sei zampe. Un incontro tecnico, a detta di Messinese e del vicesindaco Simone Siciliano, che vede esclusi al momento i sindacati locali. Negli ultimi tempi l’ex assessore Fabrizio Nardo ha redatto, nella qualità di tecnico, un’importante perizia all’interno di un procedimento civile sulle malformazioni che hanno colpito circa trenta famiglie e sull’eventuale connessione con la presenza industriale. E, secondo Nardo, sarebbero proprio le sue posizioni sui rapporti con l’Eni ad aver contribuito al suo allontanamento.

Come valuta l’accordo di programma che presenterà l’amministrazione a Eni? Non si mette da parte l’industria, ma si prova a ridimensionarla, provando a sfruttare i fondi dell’area di crisi complessa per rilanciare altri settori come ad esempio l’agricoltura?
Mi chiedo cosa conterrà nello specifico. Secondo me una giunta municipale deve avere l’interesse della collettività che rappresenta. E nei rapporti con Eni questo non può precludere da una riconciliazione. Gli effetti del petrolchimico e della raffineria sono sotto gli occhi di tutti, ampiamente documentati. Prima dell’apertura di qualsiasi tavolo serve un accordo extragiudiziario tra Eni e la cittadinanza gelese. Penso che Eni debba fare un atto di generosità nei confronti di chi ha avuto malformazioni e tumori, a prescindere che siano legati o meno alla sua presenza.

Di questo ne avevate discusso in giunta?
Non ce n’è stata occasione perché non si è mai discusso di Eni. L’unica volta che io ho posto la questione, è stata sospesa la giunta e non è mai stata ripresa.

Quindi l’Eni è elemento di discordia all’interno del M5S?
Non c’è discordia su un argomento di cui non si è mai potuto parlare. Il problema è stato eliminato eliminando me. Purtroppo questo non è da Cinquestelle. Per chi addirittura faceva gli incontri in streaming per parlare di trasparenza, è poco coerente tenere un comportamento all’esterno e uno completamente diverso all’interno della giunta. 

La giunta ha spiegato che sta provando a sganciare le bonifiche da quelle che deve fare l’Eni all’interno del proprio recinto. E’ una linea in continuità con quella che stava provando a tracciare lei? 
Le bonifiche di per sé sono separate, nel senso che ci sono quelle di competenza statale e quelle di competenza privata. Il mio interesse era sulle private, in particolare far partire prima possibile quella dell’area ex Isaf (l’unica prevista nel protocollo d’intesa del 6 novembre scorso ndr). C’è da dire che in passato un paio di bonifiche sono state realizzate, anche se con effetti discutibili. Risulta poi agli atti che il ministero ha finanziato degli interventi di bonifica di competenza pubblica, però gli interventi non sono mai stati realizzati. Oppure sono stati fatti interventi impropri, che hanno significato incapacità progettuale. Dopo queste esperienza si è palesata l’inaffidabilità dei soggetti competenti.

Non c’erano soldi per Gela, è vero?
I soldi sono apparsi quando è stato ritenuto di avere a che fare con una persona affidabile. Io mi sono mosso mediante conoscenze personali, di fronte alle quali potevo mettere sul piatto la mia professionalità e credibilità. E proprio per garantire il successo delle mie iniziative, non ho rivelato, e non posso tuttora farlo, il nome dei miei interlocutori.

Però questa è poca trasparenza, specie in un ruolo istituzionale.
Se devi essere credibile nelle trattative, è un passaggio fondamentale e necessario.

Lei ha individuato un accentramento di poteri di vicesindaco e sindaco sulla questione Eni?
L‘ho denunciato in giunta. Non esiste una cosa del genere. Mi pare indubbio che qualsiasi problematica inerente Eni è di importanza generale e non settoriale, quindi ritenevo che le linee politiche dovessero essere di competenza dell’intera giunta e non di un tandem Siciliano-Messinese come stava avvenendo. E poi la questione è anche ambientale, quindi non capivo perché il mio ex assessorato non venisse coinvolto. Diciamo che la frattura si è consumata lì.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]