Gela, in fiamme la macchina di un consigliere comunale Il sindaco: «Ennesimo atto. Chi sa parli, senza omertà»

La notte scorsa a seguito di un incendio è andata distrutta la Smart del consigliere comunale di Diventerà Bellissima Gabriele Pellegrino. L’auto era parcheggiata in via Ettore Romagnoli quando, intorno alle 3 di stanotte, è divampato un rogo. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e le indagini sono state affidate ai carabinieri. Le fiamme hanno distrutto anche un pulmino che era parcheggiato accanto alla macchina. 

Nelle ultime settimane, a causa dell’escalation di attentati incendiari, a Gela dopo il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica indetto dal prefetto di Caltanissetta sono stati avviati controlli straordinari da parte di carabinieri, polizia, guardia di finanza e vigili urbani. Nei giorni scorsi ignoti hanno anche incendiato la Jeep Renegade della consigliera comunale indipendente Alessandra Ascia e dell’esponente regionale di Diventerà Bellissima Anna Comandatore.

«È una domenica nuovamente macchiata da un grave episodio delinquenziale – ha detto il sindaco di Gela Lucio Greco esprimendo solidarietà al consigliere – Provo un mix di sentimenti, in questo momento, che vanno dalla rabbia all’indignazione,
passando per la voglia di riscatto per questa città che si fa sempre più forte e prevale sugli
altri. Di certo, non c’è il senso di sconfitta. Questi malviventi non hanno e non avranno
mai la meglio sulla Gela per bene». Nella nota, il primo cittadino ha invitato «tutti a collaborare con le forze dell’ordine, mettendo da parte i timori che
potrebbero spingere verso l’omertà, non solo da parte delle vittime ma di chiunque sia in
possesso di elementi utili alle indagini». 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento