Gasdotto Gela-Malta: a Strasburgo si vota la bocciatura Verdi: «Ue ritiri progetto, rafforza dipendenza energetica»

«Non c’è spazio per ulteriori investimenti nel gas». È uno dei passaggi salienti di una risoluzione presentata dall’eurogruppo Verdi-Alleanza libera europea (Ale) e la cui discussione è in programma questa sera a Strasburgo. Nel mirino è finito il progetto per la realizzazione del gasdotto Malta-Gela. I parlamentari chiedono che entro giugno la «commissione europea presenti una nuova lista di progetti di interesse comune». L’iniziativa arriva pochi giorni dopo la notizia, che MeridioNews ha dato in esclusiva, dei risultati delle indagini ecologiche effettuate al largo di Gela. Studi da cui è emersa, tra le altre, la presenza di uranio impoverito in mare. Una scoperta che, sommata alle tante criticità che caratterizzano da decenni la piana gelese, hanno spinto il gestore della riserva Biviere – per conto della Regione Siciliana – a formulare un parere ambientale in cui si chiede al ministero per la Transizione ecologica di individuare un altro tracciato per l‘infrastruttura da circa 300 milioni di euro pensata per favorire, in primo luogo, l’approvvigionamento energetico da parte di La Valletta. 

Adesso, però, c’è chi mette in discussione la stessa opportunità di puntare sull’opera. A maggior ragione in un momento in cui la situazione geopolitica, legata al conflitto ucraino-russo, ha posto al centro dell’attenzione il tema della dipendenza energetica da paesi extraeuropei. «Alcuni stanno alimentando la narrativa secondo cui l’Unione europea avrebbe bisogno di diversificare le importazioni di gas attraverso nuovi gasdotti e terminali Gnl – si legge in uno dei documenti che accompagnano la risoluzione – Questi progetti aumentano la dipendenza dell’Ue dalle importazioni di gas invece di ridurle». Gli europarlamentari chiedono retoricamente «se sia meglio dipendere dal gas fossile dell’Azerbaigian o del Qatar oppure dall’attività di fracking degli Stati Uniti, piuttosto che dalla Russia». Nel documento si sottolinea che il finanziamento di gasdotti di fatto non apporterà sollievo alla situazione attuale «poiché servono anni per costruirli», ma anche perché una volta fatti vanno utilizzati per decenni per ammortizzarne il costo. «Bloccandoci in un futuro basato sul gas fossile», sostengono gli eurodeputati. Che ricordano anche le criticità di un altro progetto di gasdotto, quello conosciuto con il nome EastMed, che dovrebbe collegare il Mediterraneo orientale con l’Europea, interessando Israele, Cipro, Grecia e Italia.

Ma quella di carattere ambientale non è la sola riflessione a sostegno dell’invito all’europarlamento a votare per una revisione dei progetti di interesse comunitario. A trovare posto nella risoluzione è anche un riferimento alla situazione maltese e, in particolar modo, alle vicende giudiziarie legate all’omicidio di Daphne Caruana Galizia, uccisa con un’autobomba il 16 ottobre del 2017. Accusato di far parte dei mandanti dell’assassinio è, infatti, Yorgen Fenech, già amministratore delegato di Tumas Group e direttore della compagnia Electrogas. Sin dal primo momento, la matrice del delitto è parsa riconducibile alle inchieste portate avanti da Caruana Galizia in tema di corruzione a Malta. «La Commissione europea dovrebbe fornire garanzie ferree sul fatto che i fondi Ue non vadano a criminali», si legge tra le premesse della risoluzione presentata dal gruppo Verdi-Ale. 

A firmare la risoluzione è stato anche l’europarlamentare siciliano Ignazio Corrao, che già nei giorni scorsi aveva preso posizione sulla questione dell’impatto ambientale dell’infrastruttura sull’area gelese. «Siamo convinti che la lista Pci (projects of common interest, ndr) della Commissione, oggi più che mai, sia assolutamente fuori dalla storia – dichiara Corrao a MeridioNews – perché contiene progetti inquinanti, non necessari, pericolosi, costosissimi, che per giunta continuano a creare dipendenza dall’estero, come le infrastrutture legate all’approvvigionamento di gas. Per questo voteremo per revisionarla proponendo una lista alternativa, che ridiscuta la logica il gasdotto Italia-Malta, attorno al quale – conclude il parlamentare europeo – girano interessi enormi, come ha dimostrato l’omicidio di Dafne Caruana».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]