Frontex apre sede a Catania con commissario Ue  Alfano: «Adesso si passi agli hotspot galleggianti»

È stata definita «la conferenza stampa più lunga di sempre». Parole di Angelino Alfano, che è intervenuto a Catania durante la cerimonia di apertura della sede operativa di Frontex. Prima del taglio del nastro nei locali dell’ex monastero di Santa Chiara, il titolare del dicastero degli Interni ha preso parte all’incontro nella sala Bellini di palazzo degli Elefanti, con giornalisti, autorità militari e burocrati dell’Unione Europea. Accanto al padrone di casa, il sindaco etneo Enzo Bianco, anche il greco Dimitris Avramopoulos. Il sessantaduenne commissario di Bruxelles che si occupa di migranti. Un parterre a cui hanno preso parte anche il presidente di Frontex Fabrice Leggeri e altri rappresentanti delle agenzie Ue, ma dove per le domande dei giornalisti c’è stato uno spazio di pochi minuti e appena tre quesiti. Gli interminabili interventi, continuamente stoppati da una traduzione stop and go, hanno registrato una nuova proposta di Alfano: «Le identificazioni dei migranti dovrebbero passare dalla terra ferma al mare attraverso gli hotspot galleggianti, in modo da avere il cento per cento di persone negli elenchi». Una proposta «interessante» anche per l’ex sindaco di Atene che però ha spiegato come debba essere «approfondita da un punto di vista anche del diritto». 

Passare alle identificazioni in mare con hotspot galleggianti

Il nodo della vicenda sono le strutture allestite in Italia e Grecia per identificare, fotosegnalare e prendere le impronte digitali di chi tenta il viaggio della speranza verso l’Europa. In Sicilia sono tre gli hotspot attivi, quelli di Trapani, Pozzallo e Lampedusa. Mentre restano ancora fermi quelli di Augusta e Porto Empedocle. Una gestione che secondo Alfano è «ottimale» e avrebbe già portato al riconoscimento di tutti migranti sbarcati. A questo convincimento si aggiungerebbe anche l’assenza di «arretrato» nelle commissioni che esaminano le richieste di asilo. Parole che stonano con gli ultimi dati di cronaca legati al sovraffollamento di Pozzallo. Un centro inaccessibile che potrebbe ospitare al massimo 220 persone ma che al momento ne conterrebbe circa 300, di cui 140 minori. Numeri che si sommano alle testimonianze di chi ha presidiato la parte esterna. «Si sentivano lamenti e grida intorno alle 12», spiega un testimone a MeridioNews. Altro tasto dolente riguarda la durata della permanenza: i migranti dovrebbero rimanere al massimo 72 ore, ma in realtà pare che qualcuno sia lì da settimane. 

Oggi, a fare gli onori di casa, mentre fuori protestavano alcuni attivisti della rete antirazzista, è stato Enzo Bianco. L’ex ministro degli Interni ha fortemente voluto l’apertura di una sede dell’agenzia, che ha come base logistica Varsavia. Il primo cittadino è stato elogiato da Avramopoulos che lo ha definito «un visionario». Bianco ha anche sottolineato il lavoro della procura di Catania, al momento retta dal procuratore Michelangelo Patanè: «Negli ultimi anni sono stati presi e condannati numerosi criminali che si occupano di tratta di migranti». Anche se i capi però, quelli veri, restano a operare indisturbati in Libia ed Egitto, Paese che non ha concesso l’estradizione dopo le richieste di piazza Verga. Proprio dallo stato guidato da al-Sisi si sono recentemente riaperti i canali dei trafficanti di esseri umani e a breve la situazione potrebbe quindi tornare a essere emergenziale.

L’Italia deve prepararsi all’aumento degli arrivi

«L’Italia deve prepararsi all’aumento degli arrivi, ecco perché bisogna accelerare i rimpatri e in questo l’Ue sarà pronta ad aiutarvi», ha spiegato Avramopoulos ai presenti. Parole raccolte da Alfano che ha chiesto a Bruxelles di sviluppare i negoziati con la Libia «con la stessa fermezza avuta con la Turchia nei confronti della Grecia». A tal proposito, nonostante nello Stato un tempo guidato dal regime di Muammar Gheddafi regni l’anarchia, Alfano si mostra ottimista: «Siamo un grande Paese e abbiamo un fronte diplomatico aperto con l’attuale primo ministro Fayez al-Serraj». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]