Formazione, cresce l’adesione allo sciopero del 30 gennaio  Nuova ondata di licenziamenti allo Ial Sicilia

Comincia a registrare adesioni lo sciopero indetto per il prossimo 30 gennaio a Palermo dall’Unione dei lavoratori liberi della formazione professionale della Sicilia. In queste ore sono cinque le sigle sindacali che hanno aderito alla manifestazione: lo Snalv – Sindacato nazionale autonomi lavoratori e vertenze -, l’Ugl, i Cobas, il Sinalp, l’Uslal. Nei giorni scorsi una dichiarazione di vicinanza era arrivata anche dal deputato regionale Vincenzo Figuccia di Forza Italia, e non si sa ancora nulla, invece, dello Snals e soprattutto di Cigl, Cisl e Uil. La situazione, per queste organizzazioni sindacali non è facile: se non aderiranno allo sciopero rischiano di perdere gli iscritti, perché la manifestazione si annuncia piuttosto partecipata; se parteciperanno allo sciopero andranno comunque al traino di un’associazione di lavoratori liberi che sta ‘rubando’ il mestiere ai sindacalisti.

Lo sciopero è stato indetto dopo le ennesime promesse del governo regionale di Rosario Crocetta: la nuova assessora alla Formazione professionale, Mariella Lo Bello  qualche giorno fa all’Assemblea regionale siciliana ha provato a tranquillizzare gli addetti del settore. Solo che nessuno è disposto a crederle. Tant’è vero che la risposta è stata lo sciopero.

Intanto, ieri, a Palermo, quasi a confermare lo stato di crisi di questo comparto, i vertici dello Ial Sicilia, ente formativo storico al quale la Regione ha ritirato l’accreditamento, nel corso di una conferenza stampa hanno annunciato il licenziamento di 566 addetti, che vanno a sommarsi ai circa 4 mila operatori già licenziati da due anni a questa parte da enti e società che operano nel settore in Sicilia.

Ricordiamo che il solo Ial ha già licenziato 224 operatori degli ex Sportelli multifunzionali. Le regioni dei licenziamenti le ha spiegate il presidente dell’ente formativo, Vincenzo Conticello: «Poiché è stata archiviata la richiesta di cassa integrazione in deroga per il periodo gennaio-maggio 2015 a causa di una norma nazionale che la vieta per gli enti di formazione, ci vediamo costretti a prendere questo provvedimento per non aggravare la già difficile situazione economica dell’ente».

Conticello si è detto fiducioso del pronunciamento del Tribunale amministrativo regionale atteso per i prossimi mesi: lo Ial Sicilia ha contestato il ritiro dell’accreditamento da parte della Regione e ha presentato ricorso: e su questo punto decideranno i giudici amministrativi. «Per ciò che concerne la notizia non vera sulla sparizione di 20 milioni di euro – ha concluso il presidente dell’ente formativo storico dell’Isola – giova ricordare che sono stati rendicontati puntualmente agli uffici della Regione, come è dimostrato dai verbali delle ispezioni degli uffici preposti».

I nuovi licenziamenti dello Ial Sicilia sono da ascrivere, insomma, alla mancanza di cassa integrazione a partire da quest’anno. La legge nazionale non considera più gli enti formativi imprese. Dunque niente ammortizzatori sociali. Verranno pagati solo gli ultimi mesi dello scorso anno. Poi, il nulla. Da agosto a dicembre del 2014 la cassa integrazione – che ai dipendenti della formazione licenziati non è stata fino ad oggi erogata – dovrebbe essere garantita dal piano da 230 milioni di euro di fondi europei riprogrammati e, almeno fino ad ora, non ‘requisiti’ dal governo nazionale di Matteo Renzi. Di questi 230 milioni di euro, 150 dovrebbero essere utilizzati per la cassa integrazione di tutta la Sicilia. E quindi anche per pagare ai dipendenti della formazione i sei mesi finali del 2014. Per quest’anno, invece, come già accennato, non è prevista la cassa integrazione per gli addetti della formazione licenziati. E questo è uno dei motivi che rende la situazione esplosiva.

Con molta probabilità, la manifestazione del 30 gennaio sarà il primo appuntamento di una stagione di protesta che si annuncia lunga. Su circa 8 mila dipendenti, i licenziati di questo settore sono oltre 4 mila e 500. Senza cassa integrazione a partire da quest’anno. In pratica, oltre 4 mila e 500 famiglie abbandonate.

La prospettiva non è rosea nemmeno per i circa 3 mila e 500 addetti ancora oggi impegnati. Il 30 giugno termineranno i corsi della terza annualità dell’Avviso 20. E poiché non c’è ancora un solo bando del Fondo sociale europeo 2014-2020, è probabile che anche loro, a partire dall’1 luglio, vengano licenziati. E non è detto che 8 mila operatori lasciati senza lavoro si arrendano. Anzi.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]