First Lego league, la scuola siciliana al mondiale di robotica Dai ragazzi una proposta sull’inclusione sociale nel delivery

«Lo sa che non sappiamo nemmeno quale sia il premio mondiale? È stato talmente inaspettato che non ci siamo nemmeno posti la domanda». Che undici ragazzini dell’istituto comprensivo Carlo Alberto Dalla Chiesa a San Giovanni La Punta potessero disputare le finali mondiali della First Lego League, la competizione mondiale di scienza e robotica, rivolta a squadre composte da ragazzi dai 9 ai 16 anni e promossa dal gigante dei mattoncini, non ci credeva nessuno. Nemmeno loro stessi. «È una cosa talmente prestigiosa – racconta a MeridioNews Gianluca Marletta, il docente che accompagnerà gli studenti alla competizione – che non ci sognavamo nemmeno lontanamente di arrivare ai mondiali». 

Eppure i DallachiesaBIT – questo è il nome dell’unica squadra siciliana ancora nel pieno della competizione – dal 20 al 23 aprile saranno a Houston in Texas, per sfidare oltre 108 squadre (per un totale di quasi 25mila partecipanti) in una gara di progettazione, costruzione e programmazione di robot autonomi applicati nella risoluzione di problemi reali. Cargo connect è il tema di quest’anno, che affronta le difficoltà correlate al traporto delle merci su gomma, via mare o via aria. Un viaggio dal valore di oltre 70mila euro in cui a fare la propria parte è stata anche la Regione Siciliana che ha finanziato il team con 40mila euro. Il progetto della squadra unisce il mondo delle consegne a domicilio con la creazione di opportunità di lavoro concrete per le persone con disabilità cognitiva. 

Slow delivery friends, questo il nome dell’idea del team, punta a innovare il settore del delivery – afflitto da sempre più ritardi nelle consegne e dalle condizioni talvolta sfavorevoli a cui sono obbligati a lavorare i cosiddetti riders – provando a programmare i ritardi e al contempo ridurre i costi a questi legati per sgravare le aziende, avvalendosi di persone con disabilità cognitiva che in un primo momento saranno aiutate da un mediatore, poi diventeranno autonome. Un progetto anche di inclusione sociale, dunque, che sarà sottoposto a tre fasi di valutazione. «Abbiamo costruito un robot che in due minuti e mezzo dovrà compiere determinati passaggi – commenta il docente -, poi passeremo a spiegare la fase della progettazione scientifica e strategica e infine sarà verrà valutato il core value». Ovvero: i ragazzi dovranno dimostrare di essere diventati un team lavorando per crescere insieme e nel rispetto del lavoro altrui. «Alle nazionali ci siamo aggiudicati oltre alla qualificazione ai mondiali, anche questo premio», commenta soddisfatto Marletta. Un percorso a step che, dopo il successo di marzo alle qualificazioni regionali e nazionali, adesso giunge a conclusione. «L’emozione e la sorpresa dei ragazzi è stata talmente tanta che non ci siamo nemmeno chiesti quale sia il premio in palio ai mondiali – ribadisce il professore -, anche perché il pensiero è rivolto per ora ai preparativi per il viaggio».  


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]