Fine della telenovela, Moses Odjer è a Palermo In chiave mercato c’è fermento a centrocampo

Fine della telenovela: Moses Odjer è a Palermo. L’arrivo in città del centrocampista ghanese classe ’96, atterrato ieri sera a Punta Raisi con un volo proveniente da Napoli e giunto al Barbera oggi nel primo pomeriggio assieme ai familiari e al suo agente, chiude quello che in questi giorni stava per diventare un vero e proprio caso. Una specie di giallo alimentato da un continuo tira e molla e in particolare dalle indiscrezioni, smentite due volte dal giocatore, relative al coinvolgimento della moglie che, opponendo una presunta resistenza ritenendo la C non in linea con le ambizioni del marito, avrebbe avuto un ruolo determinante nell’interruzione di una trattativa ormai definita con volo prenotato e biglietti staccati.

Dietrofront? Sì, ma ancora con dei colpi di scena perché dopo l’inevitabile negatività diffusa intorno all’affare dagli sviluppi di un’operazione condizionata da problemi organizzativi del diretto interessato e anche da dinamiche che riguardano i procuratori (Moses, assistito in precedenza da Luigi Sorrentino, ora è entrato nella scuderia di Edoardo Mazzolari dell’agenzia Excellence Sport) gli scenari sono cambiati un’altra volta. In attesa dell’ufficialità del club rosanero, Odjer ha dato l’ok. Il centrocampista, che arriva da svincolato dopo l’esperienza di pochi mesi al Trapani preceduta da quattro stagioni e mezzo alla Salernitana, ha trovato l’accordo sulla base di un biennale ed è in procinto di sostenere il primo allenamento con i nuovi compagni. Cosa che, dopo circa trequarti d’ora in sede, oggi non ha fatto come dimostra la sua uscita dallo stadio in taxi mentre la squadra era negli spogliatoi pronta per entrare in campo.

La telenovela Odjer è una microstoria che può essere inserita in un contesto più ampio caratterizzato sul fronte rosanero e in particolare negli ultimi giorni dalla presenza di un certo fermento nel settore di centrocampo. Protagonisti di questo capitolo ambientato nella zona nevralgica sono sia il recente passato, rappresentato in questo caso da profili come Langella (la mezzala che il Pisa ha ceduto in prestito al Rende, in C, ha ricevuto il messaggio di conforto del portiere rosa Fallani in seguito alla rottura del menisco e del legamento crociato del ginocchio) o Corsino (il palermitano, che assieme a Marong non è stato tesserato dopo il periodo di prova a Petralia Sottana in ritiro, ha ringraziato su Instagram la società, lo staff e i tifosi per i momenti intensi vissuti con la maglia della squadra della sua città), sia il presente leggibile anche come immediato futuro. I riflettori, nel caso specifico, vanno puntati su Jérémie Broh, che arriverà a Palermo (a titolo definitivo) nel momento in cui supererà gli step relativi al protocollo sanitario, e su Fabio Foglia, trentunenne centrocampista dell’Arezzo seguito con interesse dal sodalizio targato Hera Hora. La trattativa, bene avviata, sembra indirizzata verso un epilogo positivo ma per vedere la fumata bianca la dirigenza rosanero dovrà vincere la resistenza del club toscano intenzionato a trattenere il giocatore (e la proposta di un rinnovo contrattuale ne è la conferma) o, comunque, a non privarsene gratis in virtù di un contratto che scade nel 2021.

Facendo la spola tra lo stadio Barbera e il Pasqualino di Carini, intanto, prosegue la preparazione della squadra in vista dell’inizio del campionato. «Sono tutte squadre competitive, noi siamo ancora in una fase di costruzione – ha dichiarato il tecnico Roberto Boscaglia al sito ufficiale – tutte le partite contano allo stesso modo perché i punti lasciati indietro poi non te li restituisce nessuno. Incontreremo squadre che hanno fatto bene lo scorso anno, molte delle quali già ben strutturate dalla passata stagione. Sarà un campionato difficile ma daremo tutto e abbiamo il dovere di giocarcela al meglio e capitalizzare tutte le prestazioni». Sono stati ufficializzati, nel frattempo, i numeri di maglia. Il 10, che l’anno scorso era di Rizzo Pinna, andrà sulle spalle di Silipo. Il 9 all’attaccante palermitano Saraniti. Per quanto riguarda gli altri volti nuovi, i difensori Corrado e Marconi prenderanno rispettivamente il 3 e il 15. Palazzi avrà il 5, casacca numero 14 per Valente.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]