Film festival alla Farm di Favara, torna cinema all’aperto Dibattiti con registi e attori, 42 corti da cinque continenti

In quanti ricordano la famosa scena del film Nuovo Cinema Paradiso di Tornatore in cui Alfredo e il piccolo Totò decidono di riprodurre la pellicola sulla facciata della piazza principale del paesello per lo stupore di tutti i compaesani? Il cinema all’aperto continua ad incantare, ieri come oggi, un maggior numero di spettatori. Lo sa bene il giovane videomaker agrigentino Marco Gallo che a Favara ha organizzato la prima edizione del Farm Film Festival. «Desideravo portare il cinema all’aperto ad Agrigento e in provincia», confessa. Nasce, così, l’idea di creare una rassegna internazionale di cortometraggi dedicata agli artisti indipendenti. In totale 42 pellicole, selezionate su 400, e provenienti da tutti e cinque i continenti, che verranno proiettate gratuitamente dall’1 al 4 settembre. 

«Ricordo che da bambino esisteva un piccolo cinema che proiettava i film all’interno di un cortile, ma venne chiuso circa vent’anni fa – racconta Gallo -. E da allora, non ne sono più esistiti. Un vero peccato se si pensa alla bellezza del nostro territorio che potrebbe essere valorizzato anche da proiezioni cinematografiche nei siti di maggior attrazione turistica, come ad esempio la Valle dei Templi o il porticciolo di San Leone».

Gli spazi del Farm Cultural Park, il primo polo culturale contemporaneo in Sicilia, ideato per riqualificare il centro storico e richiamare artisti da ogni parte del mondo, si confermano la location ideale per il festival. «Per tutte le quattro giornate, a partire dalle 18, sarà possibile confrontarsi con registi, produttori e attori dei film in gara e alle 21 si potrà assistere alle proiezioni all’interno del cortile Bentivegna», spiega. Move! Do something: People and places that are changing the world è lo slogan del Farm Cultural Park che il giovane filmmaker ha utilizzato come motto per l’evento. «Una esortazione – ammette – che mira a smuovere le coscienze collettive». Scopo della rassegna infatti sarà, anche quello di favorire «un cinema indipendente e non commerciale» che possa coinvolgere il pubblico e farlo riflettere con leggerezza.

Le categorie partecipanti saranno cinque: i videoclip dedicati al linguaggio musicale, i corti d’animazione, i documentari, i corti a tema sociale o creativo destinati alle persone e ai luoghi che vogliono cambiare il mondo e i corti a tema libero. «Inviteremo i finalisti da ogni parte d’Italia e dall’estero», aggiunge Gallo. La giuria composta da Gero Miccicché, Leandro Picarella, Beppe Manno, Juraj Horniak e Marco Vaccaro destinerà un premio finale per ogni genere e decreterà il miglior film per regia, fotografia, attore, attrice e colonna sonora.

In pochi giorni, sono state migliaia le visualizzazioni e condivisioni sui social della sigla del festival. «C’è voglia di cambiamento», afferma Gallo. La speranza del giovane direttore artistico è che questa prima edizione possa essere l’occasione per realizzare altri progetti e rilanciare il turismo anche attraverso nuovi linguaggi. «Il mio sogno – conclude – è quello di portare il red carpet nella Valle dei templi».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]