Foto di meineresterampe da Pixabay

Fiera dei morti 2023 a Catania, vince ancora l’imprenditore coinvolto nell’inchiesta per corruzione

Un copione che si ripete. È la gara per l’affidamento, da parte del Comune di Catania, dell’organizzazione della Fiera dei morti 2023. Evento che si terrà nel parcheggio scambiatore Fontanarossa dal 28 ottobre al 5 novembre, con oltre 150 stand espositivi previsti. A vincere la gara, così come avvenuto lo scorso anno, è stato ancora una volta Arturo Coglitore. L’imprenditore il 18 dicembre potrebbe conoscere il proprio destino giudiziario nell’ambito dell’inchiesta della procura di Catania che lo vede indagato proprio per gli affidamenti sui principali eventi fieristici in città. Nel mirino della magistratura è finita l’edizione 2019 della Fiera dei morti e quella di Sant’Agata del 2020. Stando alle accuse, due dirigenti del Comune di Catania, Giampaolo Adonia e Giuseppe Fichera (oggi in pensione, ndr), avrebbero turbato la gara per l’affidamento degli eventi alla Essece srl, società di Coglitore e del figlio Antonio. Nello specifico, per la Essece sarebbe stato attestato «di non trovarsi in nessuna delle clausole di esclusione», nonostante l’azienda fosse inadempiente nei confronti del municipio per debiti pregressi. Ricostruzione non veritiera per le difese, in quanto quei debiti non sarebbero stati ancora definitivi.

I magistrati contestano a Fichera anche di avere accettato utilità per concedere «il monopolio dei più importanti eventi fieristici promossi dal Comune di Catania». L’oggetto del presunto accordo corruttivo sarebbe stata la promessa di assunzione del figlio in un patronato e il pagamento di un viaggio in Germania. I diretti interessati hanno sempre rimandato ai mittenti le accuse e Coglitore ha sottolineato di non avere mai ricevuto favoritismi, anche perché ai bandi partecipa solo lui ormai da anni. Nel 2022 le buste con le offerte erano state due, entrambe della Essece, mentre per questa edizione l’unico incartamento inviato alla direzione Attività produttive è stato quello della «ditta Coglitore Arturo», si legge nel verbale di gara del Comune, con un’offerta di 38.100 euro più Iva al 22 per cento. «Atteso che non esistono altre buste presentate – continua il verbale – il presidente della commissione prende atto dei documenti visionati e, previe successive verifiche di rito, provvederà all’aggiudicazione». Tra i requisiti indicati nell’avviso, un valore del fatturato per il triennio 2020-2022 non inferiore al valore della concessione: ossia 100mila euro. Stesso importo indicato lo scorso anno e riferito al triennio precedente.

L’inchiesta è venuta fuori nel 2022 con la procura etnea che ha chiesto il rinvio a giudizio degli indagati. Per due di loro – Adonia e l’ex presidente del comitato dei festeggiamenti di Sant’Agata Riccardo Tomasello, accusato di peculato – la decisione arriverà il 18 dicembre. «Abbiamo fatto richiesta di accedere al rito abbreviato e nella prossima udienza dovrebbe arrivare la decisione da parte del giudice», spiega a MeridioNews l’avvocato Simone Marchese, che difende il dirigente Adonia. Stessa udienza nella quale il giudice stabilirà se mandare a processo o meno anche gli altri indagati.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]