Festino di Santa Rosalia all’insegna della leggerezza Si mette in moto l’organizzazione dell’edizione 393

Sarà la leggerezza il tema del Festino di Santa Rosalia numero 393. La statua sarà alta due metri e settanta e il carro trionfale che percorrerà il tradizionale tragitto dal Cassaro a mare sarà più spoglio rispetto agli altri anni, simbolo di una Palermo che si libera delle zavorre del passato e guarda al futuro grazie ai suoi giovani. E saranno proprio i ragazzi del liceo artistico Catalano – un centinaio di studenti degli indirizzi di scenigrafia e arti figurative – a progettare e realizzare la statua e il carro dell’edizione 2017 insieme ai docenti Andrea Buglisi, Lia La Grutta e Franco Reina coadiuvati da Nicola Busacca e Massimo Sanfilippo.

Sono questi i primi dettagli delle celebrazioni della Santuzza emersi dall’incontro di stamattina all’istituto di via La Marmora con l’assessore comunale alla Cultura Andrea Cusumano, il direttore artistico Lollo Franco, Andrea Randazzo di Agave Srl e il consigliere comunale Francesco Bertolino. Lo spettacolo laico di giorno 14 avrà un sapore barocco e, a differenza che in passato, si prolungherà fino a giorno 15, tradizionalmente dedicato alle cerimonie religiose. Lo stile del carro, però, sarà diverso rispetto all’effetto specchiato del 2016, quando il tema era la misericordia. Il resto del programma è evidentemente riservato: sarà il nuovo sindaco (o lo stesso Leoluca Orlando se sarà riconfermato) a svelarlo accanto all’arcivescovo Corrado Lorefice in una conferenza stampa intorno ai primi di luglio.

Per l’attore Franco sarà la terza direzione artistica consecutiva con l’organizzazione di Agave Spettacoli, che l’anno scorso si è aggiudicata un bando biennale. Anche il budget sarà lo stesso: circa 230mila euro per le manifestazioni dal 10 al 14 luglio, più 70-80mila che il Comune spenderá per l’organizzazione, la sicurezza e la pulizia. Per le luminarie e i giochi d’artificio c’è un bando a parte. Una formula, quella biennale, che ha consentito all’amministrazione di partire un po’ prima («Non ricordo molti casi in cui a maggio erano già pronti i primi bozzetti di carro e statua – ricorda Cusumano – e stiamo già lavorando al prossimo bando biennale») e soprattutto di scansare, almeno si spera, le solite code polemiche con aggiudicazioni dell’ultimo minuto che puntualmente finivano in tribunale. «La leggerezza si vedrà nel carro, nella statua e anche nelle acrobazie», assicura il direttore Franco, ed è facile immaginare che anche quest’anno chi accorrerà alla Cattedrale il 14 sera potrà ammirare coreografie e scenografie che richiameranno il barocco e rimanere a bocca aperta dinanzi alle spettacolari acrobazie aeree dei ballerini.

«L’anno scorso don Corrado esortò Palermo a rialzarsi perché l’inverno è finito. Per questo con il sindaco abbiamo pensato al tema della leggerezza – spiega l’assessore -. Palermo è appesantita da zavorre legate alle difficoltà economiche e noi vogliamo rappresentare una città che si libera dai pesi e guarda al futuro grazie ai suoi giovani. La leggerezza però non è superficialità ma una mente libera, accogliente e solidale». «I giovani simboleggiano il cambiamento di questa città, il loro impegno ci aiuta ad andare avanti – concorda l’attore -. Sarà un festino per i palermitani e dei palermitani», mentre Randazzo promette «il miglior Festino in assoluto». «È bello pensare che nell’anno di Palermo sia Capitale dei Giovani la festa più importante della città sia realizzata proprio dai giovani – commenta Bertolino -. L’auspicio è che questo festino segni un cambio di rotta per i tanti ragazzi che sono costretti ad andare via da questa città perché non trovano un lavoro, proiettandosi invece in un futuro in cui in questa città ci restano».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]