Ferragosto, boss Mario Strano bloccato in un resort Tenta la fuga con la complicità dei parenti, arrestato

Si era recato ad Altavilla Milicia, piccolo Comune a 20 chilometri da Palermo, per trascorrere uno spensierato Ferragosto insieme alla famiglia. Incurante però del suo status di sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno che gli impediva l’allontanamento da Catania. Così il boss etneo Mario Strano è finito in manette ed è stato trasferito nel carcere di Termini Imerese, accusato di violazione degli obblighi di legge, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Ora dovrà aspettare il processo per direttissima, che potrebbe svolgersi al tribunale di Catania. L’uomo era stato scarcerato l’ultima volta il 29 aprile 2015, dopo quattro condanne per mafia come appartenente alla famiglia di Cosa nostra dei Santapaola. Nel 2011 l’ultimo giudizio per l’affiliazione alla cosca dei Cappello. Un passaggio ricostruito grazie all’inchiesta Revenge, che nel 2009 evita il proseguimento di una sanguinosa guerra di mafia, che aveva avuto il culmine con l’uccisione del reggente dei Santapaola, Raimondo Maugeri.

Strano si era recato in provincia di Palermo insieme alla famiglia. Alcune stanze prenotate in un resort quattro stelle, il Torre Normanna, a quanto pare a nome dell’uomo. Il progetto vacanziero è stato però interrotto dall’arrivo delle forze dell’ordine del reparto Volanti, come riportato da la Repubblica. Alla vista degli agenti Strano, che è fratello degli altri boss catanesi Claudio e Alessandro, avrebbe tentato la fuga dalla sala ristoro con la complicità dei parenti. I poliziotti sono comunque riusciti a bloccarlo mentre provava a mimetizzarsi tra le siepi. Gli altri componenti della comitiva sono stati identificati. 

Il nome di Mario Strano, per la prima volta imputato negli anni ’90 nel processo Orsa Maggiore, è finito nell’inchiesta Revenge. Anni di indagini che svelano il nuovo scacchiere della mafia alle pendici dell’Etna. Dopo l’omicidio, nell’estate 2007, del reggente della famiglia di Cosa nostra Angelo Santapaola si ridefiniscono gli equilibri dei gruppi, con l’ascesa del clan dei Cappello-Carateddi, retto da Orazio Privitera e Sebastiano Lo Giudice. Gli Strano, tradizionalmente attivi nel quartiere-roccaforte di Monte Po e Nesima, decidono di abbandonare i Santapaola e passare proprio con i Carateddi. Un cambio di casacca non indolore, tutt’altro, che segna nuove fibrillazioni. Nel 2011 il collaboratore di giustizia Giuseppe Scollo svela un colloquio che avrebbe avuto nel carcere di Augusta proprio con Strano. «Salvatore Fazio – racconta il pentito – apparteneva al gruppo di Cibali dei Santapaola, ed era stato incaricato di occuparsi del gruppo di Monte Po per contrastare la presenza degli Strano». Dopo il transito alla nuova cosca ci sarebbe stato anche il progetto di uccidere Strano, come ha raccontato il pentito Gaetano Musumeci. Il boss arrestato a Palermo avrebbe trattenuto per sé la carta delle estorsioni, nonostante il passaggio ai Cappello. 

Tra gli accusatori di Mario Strano c’è anche il pentito Santo La Causa. Grazie alle sue dichiarazioni la Direzione distrettuale antimafia di Catania nel 2013 spicca sette ordinanze di custodia cautelare in carcere per alcuni omicidi commessi tra il 1995 e il 2009. Fatti di sangue riferibili alla famiglia Santapaola e in uno di questi, risalente al 1999, compare anche il nome di Strano. Accusato di essere implicato nell’uccisione di Salvatore Pappalardo per dei contrastati nella gestione del racket delle estorsioni nel quartiere di Monte Po. Per i magistrati Strano è il mandante mentre l’esecutore materiale sarebbe stato Francesco Crisafulli.

L’ultima apparizione pubblica del boss risale all‘aprile 2016. Quando i magistrati lo convocano nel carcere di Bicocca per sfilare come testimone nel processo all’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo. «È vero che lei è stato nei Cappello?», gli chiede la pm Agata Santonocito. «Io rispetto le sentenze», risponde Strano senza giri di parole. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Fratello di Claudio e Alessandro, è stato condannato quattro volte come appartenente ai Santapaola, mentre l'ultimo giudizio, nel 2011, riguarda il passaggio ai Cappello. Obbligato a soggiornare a Catania, è stato trovato dalla polizia in un hotel a quattro stelle di Altavilla Milicia, nel Palermitano, con la famiglia

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]