Femminicidio Salamone, confermato ergastolo a ex amante Legale: «Bisogna trovare il complice: è pericoloso criminale» 

Nicola Mancuso ha ucciso Valentina Salamone. Dopo i giudici del processo di primo grado anche quelli d’Appello, con la presidente Elisabetta Messina, confermano il giudizio e condannano l’uomo all’ergastolo. Il verdetto, arrivato oggi, riguarda il caso della ragazza 19enne, originaria di Biancavilla (in provincia di Catania), trovata morta il 24 luglio del 2010 in una villetta di periferia in via Salette, in contrada Vigne. Lì la ragazza era andata a vivere da poco tempo e, la sera prima, era stata organizzata una festa con diversi partecipanti, a base di droga e alcol. Durante la serata, Salamone avrebbe fatto una scenata di gelosia per Mancuso con cui, da qualche mese, aveva una relazione sentimentale che si era interrotta appena 15 giorni prima della morte.

«È un secondo passaggio importante verso la verità – commenta a MeridioNews l’avvocato Dario Pastore, che assiste la famiglia Salamone – Ma non dimentichiamo che c’è ancora un soggetto ignoto che ha partecipato al delitto e di cui abbiamo il dna». L’auspicio del legale è che la procura generale continui a scavare anche in quella direzione perché «al momento, c’è ancora un pericoloso criminale in giro». In un primo momento, anche considerando il fatto che Salamone venne trovata impiccata con una corda a una delle travi di ferro della tettoia, si ipotizzò la pista del suicidio tanto da arrivare all’archiviazione del fascicolo. Una tesi smentita dal particolare tipo di nodo a doppia cima che, pur salendo su una sedia in punta di piedi e con le braccia alzate, la vittima non avrebbe potuto fare da sola perché per arrivarci le sarebbero mancati 45 centimetri alla tettoia. 

Prima c’è stata l’avocazione da parte della procura generale e poi l’avvio di nuove indagini. Gli specialisti del reparto investigazioni scientifiche dei carabinieri di Messina trovarono alcune tracce di sangue sotto le scarpe di Mancuso. Particolare che ha aperto la strada alla ricostruzione secondo cui la scena del delitto sarebbe stata alterata per simulare un suicidio. Il 39enne, sposato e con due figli, con la 19enne avrebbe intrattenuto una relazione extraconiugale. Nel 2016, per lui è arrivato il rinvio a giudizio e tre anni dopo, a giugno 2019, la condanna in primo grado all’ergastolo per l’omicidio che adesso è stata confermata in secondo grado. I legali di Mancuso ne avevano chiesto l’assoluzione con la formula «perché non ha commesso il fatto».

Una ragazza – minorenne all’epoca dei fatti – che aveva partecipato alla festa ha riferito che Mancuso, arrabbiatissimo dopo essere andato via dalla villetta, in macchina avrebbe commentato con altri la scenata di gelosia di Valentina. «Ora l’ava finiri o ci a fazzu finiri iu, mi sta creannu troppi problemi. Basta: nun ne pozzu chiu (Ora deve finirla o gliela faccio finire io, mi sta creando troppi problemi. Basta: non ne posso più, ndr)». Lui ha sempre negato di avere pronunciato quelle parole e sempre sostenuto che «Valentina voleva fare la fine del nonno», che si era suicidato impiccandosi. Per l’accusa, invece, il 39enne sarebbe poi tornato nella villetta e, insieme a un altro soggetto non identificato, avrebbe ucciso la ragazza. Nell’autopsia fatta sei giorni dopo la morte, si parla di «asfissia meccanica violenta da impiccamento» ma si aggiunge anche che «non è possibile, in alcun modo, stabilire una compatibilità teorica con il suicidio». Un’altra circostanza incompatibile con il suicidio è che la ragazza viene ritrovata le mani incastrate tra la corda e il collo. Per i medici legali si tratta di un «inequivocabile tentativo di liberarsi».

Mancuso, negli anni passati, è finito coinvolto nell’inchiesta Binario morto sul traffico di droga ad Adrano ed è stato condannato a 14 anni di carcere. Ed è proprio da quell’ambiente che, nel maggio del 2019, è arriva davanti alla corte d’Assise la testimonianza di un collaboratore di giustizia che aveva fatto parte del clan Malpassotu ed era poi diventato responsabile del gruppo mafioso di Belpasso fino a prima di finire in cella per estorsione. Carmelo Aldo Navarria ha raccontato di avere ricevuto una confessione da Mancuso mentre si trovano insieme detenuti nel carcere di Siracusa. «Zio Aldo, non so se tu lo sai, io sono imputato per quella ragazza che hanno trovato strangolata nella zona di Adrano. E c’ho problemi con la mia famiglia: mia moglie, quando accompagna i bambini a scuola, c’ha una certa vergogna perché si sente osservata». Stando al collaboratore, il cui racconto è stato ritenuto verosimile dal giudice, la conversazione sarebbe avvenuta su una panchina in cui i due erano seduti in disparte. Alla esplicita domanda, Mancuso avrebbe risposto a bassa voce: «Purtroppo sono stato io. E che dovevo fare? Meglio la sua che io perdere la mia famiglia». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]