Faraone contro i poteri forti (e fratricidi) del Pd

E’difficile non comprendere la ragioni di Davide Faraone, candidato sindaco di Palermo del centrosinistra. L’unico iscritto al Pd che il partito ha deciso di snobbare.
Come sappiamo, il segretario nazionale Pierluigi Bersani, si è schierato (almeno così pare) con Rita Borsellino, leader del movimento Un’Altra storia. Mentre il capogruppo all’Ars, Antonello Cracolici e il senatore Beppe Lumia, pur di tenere in vita il loro “inciucio” con il governatore Lombardo e quel che resta del Terzo polo, si sono schierati con l’ex Idv, Fabrizio Ferrandelli, che alla faccia del rinnovamento e della riscossa dei giovani, ha accettato l’alleanza con i maggiori sponsor dell’attuale governo siciliano (un ‘alleanza rifiutata sia dalla Borsellino che da Faraone).
Non c’è da sorprendersi dunque se Faraone grida all’ingiustizia. Lo ha fatto quando ha denunciato il Pd nazionale, reo a suo dire, di avere pagato la campagna elettorale per le primarie alla Borsellino (come vi abbiamo raccontato in questo articolo), e lo ha fatto con il sindaco di Firenze,  Matteo Renzi, il rottamatore del Pd, che a Palermo ha parlato della sfida di Faraone all’establishment del suo partito come di uno straordinario atto di coraggio (come “Davide contro Golia” ha detto Renzi).
E Faraone torna a tuonare anche oggi. Nel corso di un incontro con la stampa, convocata nel giorno in cui Bersani arriva nel capoluogo siciliano in sostegno della Borsellino, spiega perché non sarà l’ ad accogliere il leader del suo partito: “Non parteciperò alla manifestazione perché in questa partita palermitana delle primarie, ti sei tolto la maglia di arbitro per fare il dodicesimo uomo in campo” dice in una lettera indirizzata al segretario nazionale e che sarà distribuita oggi al teatro Zappalà, dove si svolgerà la manifestazione pro-Borsellino. “Avevo fatto richiesta di imparzialità al mio partito, ma i vertici romani continuano a sostenere una candidatura mentre dall’altro lato ci sono candidature della cosiddetta società civile che non mi pare si sposti in autoblu”. Faraone si riferice a Cracolici e Lumia “seduti in prima fila alla manifestazione organizzata al Politeama da Fabrizio Ferrandelli”. E a proposito di Ferrandelli: “Sarebbe lui il candidato dei movimenti civici? Non mi pare che la gente comune si muova su quelle auto blu che sono arrivate in suo sostegno”. Ed erano tante, come vi abbiamo raccontato ieri.

Nella lettera a Bersani (che qui potete leggere per intero) Faraone aggiuge: “Tra chi è interessato solo all’alleanza con Lombardo e chi riproduce uno schema di alleanze deciso a Roma, chi ci rimette è la nostra città”.

Una cosa è certa: a Faraone non manca il coraggio. Basti pensare che, stretto dai poteri forti del suo partito, non ha esitato a parlare di un ritorno dei tempi di Lima, ma questa volta il riferimento non era alla Dc ma al Pd. Vale la pena rileggere le sue dichiarazioni raccolte in questo articolo: “Il Pd? Sembrano i tempi di Lima“. Un approccio che sembra coerente con la voglia di rompere con i vecchi schemi. Costi quel che costi, scegliendo di concentrarsi sulla gobba del proprio partito prima che su quella altrui.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]