Experia, Manzoni, Giurisprudenza: un lieto fine con riserva

«La lotta paga». Con queste parole i ragazzi del Centro Popolare Occupato Experia fanno un bilancio della questione del mancato sgombero del Cpo e della chiusura della scuola media Manzoni. Il presidio del 1 marzo in piazza Teatro Massimo, contemporaneo all’inaugurazione dell’Anno Accademico al teatro Bellini, è stato quindi un sereno momento di bilanci positivi, ma anche una manifestazione contro gli attacchi al diritto allo studio e sulla situazione del quartiere Antico Corso, dove si trovano tutti i protagonisti di questa storia: il centro popolare, la scuola e la facoltà di Giurisprudenza.

La contesa ha una storia lunga e ricca di colpi di scena. L’inizio risale al 2000, quando la facoltà di Giurisprudenza decide di costruire delle nuove aule nell’area della Purità (dove si trovano il Cpo e la scuola) per tamponare la cronica mancanza di spazi. Degli inaspettati ritrovamenti archeologici però bloccano i lavori. E si salta al settembre 2007, quando tra i punti all’ordine del giorno della riunione del consiglio di facoltà si legge: “Richiesta di acquisizione immobile complesso Purità (ex G.I.L.) alla Regione siciliana”. Il Programma triennale delle opere pubbliche 2007/2008 dell’Amministrazione dell’Università di Catania riporta: “Facoltà di Giurisprudenza – Acquisizione e rifunzionalizzazione Edificio ex GIL – costo 4.900.000,00”.
La notizia sembra essere di dominio pubblico, e gli stessi ragazzi del centro la apprendono attraverso un articolo pubblicato su Universitinforma.

Comincia la mobilitazione, il cui culmine viene raggiunto la scorsa settimana con una serie di comunicati stampa diramati sia dal centro popolare che dall’Ateneo. Il Cpo indice un’assemblea pubblica e una conferenza stampa il 28 e 29 febbraio, e un presidio programmato per giorno 1 marzo. Prontamente l’Università risponde che l’acquisto era stato sì ipotizzato, “ma a questa ipotesi di acquisizione nessun atto concreto è seguito, tanto più che l’attuale amministrazione dell’Ateneo non intende certo sottrarre spazi ad altre istituzioni formative e ad iniziative sociali”.

E quindi? La tregua viene raggiunta venerdì 29 febbraio con un incontro tra una delegazione del Centro Experia, il pro-rettore Antonio Pioletti e il direttore amministrativo dell’Università di Catania, Federico Portoghese. Questi ultimi ribadiscono che “pur dovendo porre rimedio alla carenza di spazi per le sedi delle facoltà e degli uffici, l’attuale amministrazione dell’Ateneo non intende assolutamente entrare in conflitto o in competizione con altre istituzioni culturali e scolastiche o con soggetti attivi nel territorio”.

I ragazzi del centro apprezzano, ma stavolta vogliono essere sicuri: chiedono che il Rettore “si assuma la responsabilità di proporre in Senato Accademico il definitivo ritiro del progetto che avrebbe come conseguenza la chiusura della Manzoni e del Cpo Experia”. Giorno 1 marzo sono quindi scesi ugualmente in piazza, insieme ai ragazzi del Collettivo del liceo classico Spedalieri, per ricordare al Rettore di chiudere definitivamente la faccenda, per festeggiare una vittoria, ma anche per protestare.

Al centro della protesta ci sono il carovita e il problema dell’intasamento del quartiere dovuto agli incredibili livelli di traffico e alla carenza di parcheggi. E soprattutto c’è il caroaffitti: i ragazzi denunciano il costume dei proprietari che preferiscono affittare in nero a studenti, sicuramente ad un prezzo più alto, così che “le famiglie monoreddito non possono reggere la crescita degli affitti dovuta alla presenza di troppe facoltà in quartiere”. Critiche anche al “piano anti-sprechi” del Comune, che intende accorpare alcune scuole ritenute non totalmente funzionanti, provocando però la sparizione di alcuni istituti scolastici proprio in quartieri dove ce n’è più bisogno.

L’Università non viene assolutamente risparmiata, anzi accusata per la probabile introduzione del numero chiuso in alcune facoltà, perché “con la scusa di indirizzare meglio la domanda degli studenti” si vuole creare una sorta di sbarramento per chi non è in possesso di specifiche conoscenze (ad esempio chi ha frequentato un istituto tecnico e volesse iscriversi alla facoltà di Lettere): “Siamo scesi in piazza per rivendicare un diritto di cui nessuno ci può privare: tanto meno chi si appella al diritto allo studio proprio per privarcene”, afferma Erica del Collettivo Spedialieri.

Nel suo intervento conclusivo Antonio del Cpo Experia dichiara: “Una battaglia è stata vinta, grazie alla mobilitazione, ai passaggi sulla stampa, a questo presidio: non c’è stato regalato nulla. La lotta paga e non si deve fermare, perché oggi molte scuole pubbliche sono minacciate di chiusura a Catania. Il piano antisprechi del Comune è un attacco senza precedenti ai diritti dei lavoratori, delle famiglie. La scuola pubblica non è mai uno spreco e noi su questo dobbiamo continuare a fare iniziative pubbliche, dobbiamo continuare questa lotta e dare solidarietà alle famiglie e alle scuole”.

“Uscite dai palazzi, parlate coi giovani…” ha urlato al megafono un passante, forse uno studente: ma le finestre del Teatro Bellini si sono chiuse. Sarà stato per il rumore?


Dalla stessa categoria

I più letti

Mentre dentro il teatro Bellini si inaugurava l’Anno Accademico, con il presidio di giorno 1 marzo in piazza Teatro Massimo i ragazzi del Cpo Experia e del Collettivo Spedalieri si sono ritrovati per festeggiare una vittoria, ma anche per protestare contro gli attacchi al diritto allo studio, il piano ‘anti-sprechi’ del Comune e denunciare la situazione del quartiere Antico Corso

Mentre dentro il teatro Bellini si inaugurava l’Anno Accademico, con il presidio di giorno 1 marzo in piazza Teatro Massimo i ragazzi del Cpo Experia e del Collettivo Spedalieri si sono ritrovati per festeggiare una vittoria, ma anche per protestare contro gli attacchi al diritto allo studio, il piano ‘anti-sprechi’ del Comune e denunciare la situazione del quartiere Antico Corso

Mentre dentro il teatro Bellini si inaugurava l’Anno Accademico, con il presidio di giorno 1 marzo in piazza Teatro Massimo i ragazzi del Cpo Experia e del Collettivo Spedalieri si sono ritrovati per festeggiare una vittoria, ma anche per protestare contro gli attacchi al diritto allo studio, il piano ‘anti-sprechi’ del Comune e denunciare la situazione del quartiere Antico Corso

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]