Esami, 50mila siciliani oggi alla maturità Prima prova su Resistenza e Mediterraneo

Sono circa 50mila gli studenti siciliani impegnati con la prima prova della maturità 2015. Per la prima volta quest’anno il Miur si è affidato ad un procedimento completamente telematico per trasmettere le tracce della prima prova. Una e-mail alle singole scuole e una password per accedere al plico digitale – pubblicato dalle 8 anche sul sito del Ministero – hanno permesso contemporaneamente a tutti gli istituti regionali di conoscere gli argomenti del primo test della maturità 2015. Sono quattro le tipologie di prova in cui gli studenti si stanno cimentando da questa mattina: analisi del testo, saggio breve o articolo di giornale, tema di argomento storico e tema di ordine generale

Un brano di Il sentiero dei nidi di ragno di Italo Calvino è parte della prima prova, la A. Resistenza e giovinezza come tema esistenziale sono i concetti su cui si chiede di analizzare e interpretare il testo, riflettendo innanzitutto sul dramma della seconda guerra mondiale, la lotta partigiana e il passaggio dall’infanzia e l’adolescenza in un giovane. Sono quattro gli argomenti per il saggio breve, la cosiddetta prova B. 

Il primo, per l’ambito letterario e artistico, è la letteratura come esperienza di vita, da sviluppare attraverso l’osservazione di tre quadri (La lettrice di romanzi di Vincent Van Gogh; La lettrice in abito viola di Henri Matisse Chair Car di Edward Hopper) e quattro testi (Inferno di DanteConversazioni americane di Jorge Burgess; Un’etica del lettore di Ezio Raimondi; La letteratura in pericolo di Cvetan Todorov). Secondo argomento, di ambito socio-economico, sono le sfide del XXI secolo e le competenze del cittadino nella vita economico sociale, da comporre sulla base di tre testi (Investire in conoscenza di Ignazio Visco; Non per profitto di Martha Nussbaum e su una raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre del 2006). Terzo argomento, di ambito storico-politico, il Mediterraneo: atlante geopolitico di Europa e specchio di civiltà, per cui il saggio o l’articolo sono da comporre leggendo due testi (Il mare di Paolo Frascani Breviario mediterraneo di Predrag Metvejevic). Infine, in ambito tecnico-scientifico, i cambiamenti portati nel mondo della comunicazione dalla tecnologia, da scrivere dopo la lettura di due testi (Dove sei? di Maurizio Ferraris, e un articolo di Daniele Marini su La Stampa). 

Per la prova C, il tema di carattere storico è dedicato ancora al tema della Resistenza, stavolta affrontato attraverso l’analisi di un testo, un «documento spirituale» scritto da un ufficiale dell’esercito regio che dopo l’8 settembre morì per lottare contro il nazi-fascismo. Ultima prova, ovvero la D, è infine riservata al tema di ordine generale, improntato quest’anno sull’analisi di un brano tratto da Io sono Malala, scritto dalla premio Nobel per la Pace 2015 Malala Yousafzi. «Spero che ai maturandi siano piaciute le tracce, ognuno troverà quella più adatta ad esprimere la propria capacità di elaborazione». Ha twittato la ministro Stefania Giannini utilizzando l’hastag #maturita2015.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]