Enna, il futuro del corso di Medicina in rumeno Il Tribunale lo boccia, ma non blocca le attività

Un giudizio che ha fatto cantare vittoria a entrambi i contendenti. La recente decisione del Tribunale di Caltanissetta sul corso di laurea di medicina in lingua rumena a Enna rappresenta una tappa importante per il futuro della contestatissima esperienza promossa dall’ex senatore Pd Mirello Crisafulli. E sembra aver dato speranza sia al Miur, che ne chiede con forza la chiusura, sia alla Fondazione Proserpina, guidata da Crisafulli, che ne difende la legittimità.

Il Tribunale in sostanza ha respinto il reclamo del ministero dell’Istruzione che chiedeva un intervento d’urgenza della magistratura per bloccare le attività didattiche. Non ci sono le basi giuridiche, secondo i giudici, per adottare un provvedimento d’urgenza come chiesto da Roma. Tuttavia la decisione si presta a una lettura più approfondita, perché si spinge a formulare alcuni giudizi di merito su una vicenda complessa, che rappresenta un caso nazionale. 

In sostanza si parla della possibilità di un’università di un Paese aderente all’Unione europea di aprire una propria sede e attivare un corso di studi in un altro Paese dell’Ue (detto in termini tecnici «paese di stabilimento»), senza chiedere autorizzazioni e ponendosi al di fuori di quel sistema universitario. È possibile? Per il Tribunale no. Scrivono i giudici che «è vero che l’invocato articolo 49 del Tfue (il trattato sul funzionamento dell’Unione europea) vieta le restrizioni alla libertà di stabilimento dei cittadini», ma dall’altra parte «fa obbligo di osservare le condizioni definite dalla legislazione del Paese di stabilimento nei confronti dei propri cittadini». 

In sostanza persone e società di un altro Paese comunitario possono svolgere attività autonome e gestire imprese in un altro Stato dell’Ue, ma alle stesse condizioni dei cittadini e delle imprese del Paese che le ospita. Di conseguenza anche le università straniere possono avviare attività in Italia «ma non certo con l’apertura di una sede delocalizzata, svincolata da qualsivoglia forma di autorizzazione o riconoscimento». Sulla natura del corso di laurea in lingua rumena, il Tribunale sembra non avere dubbi. «Quella aperta a Enna deve considerarsi una vera e propria sede universitaria, dove vengono impartite da docenti rumeni lezioni nell’ambito di un corso di laurea al fine di conseguire un titolo accademico al dichiarato scopo di ottenerne il riconoscimento in via automatica», per effetto di una direttiva dell’Ue. 

Con uno scenario diverso da questo, «si giungerebbe ad ammettere la possibilità per le istituzioni accademiche del Paesi Ue di aprire sedi in Italia, o in altro Paese aderente, sottratte alle condizioni imposte dal paese di stabilimento nei confronti dei propri cittadini e imprese». Insomma si tratterebbe di «una palese discriminazione al contrario», senza possibilità di preventiva autorizzazione e successivo controllo. Così la sovranità del Paese di origine si estenderebbe ben oltre i propri confini. Un esempio, secondo il Tribunale, è il fatto che il numero di studenti ammessi al corso di laurea in medicina viene deciso dalle autorità rumene, mentre nel resto d’Italia vige un rigido numero chiuso disciplinato dal Miur. 

E neanche, secondo i giudici nisseni, la diatriba può essere paragonata agli studenti che decidono di andare in Romania, o in altro Paese, per conseguire una laurea che poi viene riconosciuta in Italia. «Quella – scrive il tribunale – rappresenta una delle forme della libertà di circolazione e di soggiorno di ogni cittadino dell’Ue, mentre l’apertura di una sede universitaria è manifestazione del diritto di stabilimento e quindi sottoposta ai limiti previsti dalla legge». Infine il Tribunale pone un dubbio su una premessa senza la quale tutti i discorsi fin qui fatti sarebbero superflui. L’università Dunarea de Jos può essere equiparata a una società? Dettaglio non di poco conto considerando il fatto che, in termini di legge, la libertà di stabilimento di cui si è parlato, è un diritto delle persone e, appunto, delle società. La risposta dei giudici è tendenzialmente negativa. «Non pare che un’università pubblica possa prefigersi uno scopo di lucro come invece richiesto dalla legge». 

Questioni su cui si tornerà a dibattere nel caso in cui, come sempre probabile, il Miur procederà a nuove azioni giudiziarie. La fine di questa battaglia sembra ancora molto lontana. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]