Enna, il caso della giovane disabile a cui è negato il diritto allo studio finisce al ministero

L’istituto romeno Dunarea de Jos Galati che opera nella città di Enna «non da luogo a un’istituzione riconosciuta, ai fini della erogazione di corsi accreditati presso questo ministero o al rilascio di titoli propri dell’ordinamento italiano. Non risultano quindi applicabili gli istituti e i relativi meccanismi di controllo previsti in generale per le università italiane, né le ordinarie verifiche e le eventuali sanzioni in relazione all’accreditamento dei corsi di studio». Lo ha detto la ministra dell’Università e ricerca Anna Maria Bernini rispondendo durante il question time a una interrogazione presentata sul caso di una studentessa della facoltà di Medicina dell’università siciliana impossibilitata a partecipare alle lezioni per la sua disabilità grave. Per esercitare il proprio diritto allo studio, la giovane si è dovuta rivolgere al tribunale.

Si tratta di Chiara Cumella che è affetta da 13 malattie rare, è in sedia a rotelle e attaccata a un sondino naso-gastrico. La 23enne, che è iscritta al quinto anno del corso di studi in Medicina dell’università rumena con sede a Enna, è impossibilitata a frequentare sia le lezioni in presenza che quelle online. «Questo è incivile – ha commentato durante l’intervento in aula il deputato di Azione-Italia viva Davide Faraone – soprattutto in quanto il tribunale ha già deciso, con una sentenza, che l’università deve consentire la frequenza online. Siamo di fronte a una situazione inconcepibile».

«Non a caso, nel contenzioso incardinato al tribunale di Caltanissetta – ha aggiunto la ministra Bernini nel corso del question time – il ministero non è parte, visto che l’intera vicenda sfugge agli ordinari meccanismi di controllo del sistema universitario nazionale. Ciononostante, assicuro il massimo impegno, in raccordo con tutti i ministeri competenti e con tutti gli strumenti istituzionali a disposizione, per porre in essere ogni azione utile – ha concluso la ministra – al fine di chiarire questa situazione». Sul caso, in aula, è intervenuto anche il deputato Faraone per sottolineare come «per le persone con disabilità in Italia esistono ancora zone franche in cui è impossibile far valere il diritto allo studio. Vengono messe di fronte all’alternativa se studiare o curarsi».


Dalla stessa categoria

I più letti

L’istituto romeno Dunarea de Jos Galati che opera nella città di Enna «non da luogo a un’istituzione riconosciuta, ai fini della erogazione di corsi accreditati presso questo ministero o al rilascio di titoli propri dell’ordinamento italiano. Non risultano quindi applicabili gli istituti e i relativi meccanismi di controllo previsti in generale per le università italiane, né le […]

L’istituto romeno Dunarea de Jos Galati che opera nella città di Enna «non da luogo a un’istituzione riconosciuta, ai fini della erogazione di corsi accreditati presso questo ministero o al rilascio di titoli propri dell’ordinamento italiano. Non risultano quindi applicabili gli istituti e i relativi meccanismi di controllo previsti in generale per le università italiane, né le […]

L’istituto romeno Dunarea de Jos Galati che opera nella città di Enna «non da luogo a un’istituzione riconosciuta, ai fini della erogazione di corsi accreditati presso questo ministero o al rilascio di titoli propri dell’ordinamento italiano. Non risultano quindi applicabili gli istituti e i relativi meccanismi di controllo previsti in generale per le università italiane, né le […]

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo