Elezioni Politiche 2018, tutti i risultati in Sicilia È cappotto M5s sia al Senato che alla Camera

Capotto storico. In tutti i collegi uninominali vince il Movimento 5 stelle che porta in parlamento 19 deputati e nove senatori (ecco chi sono), in attesa dei risultati del proporzionale che assegnano i due terzi degli scranni. Stravolti i sondaggi della vigilia. Questi i risultati, quasi definitivi delle liste nei collegi uninominali.

Sicilia Senato: Movimento 5 stelle 47,7 per cento; centrodestra 32,26% (Forza Italia 21, Lega 5,5, FdI 3,8; Noi con l’Italia-Udc 2,1); centrosinistra 13,77% (Pd 11,5; +Europa 1,15; Civica e popolare 0,59; Insieme 0,31); Liberi e Uguali 3%; Potere al Popolo 0,71%; Forza Nuova 0,58%; Casa Pound 0,48%.

Sicilia occidentale Camera: Movimento 5 stelle 48,2 per cento; centrodestra 32,67% (Forza Italia 21, Lega 5,1, FdI 3,5; Noi con l’Italia-Udc 3); centrosinistra 12,87% (Pd 10,56; +Europa 1,22; Civica e popolare 0,37; Insieme 0,47); Liberi e Uguali 3,2%; Popolo della famglia 1,20; Potere al Popolo 0,75%; Forza Nuova 0,43%; Casa Pound 0,35%.

Sicilia orientale Camera: Movimento 5 stelle 48,8 per cento; centrodestra 30,73% (Forza Italia 20,5, Lega 5,2, FdI 3,7; Noi con l’Italia-Udc 1,6); centrosinistra 14,8% (Pd 12,2; +Europa 1,02; Civica e popolare 0,64; Insieme 0,4); Liberi e Uguali 2,66%; Popolo della famglia 0,75%; Potere al Popolo 0,66%; Forza Nuova 0,37%; Casa Pound 0,60%.

Nel dettaglio:
Collegio 1 (Palermo-Resuttana), M5s (Steni Di Piazza) al 42%; centrodestra (Giulio Tantillo) al 31%; centrosinistra (Teresa Piccione) al 17%.
Collegio 2 (Palermo-Bagheria), M5s (Loredana Russo) al 46%; centrodestra (Ester Bonafede) 35%; centrosinistra (Mario Cicero) 11%.
Collegio 3 (Marsala), M5s (Francesco Mollame) al 52%; centrodestra (Antonino Scilla) al 29%; centrosinistra (Paolo Ruggirello) al 13%.
Collegio 4 (Agrigento), M5s (Rino Marinello) al 52%; centrodestra (Vincenzo Giambrone) al 28%; centrosinistra (Maria Iacono) al 11%.
Collegio 5 (Gela), M5s (Pietro Lorefice) al 49%; centrodestra (Giovanna Candura) al 30%; centrosinistra (Annalista Petitto) al 14.
Collegio 6 (Messina), M5s (Grazia D’Angelo) al 42%; centrodestra (Urania Papatheu) al 34; centrosinistra (Fabio D’Amore) al 17.
Collegio 7 (Acireale), M5s (Tiziana Drago) al 50%; centrodestra (Angelo Attaguile) al 36%; centrosinistra (Giovanni Burtone) al 9%.
Collegio 8 (Catania),  M5s (Nunzia Catalfo) al 49%; centrodestra (Raffaele Stancanelli) al 33; centrosinistra (Valeria Sudano) al 13.
Collegio 9 (Siracusa), M5s (Pino Pisani) al 52%; centrodestra (Mariella Muti) al 27; centrosinistra (Maria Furnari) al 14.

ore 3.10 – comincia lo spoglio anche alla Camera e nei 19 collegi uninominali, dalle primissime sezioni scrutinate, si profila un risultato simile a quello del Senato: Movimento 5 stelle avanti in moltissimi collegi. Il centrodestra regge e incalza il partito di Di Maio nel Messinese.

ore 2.50 – Proiezioni a livello nazionale. Camera, seconda proiezione del Consorzio Opinio Italia per la Rai (copertura 15%): il M5s resta il primo partito con il 32,5%. La Lega sale al 17,7% mentre Forza Italia scende al 13,3%). Fdi è al 4% e Noi con l’Italia al 1,2%. Il Pd è al 19%, +Europa Bonino al 2,6%, mentre Civica Lorenzin e Insieme sotto allo 0,5%. LeU è al 3,8%. Gli altri sono al 4,5%.

Senato, in base alla quarta proiezione Consorzio Opinio Italia per Rai: Movimento 5 Stelle è al 32,5%; Partito democratico è al 19,2%; Lega è al 16,2%; Forza Italia è al 14%; Fratelli d’Italia è al 4,1%; Liberi e uguali è al 3,5%; +Europa Bonino è al 2,3%; Noi con l’Italia – Udc è al 1,2%

ore 02.45 – Affluenza definitiva bassa in Sicilia, ma non distante da quella di cinque anni fa (meno tre punti). Alle 23, alla chiusura dei seggi, ha votato poco più del 62 per cento degli aventi diritto sull’Isola (poco dopo le 2.30 della notte manca ancora un Comune all’appello: Motta Sant’Anastasia). Una percentuale nettamente inferiore rispetto alla media nazionale del 73 per cento. La Sicilia, come si era già profilato nei due rilevamenti precedenti, è la regione d’Italia dove meno persone sono andate alle urne. In generale tutto il Mezzogiorno ha registrato percentuali più basse rispetto al resto del Paese.

ore 1.15 – in Sicilia orientale (circoscrizione Sicilia 2 che comprende i collegi di Messina, Acireale, Catania, Siracusa) con 9 sezioni scrutinate, al plurinominale Movimento 5 stelle al 53 per cento; centrodestra 31 (Forza Italia 19 – Lega 6,7); centrosinistra 11 (Pd 9,9); Liberi e uguali 1,87.

ore 1.10 – in Sicilia occidentale (circoscrizione Sicilia 1 che comprende i collegi di Palermo Resuttana, Palermo Bagheria, Marsala, Agrigento, Gela) con 24 sezioni scrutinate su 2.700, al plurinominale Movimento 5 stelle al 45 per cento; centrodestra 33,5 (Forza Italia 22 – Lega 6); centrosinistra 15 (Pd 14,27); Liberi e uguali 2,91.

ore 00.40 – seconda proiezione Swg per La7 sul Senato:

M5S 33,6%
Centrodestra: Forza Italia 14,1%; Lega 17,4%; Fratelli d’Italia 4%; Noi con l’Italia Udc 1%
Centrosinistra: Pd 18,3% +Europa 2,3%; Civica popolare 0,6%; Italia Europa Insieme 0,8%
Liberi e uguali 3,3%
Potere al popolo 1,2%
Casapound 0,9%
Popolo della famiglia 0,8%

ore 00.30 – La proiezione Opinio Italia per la Rai:

ore 00.50 – mentre si discute sui dati delle proiezioni, arriva la prima sezione scrutinata in Sicilia. È nel collegio uninominale di Gela per il Senato, dove il candidato del Movimento 5 stelle Pietro Lorefice stravince con più del 62 per cento; Giovanna Candura (centrodestra) al 23; Annalisa Maria Petitto (centrosinistra) al 10. 

ore 00.10 – Prima Proiezione Swg per La7 (copertura del 12 per cento) sul Senato:

Movimento 5 stelle 33,1

COALIZIONE CENTRODESTRA 36,6
Forza Italia 14.1
Lega Nord 17.3
Frateli d’Italia 4.2
Noi Con l’Italia 1

COALIZIONE CENTROSINISTRA 22,6
Partito Democratico 18.7
+Europa 2.6
Civica e Popolare 0.5
Insieme 0.8

Liberi e Uguali 3.3

Casa Pound 0.8

Potere al Popolo 1.3

ore 23.10 – primi exit poll a livello nazionale (cioè sondaggi effettuati tra gli elettori all’uscita dai seggi, quindi non dati reali) per il Senato del consorzio Opinio Italia per la Rai:

Movimento 5 stelle 29-32%
Pd 20,5-23,5%
Forza Italia 13-16%
Lega 13-16%
Fratelli d’Italia 4-6%
Liberi e Uguali 3-5%
+Europa Bonino 2,5-2,5%
Noi con l’Italia 1-3%
Civica e popolare 0-2%

Primi exit poll per la Camera del consorzio Opinio Italia per la Rai:

Movimento 5 stelle: 29,5-32,5
Pd: 20-23
Lega: 13-16
Forza Italia: 12,5-15,5
Fratelli d’Italia: 3,5-5,5
Liberi e uguali: 3-5
+Europa Bonino: 2-4

Exit poll delle coalizioni al Senato:

Centrodestra 33,5-36,5
Movimento 5 stelle 29-32
Centrosinistra 25-28
Liberi e uguali 3-5

Exit poll delle coalizioni alla Camera:
Centrodestra 33-36
Movimento 5 stelle 29,5-32,5
Centrosinistra 24,5-27,5
Liberi e uguali 3-5

Per quanto riguarda i collegi dell’uninominale, di cui si conosceranno prima i risultati, in Sicilia si assegnano 19 deputati e nove senatori. Chi era ancora in fila ai seggi alle 23 potrà esprimere il proprio voto.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]