Elezioni a Lentini, Saggio candidato sindaco «Sono l’unica vera proposta di discontinuità»

L’avvocato penalista 40enne Dario Saggio si presenta per la poltrona di primo cittadino a Lentini sostenuto da tre liste civiche, pur essendo di chiara estrazione politico-culturale di centrodestra. Il fratello dell’ex consigliere provinciale Francesco Saggio si propone come alternativa, alla maggioranza e all’opposizione, della vecchia amministrazione. Con la sua candidatura ha rotto gli equilibri del centrodestra che ora si presenta diviso fra lui e Stefano Battiato.

Perché ha scelto di candidarsi a sindaco?
«
Credo che questa città abbia bisogno di un profondo rinnovamento perché la vecchia classe dirigente che ha amministrato, sia come maggioranza che come opposizione, non è riuscita a dare un segnale serio di cambiamento».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?
«
Nei miei primi cento giorni farei alcune cose fondamentali: il riordino della macchina amministrativo-burocratica, l’azzeramento assoluto dello stipendio del sindaco e della giunta, la costituzione di un tavolo permanente con tutte le associazioni del territorio. Inoltre, credo sia irrinunciabile il miglioramento del settore turistico perché è da lì che può nascere una nuova economia per la città».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«
Non mi ispiro a nessuno. Io non mi sento un politico e ritengo che, in questo momento, la città non abbia bisogno di figure politiche ma di persone preparate che mettano a disposizione le proprie competenze. La politica la lascio agli altri».

In caso non riuscisse ad andare a ballottaggio, con chi si alleerebbe eventualmente nel secondo turno?
«
Dialogherò con chiunque rientri nei criteri che ho stabilito fin dall’inizio: volontà di rinnovamento e discontinuità con la precedente amministrazione. Potrei allearmi solo con chi, come me, non si piega alle logiche della poltrona e vuole un forte distacco dalle vecchie logiche partitiche».

Elenchi le prime tre cose che farebbe appena eletto primo cittadino.
«
La prima cosa che voglio fare è tagliare gli stipendi di sindaco e giunta, poi riqualificare le periferie dimenticate e ghettizzate e presentare un progetto sano di rilancio del centro storico».

Qual è l’avversario che teme di più?
«
Temo soltanto l’indifferenza dei cittadini alla politica. Gli altri candidati non li reputo avversari politici e, quindi, non li temo. Quello che voglio sconfiggere è la diffidenza delle persone».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«
L’amministrazione Mangiameli è partita con l’idea di essere vicina alla gente ma non ci è mai riuscita».

Lei è il fratello di un ex consigliere provinciale. È un ostacolo o un vantaggio per la sua candidatura?
«
Non è né un vantaggio né un ostacolo. Dal 2008 al 2013, mio fratello Francesco ha fatto il consigliere provinciale, adesso appoggia la mia candidatura che, però, è lontana e indipendente dalla sua figura politica».

Lei si presenta con liste civiche, rinnega la sua estrazione politico-culturale di centrodestra?
«
Non rinnego l’estrazione di centrodestra anche perché è l’area che rappresento. In questo momento, però credo che non servano sterili battaglie per accaparrarsi un ruolo all’interno di un’area e, quindi, non voglio entrare in una diatriba per decidere chi è il leader di un’area di appartenenza».

La sua candidatura ha rotto gli equilibri del centrodestra che si presenta diviso fra lei e Stefano Battiato. Pensa che abbiate messo in difficoltà gli elettori che, quel giorno, dovranno scegliere con chi schierarsi?
«
Io credo che abbiamo dato un vantaggio agli elettori con l’opportunità di valutare, anche all’interno di una spaccatura, persone diverse. La mia figura è assolutamente lontana da quella di Battiato che è un ex consigliere comunale uscente di una opposizione in cui è rimasto per cinque anni, senza essere legato da un mandato vincolante, anche nel momento in cui si è reso conto che la sua posizione stava diventando sterile. Non essendosi dimesso, anche lui ha delle responsabilità per quello che è accaduto a Lentini. Infatti, la spaccatura nasce a partire dalla visione di una modalità di amministrazione della città: mentre noi portiamo avanti una candidatura nell’ottica della discontinuità, Battiato fra le sue liste ha anche Popolare per Lentini di Enzo Reale che faceva parte dell’amministrazione uscente. Per di più una coalizione che si accorda con l’onorevole Vincenzo Vinciullo, che appartiene all’Ncd, tutto è tranne che una coalizione di centrodestra». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Viene dal centrodestra, ma di politica non vuole sentir parlare. «La città non ha bisogno di figure politiche ma di persone preparate che mettano a disposizione le proprie competenze». Sul rivale Battiato dice: «Una coalizione che si accorda con Vinciullo, che appartiene all’Ncd, tutto è tranne che di centrodestra»

Viene dal centrodestra, ma di politica non vuole sentir parlare. «La città non ha bisogno di figure politiche ma di persone preparate che mettano a disposizione le proprie competenze». Sul rivale Battiato dice: «Una coalizione che si accorda con Vinciullo, che appartiene all’Ncd, tutto è tranne che di centrodestra»

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]