Dpef Sicilia: i sogni e i tagli dell’assessore Baccei Il grande affare dell’assistenza tecnica sui fondi europei

La parte più interessante del Documento di programmazione economica e finanziaria (Dpef) – che in questi giorni dovrebbe essere esaminato e approvato dal parlamento dell’Isola – è la nota introduttiva firmata dall’assessore all’Economia, Alessandro Baccei. C’è un’analisi sulla crisi economica e finanziaria della Regione. E c’è la strategia che l’assessore vorrebbe attuare a partire da quest’anno. Baccei dice che le entrate tributarie della Sicilia diminuiscono. E fa notare che «la spesa produttiva arretra anno dopo anno». Quindi un passaggio sibillino, là dove constata che «il mantenimento del livello dei salari pubblici non produce effetti significativi sui consumi, che troppo risentono del clima generale di sfiducia». Forse i dipendenti pubblici della Sicilia risentono dell’aumento delle tasse e delle imposte locali, oltre che del «clima di sfiducia». Aumento di tasse e imposte locali provocato dal governo nazionale di Matteo Renzi, che ha tagliato ingenti risorse agli enti locali costringendoli a tassare i cittadini. In ogni caso – tanto per citare un esempio – l’assessore forse non sa che i medici pubblici della Sicilia hanno le retribuzioni bloccate da qualche anno.

Per l’anno in corso Baccei individua un «vistoso squilibrio» che quantifica in un miliardo e 795 milioni di euro (anche se il buco di cassa, in realtà, sfiora i cinque miliardi di euro). Anche se, qualche rigo dopo, ammette la presenza di un «deficit molto più ampio». Baccei segnala alcuni punti di sofferenza: la mancanza di risorse da trasferire ad enti regionali; l’accantonamento di un miliardo e 112 milioni di euro (soldi che lo Stato ha trattenuto dalle entrate regionali); i soldi da trovare per abbattere i residui attivi (cioè per eliminare le entrate fittizie dal Bilancio), come richiesto dalla Corte dei Conti, «finanziate solo in parte»; e la mancanza di copertura finanziaria per forestali, consorzi di bonifica, Esa e «comunità alloggio». Quest’ultimo passaggio è poco chiaro. A quali «comunità alloggio» fa riferimento l’assessore? Non certo – supponiamo – ai 350 centri siciliani che ospitano i minori migranti non accompagnati. Questi, è noto, li deve pagare lo Stato e non la Regione.

La riqualificazione della spesa prevede iniziative che l’assessore ha già presentato alla stampa ancor prima di averne parlato ai deputati dell’Ars: riforma della macchina burocratica regionale e degli enti, con la «rideterminazione delle posizioni apicali» (dovrebbe trattarsi della riduzione dei dirigenti regionali) e la «ridefinizione del sistema degli incentivi»; «revisione e razionalizzazione degli spazi occupati dagli stessi» (si riferisce ai dipendenti regionali o agli enti regionali?); poi «revisione del numero e delle mission degli enti e delle società strategiche»; «riqualificazione della spesa per precariato e forestali, oggi intesa di fatto come spesa sociale»; «centralizzazione degli acquisti».

In questo passaggio della relazione l’assessore lancia una sfida che dovrebbe scatenare una bagarre a Sala d’Ercole e, soprattutto, fuori dal parlamento siciliano. La riduzione dei dirigenti regionali non si annuncia facile (i sindacati autonomi sono già sul piede di guerra); ci saranno polemiche anche sulla riduzione delle società regionali; mentre rimangono fumosi i progetti per ridurre il numero dei forestali (chi dovrebbe pagare i prepensionamenti? E che significa fare lavorare questo personale in altri settori dell’amministrazione?). Per non parlare dei precari, molti dei quali – è il caso del precariato dei Comuni – lavorano 20-25 anni. Che significa «riqualificare» questo personale? Gli unici modi per effettuare risparmi in questo settore è la riduzione degli stipendi (già bassi), il trasferimento di tali soggetti alle imprese private che dovrebbero assumerli e pagarli (e dove sarebbero queste imprese in Sicilia?). O, molto più semplicemente, il loro licenziamento. Ma questo nessuno ha il coraggio di dirlo. Anche se l’assessore dimentica di scrivere che la Regione, nel 2014, non ha versato ai Comuni, per intero, il Fondo per il riequilibrio del precariato: avrebbe dovuto erogare 270 milioni di euro circa, ne ha erogati 80 circa. Così, per pagare questi precari molti Comuni si sono indebitati con le banche.

Nella parte della relazione firmata da Baccei c’è un lungo panegirico sui fondi europei. Dopo i soliti avvertimenti sui quali non si può che essere d’accordo («le speranze di rilanciare l’economia dell’Isola sono quasi completamente affidate al corretto utilizzo di questi fondi»), si arriva al passaggio cruciale, là dove l’assessore scrive che la regione si dovrà dotare di «un’organizzazione in grado di velocizzare la certificazione della spesa, in modo da rispettare gli obiettivi e di minimizzare la tensione finanziaria». Forse si riferisce all’assistenza tecnica da affidare a soggetti esterni alla Sicilia, modello formazione professionale?


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

In questi giorni l’Ars dovrà esaminare e approvare il Documento di programmazione economica e finanziaria. Tra la diminuzione delle entrate, il silenzio sull'aumento di tasse e imposte locali e le ambiguità sulle comunità alloggio che dovrebbero essere pagate dallo Stato. Ecco la prima parte di un'analisi di questo importante testo

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]