Ditte del gruppo Ciancio devono due milioni al Comune Notarbartolo: «Precise omissioni dell’ufficio Pubblicità»

Almeno due milioni di euro. È quanto devono al Comune di Catania quattro aziende collegate al gruppo dell’imprenditore ed editore del quotidiano La Sicilia Mario Ciancio Sanfilippo. Società che operano nel settore della cartellonistica pubblicitaria e che almeno dal 2013 pagano meno del dovuto o non pagano affatto l’imposta comunale. Senza che gli uffici preposti al controllo abbiano sollecitato i pagamenti e, sopratutto, senza che abbiano applicato la legge, revocando le autorizzazioni dopo la seconda rata non pagata. Il buco emerge all’interno di «un quadro grave e preoccupante, da cui si evincono precise omissioni da parte degli uffici – scrive il consigliere Niccolò Notarbartolo (Pd) in una interpellanza alla presidente del Consiglio comunale Francesca Raciti e al sindaco Enzo Bianco – Delle 27 società operanti nel settore, meno della metà versano gli importi dovuti. E solo nove aziende dichiarano correttamente gli impianti detenuti e versano le cifre corrette». Nel documento, il consigliere ricostruisce il quadro degli ultimi cinque anni senza fare esplicito riferimento ai nomi delle aziende insolventi. Ma da un controllo dei documenti emerge che la gran parte delle cifre assenti nelle casse comunali è dovuta ai mancati pagamenti da parte del gruppo Ciancio.

A dovere al Comune di Catania un totale di almeno due milioni di euro sono, in ordine di insolvenza, Simeto docksKronos pubblicitàSicilia affissioni Sige. Tutte, nel 2013 e nel 2014  – e anche nel 2012 per la sola Sige – hanno pagato meno di quanto dichiarato, senza mai saldare la differenza. A cui intanto si sono andati aggiungendo sanzioni e interessi. Negli ultimi due anni, invece, le quattro ditte non hanno mai pagato alcuna rata. In particolare, dall’analisi dei documenti del 2016, emerge come le dichiarazioni di partenza delle ditte fossero tutte al ribasso: le società cioè dichiaravano importi inferiori a quelli che in realtà avrebbero dovuto pagare moltiplicando la tariffa comunale per il numero e il tipo di impianti da loro utilizzati. Dichiarazioni infedeli che, secondo Notarbartolo, farebbero lievitare le penali – al momento applicate al 30 per cento – fino al cento per cento della somma dovuta. Un caso che riguarderebbe anche altre aziende, il cui numero di stalli e debiti è però decisamente inferiore alle quattro aziende legate a Ciancio. Non tutte di sua proprietà.

Tre di queste hanno sede in viale Odorico da Pordenone 50, stesso indirizzo del quotidiano La Sicilia e della Domenico Sanfilippo editore. Nello specifico, Sige spa (Società industriale grafica editoriale) – più nota in quanto proprietaria delle emittenti Antenna Sicilia e Teletna – è amministrata da Angela Ciancio. Il 13 per cento delle quote dell’azienda è del padre Mario, mentre il restante 87 per cento è della Etis 2000, società sempre del gruppo Ciancio che si occupa di stampare e distribuire il quotidiano La Sicilia e vari altri giornali nazionali sull’Isola. C’è poi Simeto docks srl, divisione pubblicitaria di Etis 2000, posseduta al 60,4 per cento da Angela Ciancio e al 39,6 da Mario Ciancio. La ditta è oggi in liquidazione e a occuparsene è Giuseppe Ursino, ingegnere e storico braccio destro di Ciancio. Scorrendo la lista, segue la Sicilia affissioni srl, società controllata al cento per cento da Simeto docks. Azienda diversa è la Kronos pubblicità, di proprietà di Eugenio Schilirò, con sede a Bronte, ma fino al 2016 legata alla Simeto Docks da un accordo commerciale. In base a quanto stabilito tra le due ditte, doveva essere l’azienda di Angela Ciancio a pagare le imposte comunali e adesso è invece la proprietà brontese a muoversi per regolarizzare la propria situazione con gli uffici comunali.

Uffici che, intanto, avrebbero potuto agire per recuperare le somme o sanzionare gli inadempienti, come spiega il consigliere Notarbartolo. «Non hanno formulato alcuna specifica contestazione, nonostante l’articolo 27 del regolamento all’epoca vigente prevedesse espressamente la decadenza dall’autorizzazione nel caso di mancato versamento dell’imposta». Gli unici avvisi mandati all’indirizzo delle ditte insolventi sarebbero stati inviati a settembre e novembre 2016 per di più con «contestazioni generiche e non puntuali» che potrebbero invalidarne l’effetto. E intanto Notarbartolo conta i danni. «A dispetto di un numero di impianti sostanzialmente inalterato, a causa della cattiva amministrazione del settore, gli incassi per l’imposta sulla pubblicità hanno avuto una grave contrazione – scrive nell’interpellanza – passando dagli oltre due milioni 690 mila euro del 2013 al milione e 900 mila euro del 2015. Si rileva infine che, nel 2016, in base alla documentazione da me analizzata, si ha contezza di incassi a titolo di imposta sulla pubblicità inferiori al milione di euro». Un problema non solo per le stesse casse comunali, ma anche per le altre società del settore che pagano puntualmente e in modo completo. «Il Comune pare si sia comportato come un player del mercato – conclude Notarbartolo – agevolando alcuni (pochi) e danneggiando gravemente altri, violando palesemente il principio di imparzialità che dovrebbe guidare la pubblica amministrazione».

Aggiornamento ore 13.20

Dopo la pubblicazione dell’articolo, Eugenio Schilirò, titolare di Kronos pubblicità, ha contattato la redazione per chiarire la situazione della sua azienda. «In base agli accordi presi per gli impianti nel territorio di Catania, i pagamenti avrebbero dovuto essere a carico di Simeto Docks. Ma, considerato il mancato versamento dell’imposta e il fatto che comunque l’inadempienza risulta a nome nostro, abbiamo deciso di riprendere noi in mano le cose. Abbiamo già pagato al Comune di Catania i primi 50mila euro per il 2016 e attendiamo che l’ufficio Affissioni, a cui abbiamo chiesto un incontro circa dieci giorni fa, ci riceva per stabilire la rateizzazione del resto del pagamento».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il settore della cartellonistica, di per sé complesso, registra nelle casse comunali un calo di introiti dalle imposte, a fronte dello stesso numero di stalli. A tracciare il quadro è il consigliere Pd Niccolò Notarbartolo che parla di sole nove aziende in regola. Ma le più insolventi sono quattro ditte collegate all'imprenditore etneo

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]