Disturbi alimentari e stop ai fondi del governo. «In Sicilia fatto rete con quei soldi. Si rischia di vanificare il lavoro»

Un mancato rifinanziamento che rischia di avere pesanti ripercussioni per migliaia di giovani. È quello che cela il colpo di forbice, inserito nell’ultima legge di bilancio, con cui il governo Meloni ha deciso di stoppare il fondo, su scala nazionale, da 25 milioni di euro per il contrasto ai disturbi alimentari. Anoressia e bulimia, tra le tipologie più diffuse, che per l’organizzazione mondiale della Sanità rappresentano la seconda causa di morte, in età giovanile, dopo gli incidenti stradali. Una situazione particolarmente critica anche perché da fronteggiare ci sono malattie che necessitano di un approccio multidisciplinare in cui si mischiano le competenze di svariate figure: dagli psicologi agli psichiatri, fino ai dietisti. Progetti, una rete di professionisti a livello territoriale e ambulatori che adesso rischiano di rimanere senza copertura finanziaria con ripercussioni devastanti, specie nel Meridione.

Le strutture sparse in Italia sono 126 e si concentrano principalmente al Nord, di cui 20 in Emilia Romagna, mentre in Sicilia sono solo sette. «Poche rispetto al reale bisogno», spiega a MeridioNews la psichiatra Rossana Mangiapane, responsabile fino a maggio dello scorso anno del centro per i disturbi della Nutrizione e dell’alimentazione Cerchio d’oro di Messina. Mangiapane è anche una delle referenti dell’associazione Animenta, fondata da Aurora Caporossi. «Non sappiamo i motivi del mancato rinnovo del fondo – spiega a MeridioNews la presidente Caporossi – La realtà dei fatti ci dice che queste malattie si manifestano sempre più precocemente e non sono utili delle toppe o delle misure temporanee ma servirebbe un budget vincolato e permanente. Tuttavia, grazie a questo fondo, molte strutture avevano aumentato i pazienti in cura e il numero di professionisti. Adesso rischiamo di tornare indietro di due anni».

Il fondo, istituito con il governo di Mario Draghi, prevedeva un finanziamento di 15 milioni di euro per il 2022 e di 10 milioni di euro per il 2023. Soldi, come sottolineato dalla presidente e fondatrice di Animenta, che non facevano parte di un budget strutturale ma temporaneo e che avevano rappresentato una boccata d’ossigeno, anche considerato il continuo aumento dei casi. «La Sicilia è in linea con il resto d’Italia – precisa Mangiapane – Ma i numeri fanno riferimento ai casi diagnosticati, trattati o assistiti. Sono quindi molto ingannevoli perché c’è un sommerso che non ha mai avuto un accesso a un centro o non è mai stato riconosciuto come Dna».

Con il mancato rifinanziamento del fondo, le ripercussioni più pesanti saranno per quei territori, come la Sicilia, in cui la rete di strutture per fronteggiare i Dna è più carente. «Per molti anni si è lavorato in maniera isolata, affiancando alle proprie competenze la passione per il lavoro – racconta Mangiapane – Con l’istituzione di questo fondo nazionale si è creata una rete, grazie a un tavolo tecnico regionale, che ha permesso di ottenere una mappa precisa per ciascun territorio. In questo modo si è potuto progettare e potenziare. Per esempio reclutando e formando gli operatori, avviandoli così verso un lavoro molto difficile, perché il contrasto dei Dna richiede l’integrazione di diverse professionalità». Nell’Isola ci sono due centri diurni, a Messina e ad Acireale (nel Catanese), ma nessun centro di riabilitazione residenziale. «Utili per le riabilitazioni più lunghe e intensive – precisa Mangiapane – In Sicilia, essendo il territorio carente, lo step è quello di indirizzare i pazienti verso le strutture riabilitative del Nord». Un rischio, quello dei viaggi della speranza, che rischia di allargarsi ancora di più con il mancato rifinanziamento del fondo. «Tutti noi operatori ci immaginavamo – conclude Mangiapane – che una piccola quota del bilancio potesse essere destinata a rifinanziare il progetto per quel poco che è stato fatto. Chiudere significa tradire le aspettative e lasciare le persone da sole».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]