Dissesto idrogeologico, Schifani esulta per i tre appalti in gara. L’esperto: «Bene, ma sono una goccia nel mare»

Il titolo della nota inviata dalla Regione siciliana aveva toni forse un po’ troppo trionfalistici: «Dissesto idrogeologico. Sicilia prima in Italia per gare nel nuovo anno». Un risultato enorme, a prima vista. Ma se poi ci si ferma a pensare che il comunicato di palazzo d’Orleans è datato 12 gennaio, ecco che tutto si ridimensiona. Per fortuna il contenuto della nota spiega bene l’accaduto dalla diretta voce di Renato Schifani: «Mentre in tutta Italia le nuove disposizioni introdotte a partire dal primo gennaio dal nuovo codice dei contratti pubblici stanno pressoché paralizzando l’attività delle grandi stazioni appaltanti, la Regione Siciliana, con la Struttura per il contrasto al dissesto idrogeologico, prosegue senza rallentamenti e, in questi primi dodici giorni dell’anno, ha già pubblicato tre bandi attraverso la propria piattaforma telematica, attenendosi scrupolosamente ai parametri introdotti in tema di digitalizzazione».

Un risultato, questo sì importante, che vede ai nastri di partenza interventi per più di 16 milioni e mezzo destinati al recupero dell’ex istituto Roosevelt a Palermo, sede dell’Arpa, al consolidamento del centro abitato nel comune di Rometta e la messa in sicurezza di contrada Fornace a Limina, entrambi nel Messinese. Nota di merito che ci sta, dunque, per il team guidato dall’ex assessore regionale Maurizio Croce. Ma quanto dovranno lavorare ancora gli uffici di piazza Ignazio Florio per mettere in sicurezza un territorio di per se fragilissimo?

«In un territorio fragile gli interventi sono necessari per mitigare il rischio – spiega a MeridioNews Filippo Cappotto, componente dell’ordine nazionale dei geologi – Ma non sarà sufficiente, intervenire su tutti i fronti è tecnicamente impossibile. Ben vengano tutti gli interventi ma sono poco più che una goccia nel mare. Bisogna mettere in atto altre politiche di adattamento, ci saranno sempre problemi del genere vista la natura del territorio siciliano, ma lo stesso vale per il territorio nazionale. Bisogna fare comunicazione, far sì che la gente conosca il proprio territorio e i rischi che potrebbe correre».

Altra tematica riguardo gli interventi della Regione è quella delle tempistiche. Si è più volte assistito negli anni a soluzioni annunciate e mai arrivate o arrivate dopo anni come nel caso della frana che sull’autostrada A18 ha coinvolto la galleria di Letojanni, riaperta solo lo scorso agosto dopo otto anni dal crollo. «Il problema dello sviluppo temporale di un progetto in tutta Italia è annoso – continua Cappotto – probabilmente sono le fasi amministrative precedenti all’appalto che rallentano molto. In genere, lo abbiamo visto in Sicilia, i cantieri che sono partiti sono arrivati».

Un possibile ulteriore tampone all’emergenza è rappresentato dalla possibilità delle amministrazioni pubbliche di dotarsi di geologi in grado di monitorare il territorio comunale e cercare di prevedere e prevenire eventuali disastri. Un tema di cui si parla da anni, ma per cui poco ancora si è fatto. «Questo è un problema reale – conclude Cappotto – Non per difendere la categoria, ma perché il geologo è in grado di leggere il territorio in un modo diverso rispetto a tanti altri tecnici e può molto aiutare anche in termini di sicurezza per la popolazione. Noi consideriamo questo un aspetto imprescindibile, anche se dalla parte della politica non sembra si stia facendo molto. Ultimamente però sono stati assunti diversi professionisti, per lo più dalla Regione, grazia al reclutamento del Pnrr, ma è ancora una piccola cosa, non si tratta di una misura organica, ma di un provvedimento una tantum legato ai fondi del Pnrr».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]