Dimissioni consiglieri della Lega, «chi non lo fa è complice» Il M5s non aderisce: «Propaganda, siamo per atti concreti»

«È ovvio che se si raggiungesse il numero necessario per sciogliere il Consiglio, noi saremmo pronti a farlo. Ma per legge servono le dimissioni di almeno 21 consiglieri comunali. Questa iniziativa, quindi, assolutamente legittima e che rientra nelle attività di opposizione, è però del tutto priva di efficacia e di effetto. È solo propagandistica». Non usa giri di parole il consigliere del M5s Ugo Forello che boccia senza appello l’iniziativa lanciata sabato scorso dal leader dei Coraggiosi, Fabrizio Ferrandelli, insieme a Cesare Mattaliano. L’invito, rivolto ai colleghi dell’opposizione in netto dissenso con l’operato del sindaco, è a rassegnare le dimissioni irrevocabili «per mandare a casa questa maggioranza a Sala della Lapidi». Passo condiviso dai due consiglieri della Lega, Igor Gelarda ed Elio Ficarra, che annunciano di essere pronti e di voler depositare oggi stesso le loro dimissioni davanti al notaio.

«Questa iniziativa – affermano Gelarda e Ficarra – ci aiuterà a capire chi è vera opposizione in consiglio comunale e chi invece prende in giro gli elettori. Lo abbiamo sempre detto, e oggi lo dimostriamo con i fatti: non siamo attaccati ad alcuna poltrona. Invitiamo tutti i consiglieri comunali di buona volontà, e specialmente quelli dell’opposizione, a fare altrettanto, e mandare a casa l’infelice sindaco Orlando. Perché rimanere al proprio posto nella situazione attuale – aggiungono – significa essere complici del sindaco e della sua maldestra gestione della città». Un’operazione, però, che non convince fino in fondo i consiglieri grillini, che non sembrano intenzionati ad aderire alla proposta del leader dell’opposizione, almeno per il momento. Le dimissioni, infatti, diventerebbero irrevocabili solo nel caso in cui si dovesse raggiungere il numero necessario.

«Aderire a cosa? Siamo disponibili a dimetterci, ma come lo eravamo 20 giorni fa. Non posso che ribadire che qualora si raggiungesse la disponibilità alle dimissioni di almeno 16 consiglieri comunali, noi cinque le rassegneremmo oggi stesso – spiega Forello – Ma, per avere efficacia, devono essere presentate in contemporanea. Loro non hanno presentato le dimissioni, ma hanno dichiarato di essere intenzionati a farlo qualora si arrivi al numero sufficiente per sciogliere il consiglio. Si impegnano a farlo: è solo una soluzione propagandistica».  Lo scioglimento dell’organo, infatti, si ha quando la maggioranza dei consiglieri rassegnano «coevamente le dimissioni presentandole al Comune». 

Per Forello, nemmeno l’atto formale firmato dal notaio può conferire maggior credibilità al gesto annunciato dai quattro consiglieri all’opposizione. «Anche annunciare di andare dal notaio non è sufficiente – ribadisce Forello – Io non posso impegnarmi a dimettermi. La dichiarazione dal notaio non ha alcun vincolo e, ad ogni modo, dovrà essere sempre sostituita da un atto di 21 persone. Noi siamo più per i fatti concreti: mettiamo in crisi questa amministrazione sul bilancio e il rendiconto, atti che certificano una crisi senza precedenti. Se si raggiungesse la maggioranza di adesioni per staccare la spina al sindaco, noi saremmo certamente disponibili. Ma perché ciò accada servono i consiglieri della maggioranza. A quel punto – conclude – potremmo mandare a casa Orlando».

Una possibilità, quella delle dimissioni dei consiglieri, che viene respinta anche da Sabrina Figuccia, consigliera comunale dell’Udc. «È arrivata l’ora di dire basta – afferma – di voltare pagina e di mettere fine all’ennesima sindacatura di Orlando, che sta rovinando la città, e occorre farlo con un’azione forte e reale. Ecco perché ho chiesto una riunione urgente di tutti i consiglieri della minoranza a Sala delle Lapidi per dimetterci tutti in massa e mandare finalmente a casa il sindaco». Per Figuccia, dunque, la deposizione delle dimissioni in massa è un’azione soltanto di facciata. «Non mi convincono gesti eclatanti  – insiste la consigliera – che non hanno però una reale efficacia e mi dispiace constatare che debba essere una consigliera ultima arrivata, come la sottoscritta, a prendere quest’iniziativa, che altri avrebbero invece dovuto avere il coraggio di prendere, come, ad esempio, chi da oltre un decennio siede in consiglio comunale e che si pavoneggia come capo dell’opposizione, ma in realtà è ben comodo sul proprio strapuntino, dopo aver votato l’elezione del presidente Orlando. Trovo poco utile presentare una dichiarazione di intenti di dimissioni, che da sola non produce alcun effetto. Mi auguro invece che i consiglieri di minoranza finalmente compiano quell’atto di coraggio che tutti i palermitani si aspettano. Dopo la riunione di oggi vedremo chi davvero vuole mandare a casa Orlando».

Mentre dalla maggioranza, che sarebbe decisiva per la riuscita dell’operazione, arriva la stigmatizzazione. «L’annuncio delle dimissioni  – dice Paolo Caracausi, di Italia dei Valori – sembra essere quasi diventato uno sport per le opposizioni: tutti le annunciano, ma nessuno le dà realmente. I Coraggiosi e la Lega dicono di aver depositato dal notaio le dimissioni dal consiglio comunale di Palermo, ma sanno perfettamente che non hanno alcun valore. Se veramente vogliono essere credibili le presentino al Comune, le facciano protocollare e si proceda alla surroga con i primi dei non eletti. La città ha bisogno di rappresentanti istituzionali che abbiano a cuore i bisogni dei palermitani e in questo momento è necessaria la collaborazione di tutti». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]