Blitz Gioiello a Catania, dopo i colpi refurtiva venduta in una gioielleria lungo viale Mario Rapisardi

Una vera e propria banda, specializzata nei furti in abitazione, che si muoveva nei territori di Catania, Gravina di Catania, San Giovanni la Punta, Sant’Agata Li Battiati e Tremestieri Etneo. A capo del gruppo ci sarebbe stato il 37enne Carmelo Passalacqua. Sono solo alcuni dei dettagli dell’operazione Gioiello, portata a termine dai carabinieri su delega della procura di Catania. Nove persone sono accusate di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro il patrimonio. Gli inquirenti sono riusciti a ricostruire non solo le modalità dei furti ma anche come veniva collocata la refurtiva, che consisteva quasi sempre in gioielli e monili in oro. Un ruolo chiave, in questo senso, sarebbe stato quello di due fratelli: Vincenzo e Grazia Salamone, titolari di una gioielleria lungo viale Mario Rapisardi, a Catania.

Grazie alla testimonianza di una cittadina e alla visione dei filmati delle telecamere di sorveglianza i militari hanno ricostruito due colpi avvenuti a San Giovanni La Punta. Il primo, risalente al 5 giugno 2021, avrebbe visto la partecipazione, come palo, di David Cristian Spaticchia. Con lui sarebbe entrato in azione, arrampicandosi su una grondaia, il capo banda Carmelo Passalacqua. Il secondo colpo 14 giorni dopo, il 19 giugno 2021. Anche in questo caso Spaticchia e Passalacqua sono accusati di essere stati gli autori. Il 30 giugno dello stesso anno la banda sarebbe riuscita a portare a termine due furti in pochi minuti ma i carabinieri sono riusciti a risalire alla macchina utilizzata: una Opel Corsa nera presa a noleggio da Emanuele Zappalà. Grazie alla ricostruzione del percorso fatto con il mezzo gli inquirenti sono arrivati alla gioielleria. All’interno dell’attività commerciali i Salamone avrebbero provveduto a ripulire i monili da pietre e da possibili altri inserti non di loro interesse, per rendere più difficoltoso un possibile riconoscimento da parte delle vittime, per poi procedere, dopo la pesa al netto, al pagamento in contanti in favore degli autori dei furti.

Alla banda vengono contestati 12 colpi per un bottino complessivo di circa 120mila euro. La banda però non si sarebbe occupata solo di preziosi. Durante le scorribande sarebbero stati portati via anche computer, borse griffate, zaini e televisori. Il 20 dicembre 2021 i militari, sempre a San Giovanni La Punta, sono riusciti ad arrestare in flagranza di reato quattro persone recuperando una refurtiva per un valore di circa 15mila euro oltre a 4600 euro in contanti. Si trovano attualmente in carcere Carmelo Passalacqua, Pasquale Scuderi, David Cristian Spaticchia, Massimo Luigi Sturniolo ed Emanuele Zappalà. Per il gioielliere Vincenzo Salamone il giudice per le indagini preliminari ha disposto gli arresti domiciliari, mentre per la sorella Grazia, 79 anni, l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Obbligo di dimora e di permanenza in casa durante la notte per Paolo Di Guardo e Claudio Tosto.


Dalla stessa categoria

I più letti

Una vera e propria banda, specializzata nei furti in abitazione, che si muoveva nei territori di Catania, Gravina di Catania, San Giovanni la Punta, Sant’Agata Li Battiati e Tremestieri Etneo. A capo del gruppo ci sarebbe stato il 37enne Carmelo Passalacqua. Sono solo alcuni dei dettagli dell’operazione Gioiello, portata a termine dai carabinieri su delega […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]