Ars, Dario Daidone torna in Aula e si riprende la presidenza della commissione Bilancio

Era già successo nel caso di Davide Vasta. Il deputato decaduto dalla carica dopo il ricorso del compagno sotto la bandiera di Cateno De Luca, Salvatore Giuffrida, e poi rientrato in via temporanea dopo avere fatto ricorso alla sentenza emessa dal tribunale di Palermo. Così anche Dario Daidone, costretto a lasciare l’Ars per le stesse motivazioni di Vasta, non solo è tornato al suo posto tra gli scranni destinati a Fratelli d’Italia, ma è anche stato rieletto presidente della commissione Bilancio.

Così come Giuffrida, anche per Daidone il delatore è stato un compagno di partito, Carmelo Nicotra. Nicotra che non potrà subentrare subito all’avversario, che pure aveva raccolto oltre il doppio dei suoi voti, perché il deputato vicino all’ex sindaco di Catania Salvo Pogliese ha presentato debito ricorso, sospendendo ogni sentenza.

A essere contestati a Daidone i suoi rapporti professionali, soprattutto il suo rapporto lavorativo presso l’Irfis, azienda partecipata dalla Regione, dalla quale il presidente della commissione Bilancio non si sarebbe messo per tempo in aspettativa, risultando così ineleggibile, nonostante lo stesso Daidone abbia già imputato la colpa di questo ritardo a ragioni di protocollo. Dunque, di responsabilità degli uffici.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo