Crollo viadotto, M5S finanzia la strada scorciatoia «Pronta in un mese, tempi accorciati di 40 minuti»

Una strada-scorciatoia per avvicinare la Sicilia occidentale e quella orientale dopo il crollo del viadotto. Il Movimento Cinque Stelle raccoglie l’appello del Comune di Caltavuturo e finanzia la realizzazione della strada a ridosso del piccolo centro delle Madonie. Una volta completata, consentirà di ridurre i disagi per chi è costretto oggi a fare la spola tra le due zone dell’Isola, consentendo un risparmio, in termini di tempo di percorrenza, di 40 minuti. A completarla ci vorrà un mese, hanno assicurato i pentastellati durante una conferenza stampa all’Assemblea regionale siciliana, e i lavori cominceranno tra una decina di giorni. Per finanziarla hanno messo a disposizione 300mila euro, i soldi a cui rinunciano mensilmente i deputati grillini di Palazzo dei Normanni.

Da metà luglio, così, chi sarà diretto a Catania da Palermo potrà uscire a Scillato e, attraverso la nuova strada, potrà rientrare a Tremonzeli. Uscita a Tremonzelli e rientro a Scillato, invece, per chi viaggerà nella direzione opposta. Il percorso ad ostacoli che costringe al momento gli automobilisti ad arrampicarsi sulle montagne per bypassare il tratto di autostrada interdetto dopo il crollo del pilone del ponte Himera sarà solo un ricordo. Parola dei pentastellati.

Il progetto risponde all’appello lanciato nei giorni scorsi a mezzo stampa del comitato civico di Caltavuturo, che cercava finanziatori per far diventare una regia trazzera del 1800 una vera e propria strada. Una via sterrata, che due ditte locali hanno riportato in vita a proprie spese nei giorni post crollo. La strada-scorciatoia, per cui ci sono già autorizzazioni e progetto, è lunga circa un chilometro e larga cinque metri. Sarà realizzata in calcestruzzo con canali di gronda e guardrail, due impianti semaforici e una cartellonistica indicherà agli automobilisti il percorso da fare per bypassare l’interruzione sull’A19. Il protocollo d’intesa tra il Comune, il Movimento Cinque Stelle, il comitato cittadino e le ditte è già stato siglato e i fondi dei pentastellati saranno consegnati proprio al comitato. 

«A due mesi dal crollo del pilone, come possiamo costatare, non c’è traccia delle ruspe – spiega Salvatore Siragusa -. Una situazione che si può vivere solo nella foresta amazzonica con tempi di percorrenza di oltre 60 minuti». Il pentastellato punta il dito contro «l’estrema confusione tra Regione e Stato, assessorati e Genio civile», che blocca tutto. Con «sottosegretari alla Pubblica istruzione che dettano calendari e tempi non si sa a che titolo» e con il governo regionale «incapace» e quello nazionale che «ha altro a cui pensare». E poi il governatore Crocetta che «lancia lo spot elettorale della Siracusa-Gela». 

«L’iniziativa che oggi presentiamo – aggiunge Giorgio Ciaccio – è la risposta a chi ci accusa solo di fare polemica. Dimostriamo per l’ennesima volta che affrontiamo problemi e cerchiamo soluzioni. Oltre alle idee abbiamo la libertà di metterle in pratica, perché non dobbiamo rendere conto a nessun padrone se non ai cittadini». Da Sergio Tancredi arriva, invece, un appello agli altri 90 inquilini di Sala d’Ercole. «Pensiamo che sia corretto dare loro la possibilità di contribuire personalmente: su un conto che abbiamo aperto potranno versare un contributo». Ma l’impegno dei pentastellati non si ferma qui. Per uscire dall’incubo dell’autostrada monca, la prossima settimana arriverà all’Ars un’altra proposta sulla bretella, che oggi i deputati nazionali presenteranno al ministro Delrio. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]