Crocetta e Baccei vogliono il mutuo da 2 miliardi subito La Regione si dovrebbe indebitare prima del Bilancio

Ci sono i soldi per i solo primi quattro mesi del 2015. Il buco della Regione non è stato provocato dalla sanità. Ci vuole subito il muto da 2 miliardi di euro. E ci saranno adeguamenti e armonizzazioni della Sicilia con il resto del Paese.  

Questa, in estrema sintesi, il senso della conferenza stampa tenuta stamattina a Palermo, nella sala stampa dell’Assemblea regionale siciliana, dall’assessore regionale all’Economia, Alessandro Baccei. 

Nulla di nuovo sotto il sole. L’assessore ha utilizzato toni garbati, ma si è guardato bene dall’illustrare i particolari di una manovra economica e finanziaria ancora tutta da delineare. Di fatto, il Governo regionale – per la prima volta nella storia dell’Autonomia siciliana – ha presentato un Bilancio di previsione per i primi 4 mesi. Rimandando il finanziamento degli altri otto mesi di vita della Regione a una stagione di improbabili quanto fumose riforme.

L’assessore non ha voluto quantificare il buco finanziario. Che, in realtà, già si conosce: oltre 5 miliardi di buco di cassa e 2 miliardi di buco di competenza. La novità è che, finalmente, un governante riconosce che di questi buchi non è responsabile la sanità siciliana, che è sana e che, anzi, quest’anno, dovrebbe incassare la premialità di circa 800 milioni di euro. 

Il nostro giornale questa cose le scrive da settimane. Come ha detto, una decina di giorni addietro, in un’intervista a Meridionews l’ex assessore regionale al Bilancio, Franco Piro, i buchi del Bilancio vanno ricercati in altre branche dell’Amministrazione. La sanità è stata tirata in ballo dallo stesso Governo – ma non dall’assessore Baccei – dicendo che si tratterebbe di soldi che la Regione non avrebbe corrisposto alle Aziende sanitarie provinciali e alle Aziende ospedaliere. Le quali, a propria volta, si sarebbero indebitate con le banche. 

Da qui la semplificazione di qualcuno che ha parlato, impropriamente, di buco della sanità siciliana. Che non c’è. 

Contraddittoria la posizione dell’assessore sul mutuo da 2 miliardi di euro. Baccei ha detto che si dovrebbe fare entro l’anno. Ma poi ha spiegato che per recuperare gli altri otto dodicesimi dei soldi per coprire le spese della Regione da maggio fino a dicembre del prossimo anno bisognerà attuare una serie di riforme. «Senza queste riforme – ha detto – Roma non cvi aiuterà». E ha aggiunto: «Se la politica siciliana non attuerà le riforme necessarie, da maggio in poi non si potranno più pagare gli stipendi».

Domanda: ma se per completare il Bilancio 2015 bisognerà attuare le riforme, che senso ha far contrarre alla regione un muto da 2 miliardi di euro prima che queste riforme vedano la luce? Forse non ci sono i soldi nemmeno per i prossimi quattro mesi? Insomma: se Roma garantirà un aiuto solo dopo aver incardinato le riforme, perché l’Ars dovrebbe anticipare al Governo Crocetta – perché di questo si tratta – 2 miliardi di mutuo? 

Altra domanda: in che cosa consisteranno queste riforme? Riguarderanno agricoltura (cioè i forestali), Territorio e Ambiente, Enti locali, Infrastrutture e attività produttive. Ci saranno tagli? «Ci saranno armonizzazioni», ha risposto Baccei. Che significa tagli, anche se addolciti con un’altra parola. 

Chiediamo che ci saranno tagli per i dirigenti regionali, per il precariato, per i forestali e per i pensionati della Regione. Ma la musica – cioè la risposta di Baccei – è sempre la stessa: «Armonizzazioni». 

A conti fatti, qualche notizia e molte parole. Come i fondi europei da spendere in maniera integrata e bla bla bla. Quidi la centrale per gli acquisti, naturalmente per risparmiare. Inutile chiedere notizie sul futuro delle società partecipate. L’assessore prima ammette che non conosce la situazione di tutte queste società. Poi aggiunge che si seguiranno le indicazioni della Corte dei Conti, si cercherà di tutelare i posti di lavoro e bla bla bla.

Che succederà? Giovanni Ciancimino, il decano dei cronisti parlamentari, ha ricordato che la manovra – compreso l’esercizio provvisorio – dovrà prima essere esaminata dalle Commissioni legislative di merito e poi dalla Commissione Bilancio e Finanze. Invece, come per magia, stamattina la manovra era già in Commissione Bilancio e Finanze, saltando le Commissioni di merito. Alla faccia del rispetto dei regolamenti parlamentari!

Le opposizioni, da parte loro, non dovrebbero avallare il muto da 2 miliardi di euro al buio: perché, di fatto, il Governo Crocetta torna a chiedere il muto da 2 miliardi senza che prima Sala d’Ercole abbia approvato Bilancio e Finanziaria. Il dubbio è che il Governo intenda acchiappare questi soldi, ben sapendo che a maggio la situazione possa precipitare. Perché come ha ammesso candidamente l’assessore Babbei oggi, senza le riforme non ci sono i soldi per pagare gli stipendi a partire dal primo Maggio del prossimo anno. 

Poiché le riforme, al di là delle chiacchiere, non sono altro che tagli – sui forestali, sui dipendenti regionali, sui precari, sui Comuni, sulle società partecipate e via continuando – e poiché nessuno, a Sala d’Ercole, si prenderà la responsabilità di mandare a casa migliaia di persone, tanto vale arraffare subito questi 2 miliardi per un bel fine legislatura…

Non solo. E’ probabile che il 30 dicembre le opposizioni chiedano, regolamento dell’Ars alla mano (quel regolamento che stamattina è stato violato), le 48 ore canoniche per presentare gli emendamenti al disegno di legge sull’esercizio provvisorio. 

Morale: con molta probabilità tutto verrà rinviato al prossimo anno.      

  


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]