Covid, i club di Promozione lanciano l’allarme «La metà dei nostri giovani si è allontanata»

Gli effetti della pandemia da Coronavirus non hanno risparmiato il mondo del calcio. A soffrire, in particolare, nell’impatto con il Covid-19 è stato il movimento dilettantistico, costretto a lunghi stop ed a vedere la fuga degli sponsor. Ma se la Serie D non si è fermata a lungo e l’Eccellenza è ripartita, seppur tra mille perplessità, da qualche settimana, i club appartenenti al livello precedente, la Promozione, hanno visto la propria stagione cominciare a settembre per interrompersi a fine ottobre, dopo appena sei giornate, con la promessa di una ripartenza mai avvenuta e poi definitivamente accantonata. Un limbo in cui le decine di società appartenenti alla categoria vivono tutt’ora:

«La Promozione è stata l’ultima ruota del carro. Abbiamo avuto zero considerazione – spiega Santo Di Mauro, co-presidente del FC Belpasso chiaramente il danno subito non è indifferente. Bloccandosi tutto si sono fermate anche le sponsorizzazioni, fondamentali per sostenerci. Probabilmente sarebbe stato opportuno non ripartire affatto e stare a vedere come andavano le cose, anche perché si parlava di protocolli anti covid dai costi non sostenibili da una società di Promozione”.

Orazio Ursino, patron del Club Calcio San Gregorio fa eco al collega: «Le condizioni per ripartire non c’erano. Credo sia stato meglio così. Sarebbe significato ricominciare e magari fermarsi sul più bello. Per noi era il primo anno in categoria e avevamo trovato dei partner disposti ad aiutarci. Ovviamente, dovendoci fermare, il loro supporto è venuto meno. Anche se noi le spese iniziali, come iscrizione e tesseramento di tutti gli atleti e altro, le abbiamo sostenute, anticipandole».

«Si è partiti senza avere le idee molto chiare su quello che avremmo affrontato» sintetizza Salvo Rasà, numero uno del Calcio Misterbianco, che poi evidenzia le conseguenze sulle rose delle squadre della categoria, determinate dalle pause di diversa lunghezza imposte ai primi tre campionati dilettantistici: «Dopo lo stop autunnale le società di Serie D hanno preso elementi dai club di Eccellenza, ancora fermi. e quelli di Eccellenza, una volta ripartiti, hanno pescato dalle squadre di Promozione, molte delle quali oggi si sarebbero ritrovate decimate».

Ma se per le squadre maggiori c’è solo da aver pazienza, le preoccupazioni sono riservate ai settori giovanili. Lo stop di oltre un anno imposto ai campionati dei più piccoli rischia di creare scollamento, disperdendo buona parte del bacino creato con fatica e pazienza dai club, che lanciano l’allarme: «Per i ragazzi sono stati due anni persi. E non sappiamo assolutamente nulla. Ad esempio: saranno bloccati gli scatti di età nelle varie categorie? Molti continuano ad allenarsi, ma senza la partita manca lo stimolo anche per loro. Abbiamo perso un buon 50 per cento dei nostri giovani», spiega il belpassese Di Mauro, al quale si associa il sangregoriese Orazio Ursino: «I giovani si sono molto allontanati. Sarà difficile ricucire i rapporti con tutte le categorie, dagli esordienti in su. Ma se non ripartiamo da loro sarà dura».

L’incertezza riguarda anche l’immediato futuro e la programmazione della prossima stagione, tra tempistiche e costi. Con i club che sperano di veder riconosciuta, anche per il campionato che verrà, la validità degli sforzi economici sostenuti per una stagione 2020/2021 vissuta per appena un mese e mezzo, come spiega Orazio Ursino: «Si era al punto che partecipare alla Promozione costava veramente tanto, soprattutto per chi voleva lottare per un campionato di vertice. Vedremo se la federazione manterrà le promesse anticipate in maniera informale, cioè di re-immetterci nei campionati senza ulteriori spese per i club, perché non possiamo pensare di andare a formulare nuove spese in iscrizioni e tesseramenti».

«Iniziare una nuova stagione senza sapere quando e come gestire è davvero complicato”. A parlare, ora, è Cristian Ardizzone, che insieme a Santo Di Mauro gestisce le sorti del FC Belpasso e che scandisce i tempi necessari: “Giugno è tardi, perché la programmazione parte dalla costruzione dello staff tecnico e per completare quello si susseguono valutazioni per scegliere ogni componente».

Ma il timore più grande è quello di esser lasciati soli da un tessuto imprenditoriale locale, sicuramente sfibrato dagli effetti devastanti della pandemia, i cui riflessi, secondo il misterbianchese Rasà si faranno sentire ben più a lungo della prossima stagione. Un grido d’allarme che necessita di risposte immediate. Alle Federazioni, nazionale e regionale, il compito di rispondere ai tanti dubbi.   


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]