Covid-19, da lunedì la Rap riapre i centri comunali di raccolta «Urgente riattivare il servizio di ritiro ingombranti a domicilio»

La Rap da lunedì 27 riaprirà i centri comunali di raccolta dei rifiuti (Ccr) chiusi dalla fine di marzo. Una ripresa del servizio graduale: al momento torneranno operativi, solo in orario antimeridiano, il Ccr Nicoletti e il Ccr Picciotti rispettivamente nella zona nord e nella zona sud della città. Entrambi saranno aperti, dal lunedì al sabato, eccetto festivi, dalle ore 7 alle ore 13. L’azienda che gestisce la raccolta rifiuti  precisa anche che «l’accesso dell’utenza e i conferimenti dovranno essere effettuati nel rispetto e in applicazione delle prescrizioni contenute nei DPCM e nelle ordinanze regionali di riferimento per il contenimento alla diffusione del Covid -19 e, principalmente, tenendo conto del distanziamento sociale». E da venerdì 24 aprile riattivato anche il servizio di ritiro sfalci di potature alla postazione mobile del parcheggio di via Galatea a Mondello.

Decisioni motivate dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dall’assessore Sergio Marino e dal presidente della Rap Giuseppe Norata: «In virtù degli ultimi provvedimenti emessi a livello nazionale e regionale, che avviano una fase di progressivo ritorno alla operatività di molti settori – dice Norata – anche la Rap intraprende questo percorso, partendo dai servizi utili perché i cittadini possano smaltire i propri rifiuti ingombranti o gli sfalci di potatura in modo corretto». Anche sul fronte istituzionale si punta a restituire alla città un senso di normalità, per quanto possibile: «In queste settimane la Rap ha garantito i servizi essenziali – ricordano il primo cittadino e l’assessore – ed ora si attrezza per un graduale ritorno se non alla normalità, comunque ad un livello di servizi tale da rispondere al meglio alle esigenze dei cittadini e del decoro della città».

Ma per il presidente dell’VIII Circoscrizione, Marco Frasca Polara, c’è un’altra necessità dei cittadini di cui sarebbe opportuno tenere conto in questo momento: «Ancora più urgente e necessaria della riapertura dei centri comunali di raccolta è la riattivazione del servizio di ritiro ingombranti a domicilio. Un servizio sospeso da più di un mese e che risulta indispensabile per le persone anziane e fragili impossibilitate a uscire a causa di questa emergenza sanitaria». Per Frasca Polara la scelta di sospendere questo servizio durante la quarantena «si è rivelata illogica e penalizzante. Ho chiesto a Rap e all’Amministrazione di correre ai ripari al più presto e di venire incontro alle esigenze dei più deboli, ripristinando la raccolta a domicilio degli ingombranti almeno per le persone anziane e fragili».


Dalla stessa categoria

Lascia un commento