Cosa nostra, da alcuni giorni Ciccio La Rocca è a casa Il boss vicino a Riina che «provava piacere a uccidere»

Da circa dieci giorni ha lasciato il penitenziario di Milano-Opera ed è rientrato, agli arresti domiciliari, nella sua casa di piazza Monte Carmelo, a San Michele di Ganzaria, nel Calatino. Si tratta dell’anziano boss mafioso Francesco La Rocca, 82 anni e qualche patologia clinica, capo e inventore nel 1981 della famiglia di Cosa nostra di Caltagirone. Una storia criminale segnata dalla vicinanza alla frangia stragista dei corleonesi e al capo dei capi Totò Riina. Il suo battesimo mafioso, con l’arcaico rito di affiliazione della pungiuta, risale al lontano 1956

«Adesso si trova sottoposto agli arresti domiciliari – spiega a MeridioNews il procuratore capo di Caltagirone Giuseppe Verzera – Confermo che è così già da alcuni giorni». Stando ad altre verifiche fatte da questa testata in ambienti investigativi, a La Rocca non è stato messo nessun braccialetto elettronico, almeno per il momento. Non è chiaro se nella decisione del tribunale di sorveglianza di Milano abbia inciso, e in che modo, la circolare del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria con cui, dal 21 marzo, è stato avviato il censimento dei detenuti a rischio durante l’emergenza Covid-19. Lo stesso tribunale, dopo il polverone sollevato in questi giorni per alcune scarcerazioni, ha precisato con una nota che nel caso riguardante il boss 78enne Francesco Bonura «è stata applicata la normativa ordinaria in relazione alle comprovate esigenze di salute dei detenuti». Di sicuro c’è che, in questi giorni, tra i detenuti nelle carceri c’è un grande fermento, con migliaia di loro che stanno riempiendo le cancellerie di istanze di scarcerazione.

Condannato all’ergastolo per associazione mafiosa e omicidio, dopo la strage di viale Lazio del 1969, La Rocca si sarebbe fatto carico di ospitare a Caltagirone Bernardo Provenzano, rimasto ferito nel regolamento di conti e costretto, per un breve periodo, a lasciare Palermo. «Ciccio mi ha svelato questo piccolo segreto, poi confermato da Provenzano», si legge in un vecchio verbale firmato dal pentito Giovanni Brusca. Entrato nella famiglia di Caltanissetta, nel 1981, La Rocca riuscì a rendersi autonomo creando quella di Caltagirone. Vicina a Nitto Santapaola e, successivamente, al gruppo capeggiato da Alfio Mirabile. Sul boss ha raccontato diversi aneddoti anche il collaboratore di giustizia Antonino Calderone. «Dopo che toglieva la vita a qualcuno – rivelò – si trasformava in una bestia, si scatenava, prendeva a calci il morto e gridava come una belva. Le persone preferiva strangolarle per non fare rumore con la vittima che si dibatteva e assumeva un’espressione terribile».

L’allevatore diventato padrone mafioso del Calatino aveva fatto nuovamente parlare di sé qualche anno fa, nel 2016. In occasione della processione del Venerdì Santo a San Michele di Ganzaria, c’era stata una deviazione del percorso effettuato dai portatori della statua del Cristo morto per raggiungere l’abitazione in cui vive la moglie dell’anziano padrino. Secondo il procuratore di Caltagirone Verzera, sarebbe stato tutto organizzato: nel balcone, infatti, era stato esposto pure uno stendardo. Nella dinastia mafiosa, l’anziano padrino non è l’unico La Rocca. Imbrigliati nella rete della giustizia sono finiti anche i nipoti Gesualdo e Francesco Gaetano La Rocca. E i figli Francesco Gioacchino e Gianfranco. Il primo avrebbe provato a riprendere in mano le redini della famiglia mentre il secondo è stato coinvolto in un’inchiesta su mafia e appalti. Il viaggio di ritorno a casa, La Rocca, come scrive Il Fatto Quotidiano, lo avrebbe affrontato in macchina, accompagnato da un parente.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]