La corsa di Catania verso il cielo con palazzi sempre più alti. Esperto: «Torri per pochi, aumenteranno i costi sociali»

Una corsa verso il cielo presentata come un’occasione di rigenerazione urbana all’insegna della sensibilità nei confronti dei cambiamenti a cui va incontro il mondo. Lo sviluppo verticale di Catania prende sempre più forma con cantieri e torri avveniristiche, più o meno alte, in diversi angoli del capoluogo etneo. Tra le più imponenti c’è Zefiro A, il cui scheletro ormai è ben visibile a Ognina, lungo la nuova bretella che conduce in via del Rotolo. Quattordici piani e 54 metri di altezza per un’operazione targata Zefiro Holding srl e un progetto affidato a Base51 Architettura. Lavori iniziati nel 2021 e non ancora ultimati, ma che hanno superato una denuncia sulla presunta illegittimità del permesso a costruire. In questo palazzo, tramite un video, ha raccontato di avere comprato casa la conduttrice Diletta Leotta. «La casa dei miei sogni – spiegava nel filmato – per un progetto di riqualificazione urbana sostenibile che nasce con lo scopo di vivacizzare una zona e donare alla città un’opera di architettura contemporanea».

Poco distante, al civico 27 di via Battello, è stata annunciata la costruzione di Torre Flo: dodici piani74 appartamenti, 120 metri quadrati di pannelli solari e 400 metri quadrati di giardino verticale. A occuparsi di tutta l’operazione è la società Nostra Immobiliare, attiva nel settore anche in Polonia. «Non ho un pregiudizio per torri o grattacieli. Resto perplesso però per la retorica con cui questi interventi, a Catania come a Milano, vengono presentati, ossia un’occasione di sviluppo sostenibile e di rigenerazione urbana. Si tratta, piuttosto, di una soluzione in cui l’architettura vuole essere glamour, per piacere e per piacersi, col rischio di incentivare processi di standardizzazione in termini di skyline», spiega a MeridioNews Carlo Colloca, professore associato di Sociologia urbana all’Università di Catania.

«La rigenerazione urbana tiene conto di aspetti economici, sociali e culturali – continua Colloca – Se andrà a finire come il bosco verticale di Stefano Boeri, dove gli appartamenti hanno un costo di 14mila euro a metro quadro, tutto questo come si sposerà con l’idea di sostenibilità? Ho la sensazione che i profili estetici di operazioni del genere abbiano schiacciato quelli etici. Un po’ come nel Medioevo, dove si faceva a gara ad avere la casa-torre più alta per ostentare la propria posizione socio-economica».

L’altro nodo della riflessione è quello legato alla coerenza di questi interventi con il paesaggio circostante. Zefiro A, per esempio, si imporrà in tutto lo scenario del borgo marinaio di Ognina e di rimando anche nello storico quartiere Picanello. In città però ci sono altre costruzioni quasi complete. In via Vincenzo Giuffrida c’è Torre G. Appartamenti realizzati da LA.GI. Costruzioni di Catania, mentre a curare il progetto è sempre lo studio Base51 Architettura. Si tratta di una torre residenziale di 11 piani e alta 40 metri. C’è poi il residence Blu, lo sta costruendo Pyramis Costruzioni su progetto di Base51: sette piani più il parcheggio in via Dalmazia 29. Lungo viale Africa, al civico 180 sorgerà il complesso Viva Flo. Il progetto prevede la realizzazione di 18 unità abitative, 9 uffici e 8 spazi a uso commerciali. Tutto distribuito su due palazzine. A occuparsi del progetto è la società Nostra Immobiliare, la stessa di Torre Flo a Ognina. Il nuovo complesso di fatto sarà a pochi metri di distanza dalla nuova cittadella giudiziaria. Un nuovo complesso è in costruzione anche in via Scammacca, nei pressi di via Firenze. La ditta committente è la Immogest, operativa dal 2019 e con sede a Catania: il progetto prevede la realizzazione di un blocco edilizio a 15 elevazioni e con posti auto interrati.

«Catania vista dall’alto è qualcosa di disorganico e tra un po’ vedremo svettare anche queste torri. E poi, quando abbassiamo gli occhi sulla città, registriamo una profonda fragilità della dimensione sociale e comunitaria. Crescere in verticale con torri accessibili a pochi incrementerà potenzialmente costi sociali, ossia l’espulsione verso nuovi ghetti urbani di popolazioni urbane economicamente vulnerabili». Riferimento, con le dovute proporzioni, non solo alle torri di Milano, ma anche a quelle che caratterizzano diverse città arabe. «Noi abbiamo l’unicità del paesaggio etneo, che aggrediamo da tempo. Fondare una nuova città nel deserto è un discorso, alterare un paesaggio ben definito (da quello etneo ai paesaggi toscani, ndr) è altro. Non vorrei che fosse una scelta conformista per inseguire il sogno di una Milano del Sud che ormai non esiste più».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una corsa verso il cielo presentata come un’occasione di rigenerazione urbana all’insegna della sensibilità nei confronti dei cambiamenti a cui va incontro il mondo. Lo sviluppo verticale di Catania prende sempre più forma con cantieri e torri avveniristiche, più o meno alte, in diversi angoli del capoluogo etneo. Tra le più imponenti c’è Zefiro A, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]