Corruzione nelle forniture ospedaliere, nove misure cautelari: arrestato anche il noto cardiologo catanese Tamburino

Corruzione nelle forniture ospedaliere. Sono nove le misure cautelari agli arresti domiciliari eseguite dalla guardia di finanza etnea nelle province di CataniaMessinaPalermoRagusaSiracusa e Perugia, col supporto dei comandi provinciali del Corpo. Tra i destinatari quattro direttori d’Unità operative complesse di aziende ospedaliere della Sicilia orientale. In questo gruppo, secondo quanto verificato da MeridioNews, rientra il noto cardiologo Corrado Tamburino. Il medico, professore ordinario di Cardiologia all’Università di Catania, ha ricoperto l’incarico di direttore della scuola di specializzazione di Cardiologia. Nel suo curriculum sono riportate oltre 20mila diagnosi e interventi, alcuni dei quali sono stati eseguiti in Italia per la prima volta da lui. Soltanto a metà giugno Tamburino aveva lasciato il suo incarico all’azienda Policlinico di Catania per accettare un nuovo incarico al Centro Cuore Morgagni. Un passaggio che il cardiologo aveva commentato così: «Voi tutti sapete che a suo tempo ho chiesto a mia figlia e mio genero di non lavorare nel pubblico con me, indirizzandoli verso un percorso diverso. Adesso mi si offre l’opportunità di un incarico e di potermi ricongiungere professionalmente ai miei affetti con in mano una nuova sfida, fonte di energia e stimoli».

Gli altri cardiologi coinvolti sono Antonio Micari, in servizio al Policlinico di Messina, Marco Contarini, direttore di Cardiologia all’ospedale Umberto I di Siracusa e Antonino Nicosia, vertice del dipartimento Cardio-Neuro-Vascolare dell’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa. Le misure cautelari riguardano anche rappresentanti di società di distribuzione locale di multinazionali di dispositivi medici, un rappresentante delle multinazionali e un provider per l’organizzazione di eventi, a vario titolo indagati in concorso per falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Ai domiciliari anche Rosa Vitale, Caterina Maugeri, Giancarlo Antonio Girlando, Francesco Dottorini e Pietro Sola.

Le prime tre persone sono rappresentanti rispettivamente delle società Presifarm, Archigen e Cardiovascular, Dottorini è manager di un’azienda che produce valvole aortiche ed endoprotesi coronariche e vascolari (i cosiddetti stent), Pietro Sola è amministratore della Collage Spa. L’operazione è stata denominata Vasi comunicanti. Stando alle accuse, i medici avrebbero ricevuto somme di denaro per favorire le aziende private per la fornitura di stent.

L’indagine avrebbe scoperto delle presunte sponsorizzazioni economiche di eventi formativi medici come schermo per nascondere la corruzione di dirigenti sanitari messa in atto da società che distribuiscono in Sicilia dispositivi medici prodotti da alcune multinazionali. Queste sponsorizzazioni economiche avrebbero avuto lo scopo di ottenere in cambio l’impegno dei dirigenti sanitari a favorire le ditte più generose, garantendo l’uso effettivo di un numero maggiore di propri dispositivi medici nel corso degli interventi chirurgici. Tra gli eventi finiti sotto la lente d’ingrandimento della procura un congresso di tre giorni che si è svolto a inizio maggio ad Aci Castello, nel Catanese. Ad organizzarlo sono stati proprio Tamburino, Micari, Contarini e Nicosia. In questa occasione, secondo la ricostruzione dei magistrati, le imprese produttrici di stent avrebbero raccolto somme per circa 500mila euro.

Le stesse imprese si sarebbero poi aggiudicate le gare aziendali, di bacino o della Centrale unica di committenza della Regione siciliana per l’acquisto dei dispositivi medici. Si tratta di affidamenti caratterizzati da lotti a consumo, che consentirebbero ai direttori dei reparti ospedalieri e dei dipartimenti delle aziende ospedaliere di incidere con le loro decisioni e con il loro operato sulla quantità e sulla tipologia di dispositivi medici da far acquistare all’azienda ospedaliera di riferimento.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Corruzione nelle forniture ospedaliere. Sono nove le misure cautelari agli arresti domiciliari eseguite dalla guardia di finanza etnea nelle province di Catania, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Perugia, col supporto dei comandi provinciali del Corpo. Tra i destinatari quattro direttori d’Unità operative complesse di aziende ospedaliere della Sicilia orientale. In questo gruppo, secondo quanto verificato da MeridioNews, rientra il noto cardiologo Corrado Tamburino. […]

Corruzione nelle forniture ospedaliere. Sono nove le misure cautelari agli arresti domiciliari eseguite dalla guardia di finanza etnea nelle province di Catania, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Perugia, col supporto dei comandi provinciali del Corpo. Tra i destinatari quattro direttori d’Unità operative complesse di aziende ospedaliere della Sicilia orientale. In questo gruppo, secondo quanto verificato da MeridioNews, rientra il noto cardiologo Corrado Tamburino. […]

Corruzione nelle forniture ospedaliere. Sono nove le misure cautelari agli arresti domiciliari eseguite dalla guardia di finanza etnea nelle province di Catania, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Perugia, col supporto dei comandi provinciali del Corpo. Tra i destinatari quattro direttori d’Unità operative complesse di aziende ospedaliere della Sicilia orientale. In questo gruppo, secondo quanto verificato da MeridioNews, rientra il noto cardiologo Corrado Tamburino. […]

Corruzione nelle forniture ospedaliere. Sono nove le misure cautelari agli arresti domiciliari eseguite dalla guardia di finanza etnea nelle province di Catania, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Perugia, col supporto dei comandi provinciali del Corpo. Tra i destinatari quattro direttori d’Unità operative complesse di aziende ospedaliere della Sicilia orientale. In questo gruppo, secondo quanto verificato da MeridioNews, rientra il noto cardiologo Corrado Tamburino. […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]