Coronavirus, solidarietà e iniziative nel Catanese Volontari al lavoro per anziani e immunodepressi

«Se in questo delicato momento non possiamo offrirvi concerti e spettacoli, possiamo invece dare una mano a tutte le persone che devono tutelarsi ed evitare i luoghi pubblici e sovraffollati». L’avviso dell’associazione culturale Gammazita di piazza Federico di Svevia è rivolto a tutti gli abitanti del quartiere. Ai tempi dell’emergenza coronavirus e degli obblighi (solo di distanza in bar e ristoranti, anche di chiusura in pub, discoteche e palestre), tra i volontari di San Cristoforo la scelta è di guardare agli altri. «Se sei un 70enne o una diversamente giovane – continua ironicamente l’avviso – se hai patologie e non hai nessuno che può darti una mano, chiedi a noi. Saremo lieti di aiutarti come possiamo per fare la spesa e comprare le medicine […] Il coronavirus lo combattiamo con la solidarietà».

Il contagio in Sicilia continua a salire, Catania resta la città con il più alto numero di casi e, mentre gli infettivologi invitano a evitare di mettere alla gogna chi è tornato dalla Lombardia prima che ne venissero chiusi i confini, l’obiettivo è collaborare nella rimodulazione di una movida cittadina sostenibile. Stamattina, intervistato da MeridioNews, Carmelo Iacobello dell’ospedale Cannizzaro di Catania ha rivolto un appello ai giovani, affinché applichino tutte le cautele necessarie a tutelare soprattutto gli anziani. E i volontari di quartiere hanno deciso di fare la propria parte. 

Anche dal Consiglio comunale di Catania (le cui sedute sono sospese fino a data da destinarsi) arriva una proposta concreta per il sindaco Salvo Pogliese e la giunta. La consigliera Francesca Ricotta di Italia viva ha depositato, questa mattina, una mozione per invitare il primo cittadino e l’assessore alle Attività produttive Ludovico Balsamo a «farsi promotori nel coinvolgere le attività commerciali, e in particolare i supermercati, a effettuare gratuitamente il servizio a domicilio agli over 65 e alle persone affette da patologie croniche». 

Cioè i soggetti più a rischio, affinché riducano gli spostamenti e, di conseguenza, la possibilità di contrarre il virus. Una volta adottata la misura, continua la consigliera, l’amministrazione dovrebbe comunicare l’elenco delle attività commerciali aderenti, in modo da permetterne la consultazione a chi potrebbe averne bisogno. Del medesimo tenore, in provincia, l’iniziativa dell’associazione Muoviti Paternò, composta per lo più da studenti universitari. «Faremo la spesa e compreremo i medicinali ad anziani e immunodepressi che ci contatteranno tramite il numero di telefono 3247806410». Allo stesso numero è disponibile anche un canale WhatsApp.

Non si fermano, invece, le iniziative del Giardino di Scidà, il bene confiscato alla mafia in via Randazzo e affidato a I Siciliani giovani. Il blocco delle visite di istruzione ha fermato anche le comitive di studenti che avrebbero dovuto parlare di antimafia nell’immobile confiscato a un prestanome di Nitto Santapaola. «Le giuste misure di prevenzione legate all’epidemia di Covid-19 hanno sospeso tutto», si legge in un comunicato diffuso alla stampa. La contromisura è uguale a quella che stanno sperimentando, proprio in questi giorni, le scuole di ogni ordine e grado: lo streaming online. La piattaforma scelta è Twich.tv, dove saranno trasmesse in diretta ogni martedì e giovedì, alle 10.30, le lezioni dei volontari su Cosa nostra e la legalità.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]