Consorzi, Niscemi e P.zza Armerina al voto a Catania, ma l’affluenza è un flop

Che i partiti siano in crisi è diventato ormai un luogo comune. Eppure spesso sono gli stessi esponenti politici a metterci del proprio. Prendiamo il caso del referendum consultativo di ieri, col quale i comuni di Niscemi e Piazza Armerina hanno detto sì all’adesione al libero consorzio facente capo a Catania. Manifestando così l’intenzione di staccarsi rispettivamente dalle province di Caltanissetta ed Enna. Le percentuali dei votanti sono state bassissime. A Piazza Armerina i sì, cioè l’83 per cento dei votanti, sono stati 4mila e 86 mentre coloro che hanno espresso il proprio no sono stati 336. Meno delle schede bianche o nulle, a quota 483. Il dato dell’affluenza insomma è piuttosto misero: considerando un totale di oltre 18mila aventi diritto, siamo intorno al 22 per cento. Peggio delle ultime elezioni europee del 25 maggio quando a votare era andato il 36 per cento degli elettori.

Va ancora peggio a Niscemi, dove è andato a votare praticamente un elettore su dieci: solo 2mila e 539 le persone che si sono recate alle urne, a fronte di 25mila iscritti nelle liste del Comune del Muos. Non sembrava neanche giornata di voto, dicono in tanti. Un insuccesso che non sembra colpire il Partito Democratico di Niscemi, che in un comunicato preferisce concentrarsi «sull’esito del referendum che ha visto la quasi totalità dei votanti esprimersi per il sì». Anche il sindaco di Niscemi Francesco La Rosa, ai microfoni dell’emittente locale Canale10, si dice «soddisfatto dei numeri». Nonostante avesse pronosticato nei giorni addietro un’affluenza almeno del 30 per cento.

Al di là dell’affluenza, diventano al momento tre i Comuni siciliani ad aver completato l’iter per aderire ai libero consorzio etneo: Niscemi e Piazza Armerina si aggiungono a Gela. Una scelta delle amministrazioni prima che dei cittadini, motivata dalla legge votata all’Ars l’11 marzo 2014 che istituisce non solo i liberi consorzi ma anche le città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. L’ipotesi ancora in ballo è la formazione di un altro libero consorzio a sud della Sicilia, a cavallo delle ex tre province di Catania, Enna e Ragusa. Tanto che al voto potrebbero arrivare presto anche Mazzarino ed Acate.

L’ipotesi del consorzio gelese ha alimentato l’attivismo del Comitato per lo sviluppo dell’area gelese, un organismo composto da una quarantina di associazioni che da anni si batte per istituire prima la provincia e adesso il libero consorzio. E il referendum apripista, svoltosi a Gela il 13 luglio scorso, nonostante una grande campagna a favore del voto, aveva prodotto solamente un’affluenza del 36 per cento. Con un plebiscito pressoché totale del 99,2 per cento dei votanti che si erano espressi favorevolmente. Secondo Filippo Franzone, presidente del Comitato per lo sviluppo dell’area gelese, restare in quello che dovrebbe essere il libero consorzio nisseno ma senza Gela e Niscemi sarebbe un autogol, «con poche prospettive di sviluppo e destinato a ridimensionare i propri servizi», ha dichiarato l’esponente del comitato al Corriere di Gela.

Il condizionale però è d’obbligo. Pochi giorni fa ha scatenato polemiche una dichiarazione dell’assessore regionale agli Enti Locali Patrizia Valenti, non confermata ma nemmeno smentita dal presidente Rosario Crocetta, ex sindaco di Gela: «Il referendum non è valido perché era necessario raggiungere il quorum, come previsto dallo statuto del Comune». Affermazioni rispedite al mittente dal sindaco Angelo Fasulo. «Non è così – ha replicato – abbiamo consultato tanti costituzionalisti che hanno confermato che il referendum per i liberi consorzi è valido anche senza il quorum dei votanti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Stravincono i sì, ma l'affluenza al referendum che ha visto le due cittadine dire sì al libero consorzio etneo è ai minimi storici: 10 per cento nel Comune del Muos, il 22 nella città della Villa del Casale. I politici locali cantano comunque vittoria, pure con i dubbi sulla necessità del quorum, finora non raggiunto da nessuno. A sperare è soprattutto Gela, che ha espresso voto favorevole lo scorso 13 luglio. E a breve potrebbe toccare ad Acate a Mazzarino

Stravincono i sì, ma l'affluenza al referendum che ha visto le due cittadine dire sì al libero consorzio etneo è ai minimi storici: 10 per cento nel Comune del Muos, il 22 nella città della Villa del Casale. I politici locali cantano comunque vittoria, pure con i dubbi sulla necessità del quorum, finora non raggiunto da nessuno. A sperare è soprattutto Gela, che ha espresso voto favorevole lo scorso 13 luglio. E a breve potrebbe toccare ad Acate a Mazzarino

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]